Ultime notizie

assografici

  • 03 febbraio 2022
    Allarme cartotecnica: a rischio la produzione di cartoni, imballaggi e libri

    Economia

    Allarme cartotecnica: a rischio la produzione di cartoni, imballaggi e libri

    La situazione dei produttori è molto grave e da Bruxelles a Roma si chiedono provvedimenti mirati a sostegno del comparto per evitare lo stop a causa dei costi non più sostenibili

  • 17 novembre 2017
    Di cultura si può vivere: ecco come  la creatività  genera profitti

    Cultura

    Di cultura si può vivere: ecco come la creatività genera profitti

    Il gioco di parole narra l’ambizione e restituisce in modo efficace l’obiettivo. Ovvero dimostrare che esattamente come per i titoli di borsa, anche l’editoria , e in senso più esteso tutto il vasto mondo della creazione culturale, può movimentare importanti capitali, creare valore. Torna per il

  • 27 giugno 2017
    Carta e grafica: «Detrazioni fiscali per libri e giornali»

    Impresa e Territori

    Carta e grafica: «Detrazioni fiscali per libri e giornali»

    Economia circolare, industria 4.0, costi energetici, sostegno strutturale alla lettura con la richiesta – già fatta e rilanciata con più forza durante l’Assemblea annuale di ieri a Milano – di una detrazione fiscale del 19% per gli acquisti di libri e di abbonamenti a quotidiani e periodici. È

  • 21 aprile 2017
    Cultura e giornali, binomio che si rafforza

    Commenti e Idee

    Cultura e giornali, binomio che si rafforza

    Un fenomeno non nuovo, ma che negli anni sta cambiando sotto la spinta del mutare dei linguaggi, della velocità di comunicazione e dei modi di comunicare tanto condizionati dall’universo social. Gli inserti culturali dei quotidiani sembrano comunque vivere una fase rinnovato vigore in cui il

  • 01 dicembre 2016
    Per i dipendenti di carta e grafica 70 euro in più

    Impresa e Territori

    Per i dipendenti di carta e grafica 70 euro in più

    L’allungamento della durata del contratto, l’assistenza sanitaria integrativa per tutti e a carico solo del datore di lavoro, il recepimento del Jobs act senza alcuna deroga, e il miglioramento delle relazioni industriali. A questi, che si possono considerare gli elementi qualificanti del nuovo