Ultime notizie

Paul Samuelson

Trust project

  • 17 gennaio 2019
    Scompare John Bogle, inventore degli Index Fund che invitava alla cautela in Borsa

    Finanza e Mercati

    Scompare John Bogle, inventore degli Index Fund che invitava alla cautela in Borsa

    New York - Magnate della finanza. Ma anche e soprattutto gran difensore degli azionisti. Fondatore del Vanguard Group e con questo fattosi pioniere di una lunga crociata che ha ridotto le commissioni e trasformato le azioni in prodotti “di massa”. Oracolo di investimenti a basso costo e di lungo

  • 12 dicembre 2017
    Insegnare con approccio pragmatico

    Notizie

    Insegnare con approccio pragmatico

    Una disciplina scientifica - o quasi scientifica - come l’economia migliora la sua capacità di descrivere e prevedere la realtà grazie alla ricerca, cioè all’elaborazione e alla verifica empirica di vecchi e nuovi modelli, ma nel contempo risulta capace di illuminare i cittadini sui suoi risultati

  • 31 ottobre 2017
    Andare oltre  i «mostri sacri» per capire i cambiamenti

    Commenti e Idee

    Andare oltre i «mostri sacri» per capire i cambiamenti

    Non ditelo agli studenti! Le cose che insegniamo nei corsi introduttivi di economia hanno ben poco a che fare con il modo in cui noi stessi facciamo economia. I grandi pensatori della metà del Novecento – John Maynard Keynes, Friedrich Hayek e John Nash – avviarono un processo che ha finito per

  • 30 ottobre 2017
    Two great economists are missing!

    Notizie

    Two great economists are missing!

    Don't let the students know! What we teach them in our intro classes bears little resemblance to how we do economics ourselves. The great mid twentieth century thinkers - John Maynard Keynes, Friedrich Hayek, and John Nash – initiated a process that eventually transformed how we now understand the

  • 26 luglio 2017
    Tre libri per capire come cambia «la scienza triste»

    Notizie

    Tre libri per capire come cambia «la scienza triste»

    Sembra non esserci fine alla sfilza di libri che criticano l’economia, e – dato che sono un’economista – è una forma di masochismo il fatto che io mi ostini a leggerli. E la cosa è ancora più snervante dal momento che le critiche sono sia ripetitive che malriposte.

  • 10 giugno 2017
    Massachusetts Institute of Technology: 375 super ricchi (per 215 miliardi di dollari complessivi)

    Mondo

    Massachusetts Institute of Technology: 375 super ricchi (per 215 miliardi di dollari complessivi)

    Chiudiamo la rassegna con il MIT, l'altra leggenda dell'educazione terziaria americana che a sede a Cambridge in Massachusetts, proprio come Harvard. Dall'università tecnologica statunitense vicina a Boston sono tra l'altro usciti i Nobel Franco Modigliani, Paul Samuelson e Robert Solow, l'ex

  • 09 novembre 2016
    È giunto il momento di abbandonare il Pil?

    Commenti e Idee

    È giunto il momento di abbandonare il Pil?

    In un anno caratterizzato dall’ascesa di movimenti populisti in Occidente e da magre prospettive di crescita economica nelle economie emergenti, gli uffici di statistica potrebbero decidere le sorti del nostro futuro. Tanto tra i cittadini comuni quanto tra economisti e policymaker vi è una

    E se fosse giunto il momento di abbandonare il Pil?

    Commenti e Idee

    E se fosse giunto il momento di abbandonare il Pil?

    In un anno caratterizzato dall’ascesa di movimenti populisti in Occidente e da magre prospettive di crescita economica nelle economie emergenti, gli uffici di statistica potrebbero decidere le sorti del nostro futuro. Tanto tra i cittadini comuni quanto tra economisti e policymakers vi è una

    In economia allacciamoci le cinture (se Trump non cambia idea)

    Mondo

    In economia allacciamoci le cinture (se Trump non cambia idea)

    Donald Trump: 45° presidente degli Stati Uniti d'America. Quello che per alcuni era sogno e per altri incubo è diventato realtà. Donald Trump, un candidato anomalo che ha catalizzato i malcontenti della società americana, ha saputo attirare voti anche fra coloro che, pur non toccati da malesseri e

  • 28 ottobre 2016
    Il libero scambio in catene

    Commenti e Idee

    Il libero scambio in catene

    All’inizio del nuovo millennio, quando il mondo è stato definito “piatto” a causa della sua apertura economica, il commercio internazionale era un argomento confinato alle pagine di business e alle discussioni tra tecnocrati. Oggi, il commercio è in cima all’agenda politica di gran parte del mondo;

    Il libero scambio in catene

    Commenti e Idee

    Il libero scambio in catene

    All’inizio del nuovo millennio, quando il mondo è stato definito “piatto” a causa della sua apertura economica, il commercio internazionale era un argomento confinato alle pagine aziendali e alle discussioni tra tecnocrati. Oggi, il commercio è in cima all’agenda politica di gran parte del mondo;

  • 08 agosto 2016
    L’economia spiegata da Nobel e grandi maestri

    Notizie

    L’economia spiegata da Nobel e grandi maestri

    Ci sono molti modi di raccontare l’economia, e uno di questi è quello di incontrare i ‘maestri’ e spiegare i loro contributi. In queste puntate abbiamo incontrato Adam Smith, il ‘padre dell’economia’ – ne abbiamo parlato numerose volte, a partire dalla puntata 2, «Crescete e moltiplicatevi».

    Dall’economia dell’ambiente ai Nobel, scopri quanto ne sai. Vai al quiz

    Notizie

    Dall’economia dell’ambiente ai Nobel, scopri quanto ne sai. Vai al quiz

    La preoccupazione per l’ambiente è una conquista relativamente recente. Prima si dava priorità allo sviluppo, “costi quel che costi”, oggi invece il pendolo sta oscillando dall'altra parte e lo sviluppo “sostenibile” è ormai un passaggio obbligato di ogni politica di espansione dell’economia.

  • 11 marzo 2016
    Ecco cos’è la stagnazione secolare e perché ci farà del male

    Mondo

    Ecco cos’è la stagnazione secolare e perché ci farà del male

    Nessuno nel 2009 avrebbe mai immaginato che i tassi Usa sarebbero rimasti a zero per sei anni, che quelli europei sarebbero diventati negativi, e che le banche centrali dei Paesi del G7 avrebbero aumentato il proprio bilancio di oltre cinque trilioni di dollari. E anche se l’avesse immaginato, non