Ultime notizie

baath

  • 17 maggio 2016
    Siria, la spartizione del territorio è già iniziata mentre a Vienna si tratta

    Mondo

    Siria, la spartizione del territorio è già iniziata mentre a Vienna si tratta

    Nessuno può vincere la guerra in Siria, solo la diplomazia è in grado di risolverla: così ripetono da mesi nelle cancellerie internazionali. Sappiamo che non è così. Bashar Assad era sull’orlo del baratro nel 2013, quando minacciavano di bombardarlo francesi e americani, poi i russi lo hanno

  • 15 marzo 2016
    Siria/Lo scoppio della rivolta (15 marzo 2011)

    Notizie

    Siria/Lo scoppio della rivolta (15 marzo 2011)

    Dopo le rivolte in Tunisia, Egitto e Libia, il 15 marzo del 2011 migliaia di dimostranti manifestano pacificamente nella città di Daraa, nella Siria meridionale, per chiedere le dimissioni del regime guidato dal presidente Bashar al-Assad. Il 18 marzo le manifestazioni si trasformano in proteste di

  • 20 novembre 2015
    Il destino di Raqqa ai tempi del Califfato

    Commenti e Idee

    Il destino di Raqqa ai tempi del Califfato

    Come si vive in Siria ai tempi del Califfato? Il destino di Raqqa, capitale dell'Isis bombardata da russi e francesi, racconta una storia emblematica della guerra siriana che racchiude prima la paura per la repressione esercitata dal regime di Bashar Assad, poi le speranze sollevate dall'avanzata

    Raqqa’s Fate in the Time of the Caliphate

    English Version

    Raqqa’s Fate in the Time of the Caliphate

    How is life in Syria in the time of the Caliphate? The fate of Raqqa, ISIS's capital, bombed by Russian and French airstrikes, tells a tale that is emblematic of the Syrian war, involving first the fear for the repression from the Bashar al-Assad regime, then the hopes raised by the advancement of

  • 16 novembre 2015
    Vi racconto com’è  Raqqa, il cuore di tenebra dell'estremismo islamico

    Mondo

    Vi racconto com’è Raqqa, il cuore di tenebra dell'estremismo islamico

    Il destino di Raqqa, capitale del Califfato bombardata la notte scorsa dall'aviazione francese, racconta una storia emblematica della guerra siriana che racchiude prima la paura per la repressione esercitata dalle milizie degli shabbya del regime di Bashar Assad, poi le speranze sollevate

  • 29 settembre 2015
    Obama all'Onu: un nuovo «movimento globale» contro il terrore

    Mondo

    Obama all'Onu: un nuovo «movimento globale» contro il terrore

    NEW YORK  - Con il Segretario della Nazioni Unite Ban Ki-Moon seduto al suo fianco, Barack Obama ha tenuto a battesimo quella che vorrebbe diventasse una nuova grande offensiva multilaterale contro Isis. Una battaglia, ha detto presiedendo oggi all'Onu un affollato summit sul terrorismo che ha

  • 21 agosto 2015
    Occorre  una strategia europea

    Mondo

    Occorre una strategia europea

    Che fare di fronte alla barbarie del Califfato? Il primo punto è che abbiamo la guerra alle porte di casa. L’Europa deve prendere atto di una realtà

  • 18 maggio 2015
    L’importanza del controllo di Ramadi, città simbolo per il Califfato

    Mondo

    L’importanza del controllo di Ramadi, città simbolo per il Califfato

    Come era accaduto a Mosul, l’esercito iracheno si è ritirato davanti al Califfato anche da Ramadi, questa volta in maniera meno disonorevole rispetto a un anno fa nel Nord ma con conseguenze devastanti dal punto di vista militare e umanitario. Il Pentagono sostiene che la coalizione internazionale

  • 17 aprile 2015
    «Ucciso al-Douri», l’ultimo grande latitante del regime di Saddam

    Mondo

    «Ucciso al-Douri», l’ultimo grande latitante del regime di Saddam

    Era l’ultimo grande latitante del regime di Saddam Hussein, già anziano - nato vicino a Tikrit nel 1942 - ma tutt’altro che fuori gioco: se l’uccisione a Salahuddin di Izzat Ibrahim al-Douri, rivendicata dalle milizie sciite, verrà confermata, si tratta di un duro colpo anche per lo Stato Islamico

    Iraq, «ucciso ex braccio destro di Saddam  alleato dell’Isis».  Baath smentisce

    Mondo

    Iraq, «ucciso ex braccio destro di Saddam alleato dell’Isis». Baath smentisce

    Era il braccio destro del Saddam Hussein, ex vicepresidente ai tempi del regime. Recentemente, Izzat Ibrahim al-Douri, ex vice presidente del consiglio del comando della Rivoluzione, giunta guidata dal defunto dittatore, si era alleato con i terroristi dello Stato Islamico (che sono sunniti come lo