Ultime notizie

franco lo voi

  • 27 giugno 2019
    Bufera procure, Ermini lascia il Disciplinare sul pm Palamara

    Italia

    Bufera procure, Ermini lascia il Disciplinare sul pm Palamara

    Il vice presidente del Csm non presiederà la sezione disciplinare che il 2 luglio prossimo deve decidere sulla richiesta del pg della Cassazione Riccardo Fuzio di sospendere dalle funzioni e dallo stipendio il pm Luca Palamara

  • 13 giugno 2019
    Toghe, i messaggi di Lotti contro Ermini. Il Colle indice elezioni suppletive al Csm

    Notizie

    Toghe, i messaggi di Lotti contro Ermini. Il Colle indice elezioni suppletive al Csm

    Operavano all’ombra del Consiglio superiore della magistratura, influendo direttamente sulle decisioni della Quinta commissione, quella che delibera gli incarichi direttivi e semidirettivi. Erano pronti a tutto - secondo il procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio - come creare

    Csm nella bufera: quattro addii e un autosospeso

    Notizie

    Csm nella bufera: quattro addii e un autosospeso

    Dopo Luigi Spina, Gianluigi Morlini e Antonio Lepre, anche Corrado Cartoni si dimette dal Consiglio superiore della magistratura. Resta in sella Paolo Criscuoli, autosospeso e appoggiato da Magistratura indipendente, in rotta di collisione con le altre correnti e con l'Associazione nazionale

  • 12 giugno 2019
    Caos Procure, l’intercettazione di Lotti: «Su Roma si vira su Marcello Viola»

    Notizie

    Caos Procure, l’intercettazione di Lotti: «Su Roma si vira su Marcello Viola»

    «Su Roma si vira su Marcello Viola», dice un convinto Luca Lotti, parlamentare democratico ed ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Lui, imputato nella Capitale nel processo Consip, decide con il collega dem Cosimo Ferri e con i magistrati Luca Palamara, Gianluigi Morlini, e Lugi Spina

  • 10 giugno 2019
    Caos procure, si riaprono i giochi per la nomina del procuratore a Roma

    Notizie

    Caos procure, si riaprono i giochi per la nomina del procuratore a Roma

    È resa dei conti nella magistratura: al Plenum del Csm di mercoledì potrebbe essere deliberato che la nomina del nuovo procuratore capo di Roma torni in V Commissione, quella che si occupa degli incarichi direttivi e semidirettivi. Nei fatti potrebbe essere disposta un’analisi più dettagliata delle

  • 05 giugno 2019
    Nomine, così è montato lo «scandalo» al Csm

    Notizie

    Nomine, così è montato lo «scandalo» al Csm

    Un «centro di potere» per decidere le nomine esternamente al Csm, l’organo di autogoverno della magistratura. Attorno a questo ruota lo scandalo che sta investendo il Consiglio e che ha già portato 5 consiglieri a lasciare l’incarico. Attualmente risultano in carica al Csm 11 togati e 5 laici (lo

  • 28 novembre 2016
    Mafia, amministrazione giudiziaria per la Bcc di Paceco

    Notizie

    Mafia, amministrazione giudiziaria per la Bcc di Paceco

    Porta il nome dell’intellettuale e senatore Pietro Grammatico, ma la Bcc di Paceco in provincia di Trapani era una banca al servizio della mafia. Quella che fa capo a Matteo Messina Denaro, il latitante che continua a controllare il territorio della Sicilia occidentale. Almeno così la pensano i

    La banca di Matteo Messina Denaro. Sotto inchiesta la Bcc di Paceco

    Notizie

    La banca di Matteo Messina Denaro. Sotto inchiesta la Bcc di Paceco

    Porta il nome dell'intellettuale e senatore Pietro Grammatico, ma la Bcc di Paceco in provincia di Trapani era una banca al servizio della mafia...

  • 03 novembre 2015
    Bagheria si rivolta contro il pizzo

    Commenti e Idee

    Bagheria si rivolta contro il pizzo

    Ha pagato per trent’anni, schiavo dei ricatti e delle minacce dei boss. C’era ancora la lira, erano gli anni Ottanta quando cominciò a pagare il pizzo e certo il clima era completamente diverso da quello di oggi. Con la mafia non si discuteva: si obbediva e basta.

  • 02 novembre 2015
    Mafia, rivolta di  36 imprenditori di Bagheria contro il  pizzo: 22 arrest

    Notizie

    Mafia, rivolta di 36 imprenditori di Bagheria contro il pizzo: 22 arrest

    Ha pagato per dieci anni, schiavo dei ricatti e delle minacce dei boss. C’era ancora la lira, erano gli anni Novanta e certo il clima era completamente diverso da quello di oggi. Lui è un imprenditore edile di Bagheria, nel pesantissimo mandamento mafioso della provincia di Palermo che fu rifugio