Ultime notizie

Central European University

  • 01 febbraio 2019
    Ungheria: a scuola solo libri di testo pubblicati dallo Stato (e antieuropei)

    Mondo

    Ungheria: a scuola solo libri di testo pubblicati dallo Stato (e antieuropei)

    Da quest’anno, i libri scolastici diffusi in Ungheria saranno pubblicati esclusivamente dal Centro statale dello sviluppo dell’istruzione (Ofi). Lo stabilisce la riforma dell’istruzione pubblica voluta dal governo di Viktor Orbán, con una legge che bandisce le edizioni private già in uso fra i

  • 23 gennaio 2019
    Dai Savi di Sion al piano Kalergi, le bufale razziste e antisemite che viaggiano online

    Notizie

    Dai Savi di Sion al piano Kalergi, le bufale razziste e antisemite che viaggiano online

    Il tweet antisemita di Elio Lannutti, senatore dei Cinque stelle, ha scomodato uno dei grandi classici della propaganda di settore: il protocollo dei Savi di Sion, un falso prodotto in Russia nel 1903 e rimasto in auge da allora sotto forma di teoria cospirazionista sulle «trame ebraiche» per il

  • 06 gennaio 2019
    Ungheria, in 10mila in piazza contro Orbán. Il governo: li paga Soros

    Mondo

    Ungheria, in 10mila in piazza contro Orbán. Il governo: li paga Soros

    Si riaccende la protesta contro Orbán. Almeno 10mila persone sono scese in piazza a Budapest, il 5 gennaio, per manifestare contro la cosiddetta «legge schiavitù» approvata dal governo a dicembre (incremento degli straordinari fino a 400 ore l’anno) e le sterzate autoritarie dell’esecutivo di

  • 21 dicembre 2018
    Europa: top e flop del 2018 fra manovra, Brexit e Orbán

    Mondo

    Europa: top e flop del 2018 fra manovra, Brexit e Orbán

    Non è stato un anno facile per l’Europa. A pochi giorni dal 2019, si possono tracciare i primi bilanci di chi è uscito bene (o male) da 12 mesi che hanno scosso più di un equilibrio interno alla Ue. Fra i “top” il numero uno della Bce Mario Draghi e Pierre Moscovici, tra i flop Emmanuel Macron e la

  • 19 novembre 2018
    Kurz, nuova beffa ai sovranisti: l'università di Soros si trasferisce a Vienna

    Mondo

    Kurz, nuova beffa ai sovranisti: l'università di Soros si trasferisce a Vienna

    Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha incontrato domenica 18 novembre George Soros, il finanziere e filantropo statunitense, per discutere i dettagli del trasferimento della Central European University da Budapest a Vienna. Un piano che sarà definito meglio oggi in un secondo colloquio con

  • 15 maggio 2018
    Soros lascia l’Ungheria: «Da Orban repressione mai vista nella Ue»

    Mondo

    Soros lascia l’Ungheria: «Da Orban repressione mai vista nella Ue»

    George Soros chiude il quartier generale della sua fondazione a Budapest e sposta tutti gli uffici a Berlino a causa «del contesto politico e legislativo sempre più repressivo» in Ungheria. Il premier Viktor Orban ha introdotto nel Paese una legge sulle università studiata per far chiudere la

  • 26 aprile 2017
    Legge sull’università, procedura di Bruxelles contro Orban

    Mondo

    Legge sull’università, procedura di Bruxelles contro Orban

    La Commissione europea ha compiuto oggi il primo passo verso una procedura d’infrazione contro l’Ungheria per la legge sull’istruzione superiore che minaccia l’esistenza della Central European University, l’università indipendente fondata dal finanziere americano, ma di origini magiare, George

  • 16 aprile 2017
    Riconoscere la paralisi  per battere il sovranismo

    Commenti e Idee

    Riconoscere la paralisi per battere il sovranismo

    Quasi tutti i sistemi politici del nostro continente si stanno ridefinendo a partire dalla frattura sull’Europa. Rispetto a questa frattura, destra e sinistra non sono distinguibili. Sia nell’una che nell’altra c’è chi vuole ritornare alle sovranità nazionali del passato e chi invece vuole

  • 30 marzo 2017
    Ungheria, Orban vuole chiudere l’università di Soros

    Mondo

    Ungheria, Orban vuole chiudere l’università di Soros

    L’Ungheria di Viktor Orban sta per introdurre una legge sulle università straniere che potrebbe costringere George Soros a chiudere la Central European University. Il provvedimento proposto questa settimana attacca direttamente, ancora una volta, le attività di Soros considerato dal premier Orban

  • 06 marzo 2017
    Da dove vengono (e dove ci porteranno) i nuovi populismi

    Commenti e Idee

    Da dove vengono (e dove ci porteranno) i nuovi populismi

    Nell’ultimo anno, il populismo ha gettato nello scompiglio le democrazie occidentali. Forze populiste diverse, sotto forma di partiti, leader e idee, hanno contribuito alla vittoria dei sostenitori della Brexit nel referendum britannico sulla permanenza nell’Ue e all’elezione di Donald Trump alla

  • 14 gennaio 2017
    Budapest, Orban va alla guerra contro le  Ong di Soros

    Mondo

    Budapest, Orban va alla guerra contro le Ong di Soros

    Alla continua ricerca di nemici, insistendo nella propria deriva autoritaria, l’Ungheria di Viktor Orban ha deciso di mettere al bando le organizzazioni non governative che si occupano di diritti civili, accusando direttamente il finanziere George Soros di essere al servizio dei poteri forti

    Orban va alla guerra contro le  Ong di Soros

    Mondo

    Orban va alla guerra contro le Ong di Soros

    Alla continua ricerca di nemici, insistendo nella propria deriva autoritaria, l’Ungheria di Viktor Orban ha deciso di mettere al bando le organizzazioni non governative che si occupano di diritti civili, accusando direttamente il finanziere George Soros di essere al servizio dei poteri forti

  • 21 dicembre 2016
    La strana alleanza tra l’estrema destra austriaca di Hofer e Putin

    Mondo

    La strana alleanza tra l’estrema destra austriaca di Hofer e Putin

    L’appuntamento è al Café Griensteidl, storico locale viennese in Michaelerplatz, 2, davanti ad una delle entrate principali dell’ex palazzo imperiale dell’Hofburg , oggi residenza del presidente della Repubblica. Il posto è tranquillo e molto frequentato dai viennesi e da molti turisti. Siamo nei

  • 03 dicembre 2016
    Un’Austria sempre più divisa torna a votare per il presidente

    Mondo

    Un’Austria sempre più divisa torna a votare per il presidente

    VIENNA - Caterina rassetta le camere all'Hotel Zeitgeist (spirito del tempo in tedesco ) di Vienna dove arriva ogni giorno in treno da un piccolo paese ungherese vicino al confine austriaco. Prende 900 euro al mese ma quando torna a casa i suoi euro valgono di più, in quanto moneta forte, rispetto