Ultime notizie

pcus

  • 18 luglio 2019
    La corsa alla luna e la geopolitica Usa-Urss negli anni della guerra

    Economia

    La corsa alla luna e la geopolitica Usa-Urss negli anni della guerra

    Lo sbarco americano sulla Luna fu devastante per il morale dei russi. Il racconto degli anni in cui la conquista dello spazio era una dimensione della guerra fredda, e di quando fu sostituito dalla corsa agli armamenti nucleari.

  • 19 giugno 2019
    Da De Gasperi a Salvini: le trasferte oltreoceano per ottenere l’investitura politica dagli Usa

    Notizie

    Da De Gasperi a Salvini: le trasferte oltreoceano per ottenere l’investitura politica dagli Usa

    La prassi non è nuova. Il vicepremier Matteo Salvini è da poco tornato dagli States, dove è stato ricevuto dal segretario di Stato Mike Pompeo e dal vice presidente Mike Pence. Una trasferta che è giunta dopo il boom della Lega alle europee: una tornata elettorale che nella sostanza ha riscritto

  • 18 dicembre 2018
    Rifiuti, maggioranza divisa sulla norma azzoppa-riciclo. A rischio il ricupero

    Impresa e Territori

    Rifiuti, maggioranza divisa sulla norma azzoppa-riciclo. A rischio il ricupero

    Posizioni contrapposte nella maggioranza in Senato attorno alle regole “end of waste” sul riciclo. E torna a galla la norma azzoppa-riciclo che era stata soppressa la settimana scorsa; se dovesse essere approvata, potrebbe saltare — per una legge dello Stato — il riciclo di quei rifiuti che tornano

  • 16 marzo 2018
    I sette candidati (senza speranza) che sfidano Putin

    Mondo

    I sette candidati (senza speranza) che sfidano Putin

    DAL NOSTRO INVIATOMOSCA - In sette contro uno, a fare da sfondo. Sicuri che a vincere sarà lui. Che cosa motiva i candidati che domenica sfideranno Vladimir Putin senza alcuna speranza di avvicinarlo nel punteggio finale? All'unico che avrebbe le carte per farlo, Aleksej Navalny, non è stato

  • 02 febbraio 2018
    Gorby, il marziano della perestroika

    Mondo

    Gorby, il marziano della perestroika

    Non era facile entrare nell’edificio piuttosto lugubre al numero 4 di Staraya Ploshchad. Ancor meno lo era per i giornalisti occidentali accreditati in Unione Sovietica, ad eccezione di Giulietto Chiesa, allora corrispondente dell’Unità: per Michail Gorbaciov, Giulietto era il portavoce a Mosca