Ultime notizie

ludwig mies

  • 27 giugno 2019
    Interior design, le pareti diventano trasparenti e «flessibili»

    Casa

    Interior design, le pareti diventano trasparenti e «flessibili»

    La vita di tutti noi è sempre più nomade, imprevedibile, soggetta a repentini e inaspettati mutamenti che ci portano a cambiare casa più spesso di una volta, o a viverla in modo differente a seconda dei periodi dell’esistenza e delle fasi della giornata. I contratti di lavoro sempre più di

  • 06 maggio 2019
    Mies, architetto da fumetto

    Cultura

    Mies, architetto da fumetto

    Il 2019 coincide col centenario della nascita del Bauhaus, la scuola d’arte, design e architettura di cui Walter Gropius fu fondatore e primo direttore. Ma coincide anche con il cinquantenario della morte di Ludwig Mies van der Rohe, che del Bauhaus fu l’ultimo direttore: dal 1930 all’11 aprile

  • 07 aprile 2019
    Salone del Mobile 2019, l’essenza dell’arredo-design in 10 icone storiche

    Notizie

    Salone del Mobile 2019, l’essenza dell’arredo-design in 10 icone storiche

    Alla fine degli anni Sessanta tre giovani designer – Piero Gatti, Cesare Paolini e Franco Teodoro – si presentarono da Aurelio Zanotta per proporgli di realizzare insieme una poltrona a partire da un sacco di plastica da riempire con l’acqua, capace di adattarsi alla posizione del corpo assumendo

  • 01 aprile 2019
    Salone del Mobile degli «sdraiati», è tornato il tempo per la   chaise longue

    Casa

    Salone del Mobile degli «sdraiati», è tornato il tempo per la chaise longue

    Rilassarsi, abbassare la guardia: per lasciarsi andare niente funziona meglio di un daybed. Lo aveva capito per primo il padre della psicoanalisi Sigmund Freud, che su un divano coperto da un tappeto persiano faceva stendere i suoi pazienti. Quell’antenato dei daybed contemporanei, che gli era

  • 27 aprile 2018
    Estetica e set per  telefoni bianchi

    Cultura

    Estetica e set per telefoni bianchi

    Il cinema italiano degli anni Trenta è poco conosciuto oggi. A confronto del Neorealismo del dopoguerra con i suoi celebri capolavori, la stagione dei telefoni bianchi viene considerata di scarso interesse artistico, con film che sono o frivole commedie romantiche o propaganda di regime. Una nuova