Ultime notizie

bronislaw komorowski

  • 28 maggio 2015
    Le quattro bombe a orologeria / La Polonia di Duda, il nazionalista ultraconservatore nemico dell'euro

    Notizie

    Le quattro bombe a orologeria / La Polonia di Duda, il nazionalista ultraconservatore nemico dell'euro

    Altro Paese che cresce bene, del 3% l'anno, o meglio del 100% nell'ultimo decennio, ma che definire “sereno” è fuorviante. In Polonia il vento anti-europeo ha portato alla presidenza Andrzej Duda, giovane candidato nazionalista ultraconservatore ed euroscettico che ha vinto il ballottaggio con il

  • 26 maggio 2015
    Quando la crescita non basta

    Mondo

    Quando la crescita non basta

    La ripresa sempre più solida della Spagna e la crescita impressionante della Polonia nell’ultimo decennio non hanno convinto gli elettori. In Spagna il Partito

  • 25 maggio 2015
    In Europa è ancora la primavera del malcontento

    Mondo

    In Europa è ancora la primavera del malcontento

    È ancora la primavera del malcontento in Europa. La Spagna della ripresa più spettacolare tra le grandi economie dell’euro area e la Polonia del miracolo d’integrazione a Est, e modello di convergenza con i valori dell’Unione, mandano segnali di rifiuto nei confronti dei rispettivi establishment

    La Polonia sceglie Duda, Komorowski ammette la sconfitta

    Mondo

    La Polonia sceglie Duda, Komorowski ammette la sconfitta

    È durata fino alla pubblicazione dei primi exit poll, poco dopo le 22:30 di ieri, l'incertezza sull'esito del ballottaggio alle elezioni presidenziali in Polonia. Pochi minuti dopo la diffusione degli exit poll che davano lo sfidante Andrzej Duda, 43 anni, euroscettico, in testa con il 53% e il

  • 11 maggio 2015
    Polonia, la destra euroscettica vince il primo turno delle presidenziali

    Mondo

    Polonia, la destra euroscettica vince il primo turno delle presidenziali

    Successo a sorpresa della destra euroscettica in Polonia: nel primo turno delle presidenziali è in testa Andrzej Duda, il candidato sostenuto dal maggiore partito di opposizione di destra (PiS), presieduto da Jaroslaw Kaczynski, il gemello del presidente Lech Kaczynski morto nel 2010 in una