Ultime notizie

Roberto Rosso

  • 07 giugno 2016
    A Torino il Pd perde il primato, M5S al 31%

    Notizie

    A Torino il Pd perde il primato, M5S al 31%

    Torino - Si riparte da capo. L’ultimo miglio di campagna elettorale per il sindaco uscente di Torino, Piero Fassino, prende il via dal vantaggio, quasi 11 punti, rispetto alla sua sfidante, Chiara Appendino (30,92% delle preferenze). Per la candidata Cinque Stelle, invece, il punto di partenza è il

  • 04 giugno 2016
    Coalizioni divise con incognita M5S

    Notizie

    Coalizioni divise con incognita M5S

    Una corsa affollata, con 17 candidati sindaco e fin troppo fair play. Piero Fassino corre per il suo secondo mandato, questa volta con Sel fuori dalla coalizione a sostenere, insieme a Verdi e Rifondazione, Giorgio Airaudo, deputato di Sel ed ex segretario torinese della Fiom. Per l’attuale primo

    Torino

    Notizie

    Torino

    Piano per ridurre la zavorra del debitoVale 2,8 miliardi il debito che grava sulle spalle dell’amministrazione comunale di Torino. Eredità di una stagione di investimenti in infrastrutture (dalla metro alle opere per le Olimpiadi Invernali del 2006) che risale ai primi anni Duemila. Il sindaco

    Lo spettro dell’astensionismo sulle elezioni amministrative

    Notizie

    Lo spettro dell’astensionismo sulle elezioni amministrative

    C’è uno spettro che si aggira sulle elezioni di domani: l’astensionismo. Quella fetta sempre più grande di italiani che negli ultimi anni ha progressivamente deciso di chiamarsi fuori dalla partecipazione al voto, vuoi per disincanto vuoi per protesta. Lo ha ricordato il Censis: nei sette

  • 03 giugno 2016
    Campagna elettorale al gran finale: le sfide cruciali nelle grandi città

    Notizie

    Campagna elettorale al gran finale: le sfide cruciali nelle grandi città

    Oggi gran finale di campagna elettorale nelle 1.342 città in cui domenica oltre 13 milioni di italiani sono chiamati al voto. I riflettori, si sa, sono puntati su Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna. Perché anche se il premier Matteo Renzi e la ministra Maria Elena Boschi hanno ripetuto in più