Ultime notizie

assomarinas

  • 03 ottobre 2017
    «Per la nautica bisogna tornare ai tavoli tecnici»

    Norme e Tributi

    «Per la nautica bisogna tornare ai tavoli tecnici»

    «Il compito non è stato svolto fino in fondo». Così UCINA Confindustria Nautica in audizione al Senato sulla Riforma del codice di settore. «Al Parlamento chiediamo che spinga il Governo a utilizzare tutte le opportunità della Legge delega», ha spiegato il Vice Presidente Maurizio Balducci. «Non

  • 23 settembre 2017
    Estate con  ricavi record per i porti turistici italiani

    Impresa e Territori

    Estate con ricavi record per i porti turistici italiani

    Nel giorno dell’inaugurazione (il 21 settembre), il Salone nautico di Genova ha totalizzato, a quanto risulta, un numero di visitatori superiore di oltre il 10% rispetto alla giornata inaugurale dell’anno scorso. Il dato, emerso ieri, non è ancora ufficiale e bisogna anche tenere conto del fatto

    A Genova la nautica internazionale in vetrina

    Notizie

    A Genova la nautica internazionale in vetrina

    Radio24 è presente con i suoi studi e i suoi programmi alla 57edizione del Salone Nautico, in scena a Genova dal 21 al 26 settembre...

  • 19 settembre 2017
    Nautica: Ucina chiede integrazioni al codice

    Impresa e Territori

    Nautica: Ucina chiede integrazioni al codice

    Riforma del Codice della Nautica, bene, ma non basta. In queste ore di confronto finale, Ucina Confindustria Nautica ha chiesto al Ministro Graziano Delirio alcune modifiche al testo approvato dal Consiglio dei Ministri. Secondo l'Associazione - che rappresenta la filiera, dalla cantieristica alla

  • 22 agosto 2017
    Per i porti turistici la vera ripresa è rinviata al 2018

    Impresa e Territori

    Per i porti turistici la vera ripresa è rinviata al 2018

    Per i porti turistici italiani si prospetta una «possibile consistente ripresa nel 2018». Ma il 2017 è anno deludente rispetto alle attese, con il settore in leggera crescita (4-5%) ma ancora incapace di recuperare i traffici persi dopo il 2010. Insomma, «ci si aspettava di più». A spiegarlo è