Ultime notizie

ursula

  • 20 gennaio 2023
    Il nuovo paradigma che chiede Davos

    Commenti

    Il nuovo paradigma che chiede Davos

    A fronte di una presenza più debole dei rappresentanti politici mondiali a Davos 2023, questa edizione del World Economic Forum ha un record storico di partecipanti del mondo economico e finanziario, con un mix ancora più internazionale delle precedenti edizioni

    “Babylon”, la golden age di Hollywood in un film debordante e sfrenato

    Cultura

    “Babylon”, la golden age di Hollywood in un film debordante e sfrenato

    Arriva nelle sale il nuovo lungometraggio di Damien Chazelle con protagonisti Margot Robbie e Brad Pitt

  • 19 gennaio 2023
    Difesa dell’industria: ecco qual è la risposta dell’Europa agli Stati Uniti

    24Plus

    24+ Difesa dell’industria: ecco qual è la risposta dell’Europa agli Stati Uniti

    Per difendere l’industria europea, l’Unione sta mettendo a punto una risposta all’Inflation Reduction Act del governo Usa

    Un Fondo sovrano per costruire l’Europa del futuro

    Commenti

    Un Fondo sovrano per costruire l’Europa del futuro

    È un fatto noto che, nell’attuale geopolitica mondiale, l’Unione europea sia un’area geografica del tutto peculiare.

    Ue - Bonomi, presidente Confindustria, a 24 Mattino su Radio 24: aiuti Stato strumento asimmetrico, strada è Eurobond

    Economia

    Ue - Bonomi, presidente Confindustria, a 24 Mattino su Radio 24: aiuti Stato strumento asimmetrico, strada è Eurobond

    Gli aiuti di Stato sono “uno strumento asimmetrico”, “la strada è quella degli Eurobond, un’emissione finanziaria garantita dall’Ue: non può che essere uno strumento finanziario comune a sostenere un intervento industriale comune”. Lo ha rimarcato il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, a 24 Mattino su Radio 24, riferendosi anche al piano industriale green lanciato dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. “Come industria europea non possiamo permetterci una guerra commerciale con gli Stati Uniti o con la Cina. Abbiamo la necessità di mettere in campo strumenti comunitari per la transizione a industria 5.0. Quindi ben venga l’annuncio del piano green ma non può essere finalizzato solo al green, dobbiamo tenere dentro tutte le filiere”, ha detto. Gli aiuti di Stato sono “un intervento asimmetrico perché favorisce i Paesi che hanno maggior spazio fiscale: nel 2022 gli aiuti di Stato autorizzati dall’Ue sono stati 540 miliardi, il 49,3% è stato utilizzato dalla Germania, il 29,9% dalla Francia e solo il 4,7% dall’Italia. Questo dà la dimensione di come anche all’interno dellEuropa non possiamo mettere in campo strumenti asimmetrici perché favoriamo alcune industrie e non altre”, ha sottolineato ancora Bonomi a Radio 24.

    Ue - Bonomi, presidente Confindustria, a 24 Mattino su Radio 24: aiuti Stato strumento asimmetrico, strada è Eurobond

    Economia

    Ue - Bonomi, presidente Confindustria, a 24 Mattino su Radio 24: aiuti Stato strumento asimmetrico, strada è Eurobond

    Gli aiuti di Stato sono “uno strumento asimmetrico”, “la strada è quella degli Eurobond, un’emissione finanziaria garantita dall’Ue: non può che essere uno strumento finanziario comune a sostenere un intervento industriale comune”. Lo ha rimarcato il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, a 24 Mattino su Radio 24, riferendosi anche al piano industriale green lanciato dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. “Come industria europea non possiamo permetterci una guerra commerciale con gli Stati Uniti o con la Cina. Abbiamo la necessità di mettere in campo strumenti comunitari per la transizione a industria 5.0. Quindi ben venga l’annuncio del piano green ma non può essere finalizzato solo al green, dobbiamo tenere dentro tutte le filiere”, ha detto. Gli aiuti di Stato sono “un intervento asimmetrico perché favorisce i Paesi che hanno maggior spazio fiscale: nel 2022 gli aiuti di Stato autorizzati dall’Ue sono stati 540 miliardi, il 49,3% è stato utilizzato dalla Germania, il 29,9% dalla Francia e solo il 4,7% dall’Italia. Questo dà la dimensione di come anche all’interno dellEuropa non possiamo mettere in campo strumenti asimmetrici perché favoriamo alcune industrie e non altre”, ha sottolineato ancora Bonomi a Radio 24.

    Perché alla politica industriale servono gli Eurobond

    24Plus

    24+ Perché alla politica industriale servono gli Eurobond

    Avviare la creazione di un Fondo sovrano europeo può essere, se non la soluzione definitiva, una tappa di avvicinamento verso un’Europa che ha finalmente come obiettivo quello di mettere in campo tutto il suo effettivo potenziale

  • 18 gennaio 2023
    Bonomi: focalizzare la politica industriale Ue sugli aiuti di Stato favorisce chi ha più spazi di bilancio

    Italia

    Bonomi: focalizzare la politica industriale Ue sugli aiuti di Stato favorisce chi ha più spazi di bilancio

    Il presidente di Confindustria ha ricordato, per quanto riguarda gli aiuti di Stato nel 2022, che dei 540 miliardi autorizzati dall’Unione europea, praticamente il 50% li ha presi la Germania e il 30% la Francia. L’Italia solo il 4,7%