Ultime notizie

gargnano

  • 20 giugno 2018
    Quando riemerge la vecchia frontiera

    Impresa e Territori

    Quando riemerge la vecchia frontiera

    Un tempo la Valvestino apparteneva all’Impero Austriaco. E lì dove oggi c’è il lago che alimenta la centrale di Gargnano passava la frontiera, prima con la Repubblica di Venezia e poi con l’Italia. Il confine era collocato proprio nella parte settentrionale dell’attuale bacino, in località Lignago

    Valvestino, qui il tempo si è fermato

    Impresa e Territori

    Valvestino, qui il tempo si è fermato

    Il nome Valvestino deriva dai monti Vesta e Stino, che chiudono e delimitano la valle ad occidente. Leggenda narra che i sette paesi di questa zona (Armo, Bollone, Cadria, Cima Rest, Magasa, Persone e Turano) -  appartenenti al Parco Naturale Regionale dell' Alto Garda Bresciano - siano stati

    Bartali, D’Annunzio e quel Giro «autarchico»

    Impresa e Territori

    Bartali, D’Annunzio e quel Giro «autarchico»

    Il Giro d’Italia non è mai transitato dalla Val Vestino ma a Gardone Riviera, a pochi chilometri da Gargnano, molti anni fa ha scritto una pagina in cui si sono incrociati i destini di ciclismo, storia e letteratura. Era il 1937, quando la corsa rosa – che vedeva Gino Bartali già leader con un

    Un gigante con vista sul Garda

    Impresa e Territori

    Un gigante con vista sul Garda

    Alta 125 metri, costruita con 688 tonnellatedi ferro (presente nel calcestruzzo) e con una capacità di invaso di 52 milioni di metri cubi. Bastano questi numeri per intuire dimensioni e portata della diga di Ponte Cola (in Valvestino) che alimenta a valle – direttamente sul Lago di Garda –