Ultime notizie

Gianluigi Simonetti

  • 21 settembre 2020
    La terapia della velocità

    Cultura

    La terapia della velocità

    «Nuova farmacia poetica» è l'eloquente sottotitolo di «La cura dello sguardo»: un libro rappresentativo di una nuova letteratura impegnata

  • 24 giugno 2020
    L’ansia del canone

    Cultura

    L’ansia del canone

    Un pool di seicento fra scrittori, critici, librai, editor, giornalisti hanno selezionato i titoli meritevoli fra le ultime uscite editoriali

  • 20 aprile 2020
    In edicola «La scuola cattolica» di Albinati

    Cultura

    In edicola «La scuola cattolica» di Albinati

    Dello Strega malignamente si dice che vada spesso al romanzo peggiore di autori anche bravi o bravissimi. Non è il caso della Scuola cattolica, che a distanza di quasi un lustro dall’uscita resta il libro più ambizioso di quell’annata letteraria e probabilmente il migliore che abbia scritto

  • 06 aprile 2020
    Votate il racconto vincitore del Premio Calvino!

    Cultura

    Votate il racconto vincitore del Premio Calvino!

    La «Domenica» del Sole 24 Ore invita i suoi lettori a votare il vincitore del Premio Calvino dedicato ai racconti. La scelta è tra i 10 testi selezionati dal Comitato direttivo del premio, cui hanno partecipato 742 persone. Il tema di quest'anno è “Leggere i venti”. Il vincitore selezionato dalla

  • 30 marzo 2020
    I vincitori dello Strega, ecco «Resistere non serve a niente» di Walter Siti

    Cultura

    I vincitori dello Strega, ecco «Resistere non serve a niente» di Walter Siti

    Resistere non serve a niente è un libro chiave nell’opera di Walter Siti, perché introduce due importanti novità: è il romanzo in cui viene meno (quasi del tutto) il racconto di sé in prima persona - l’«autobiografia di fatti non accaduti» messa a punto da Scuola di nudo a Troppi paradisi, e

  • 19 marzo 2020
    Divoratori della propria vita: nel romanzo di Walter Siti una cronaca della nostra autodistruzione

    Cultura

    Divoratori della propria vita: nel romanzo di Walter Siti una cronaca della nostra autodistruzione

    In «La natura è innocente», l’ultimo romanzo di Water Siti, i tre personaggi principali obbediscono a un desiderio distruttivo che scambiano per un istinto di natura, mentre è un bisogno culturale

  • 01 gennaio 2020
    Elena Ferrante, alla ricerca della verità nella violenza

    Cultura

    Elena Ferrante, alla ricerca della verità nella violenza

    Un libro ricco di affondi persuasivi ma non privo di zone d’ombra

  • 02 dicembre 2019
    L’uomo che si osservava dall’esterno: l’ «io» è un altro

    Cultura

    L’uomo che si osservava dall’esterno: l’ «io» è un altro

    Il protagonista di «Confidenza», il nuovo romanzo di Starnone, è un uomo che si è sempre sognato ineccepibile agli occhi degli altri, attraverso cui gli piace guardarsi: lui non si è mai piaciuto

  • 14 ottobre 2019
    Bret Easton Ellis: esce «Bianco», racconto di come l’epoca del consenso ci stia rubando la bellezza

    Cultura

    Bret Easton Ellis: esce «Bianco», racconto di come l’epoca del consenso ci stia rubando la bellezza

    In vari modi l’autore di «American Psycho» raffronta la sua vecchia idea d’arte come sorpresa o ferita con l’attuale bisogno – urgente soprattutto negli USA, ma ormai forte anche in Europa e in Italia – di confermare esteticamente le nostre identità e le nostre fedi

  • 08 luglio 2019
    Ma la letteratura non è un film

    Cultura

    Ma la letteratura non è un film

    Il premio Strega 2019 va quest’anno a M di Antonio Scurati, che riesce a imporsi su Fedeltà di Marco Missiroli (alla fine solo terzo, ma a lungo considerato vincitore in pectore). Il secondo posto di Benedetta Cibrario, con Il rumore del mondo, ambientato tra 1838 e 1848, conferma l’onda lunga del

  • 02 luglio 2019
    L’orrore a definirsi di una generazione

    Cultura

    L’orrore a definirsi di una generazione

    La migrazione torna a essere un tema narrativo centrale, mentre sul piano stilistico maturano nuovi ripensamenti della lingua della prosa italiana

    L’orrore a definirsi di una generazione

    L’orrore a definirsi di una generazione

    Tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta, quando la società italiana era scossa da tensioni violente, molti dei nostri più vivaci narratori esordienti presero a scrivere romanzi per così dire “in trasferta”: proiettandosi cioè in territori stranieri e lontani. Nascono così, da questo

  • 13 giugno 2019
    Premio Strega 2019, scopri i 5 romanzi finalisti

    Cultura

    Premio Strega 2019, scopri i 5 romanzi finalisti

    Entrano in cinquina M. Il figlio del secolo (Bompiani) di Antonio Scurati con 312 voti, Il rumore del mondo (Mondadori) di Benedetta Cibrario con 203 voti, Fedeltà (Einaudi) di Marco Missiroli con 189 voti, La straniera (La nave di Teseo) di Claudia Durastanti con 162 preferenze e Addio fantasmi (Einaudi) di Nadia Terranova con 159 sì.

  • 05 maggio 2019
    La via che separa e non porta

    Cultura

    La via che separa e non porta

    «Lo stradone» narra di un luogo singolare e carico di senso senza i conforti di esotismo e pedagogia

  • 04 marzo 2019
    Scurati, un Mussolini pieno di cliché

    Cultura

    Scurati, un Mussolini pieno di cliché

    Troppo impegnato a funzionare efficacemente sul piano narrativo, «M» ricorre a mezzi anche spicci: tutto è enfatico e greve e i personaggi sono sbozzati attraverso caratterizzazioni brutali