Ultime notizie

Antonello Negri

  • 11 settembre 2016
    L’Atlante visivo di Boccioni

    Cultura

    L’Atlante visivo di Boccioni

    Nella primavera del 1913, Umberto Boccioni scrive a Gino Severini. Vuole delucidazioni su questa nuova maniera parigina dell’Orphisme (di cui ha già, comunque, una precisa idea: «è un truccatura dell’influenza futurista che non voglionon confessare») ma, soprattutto, gli chiede: «Cerca riproduzioni

  • 12 gennaio 2014
    Sbatti l'artista in ultima pagina  - 4

    Notizie

    Sbatti l'artista in ultima pagina - 4

    L'informazione italiana ha considerato l'arte contemporanea (e la competenza di chi firmava gli articoli) sempre un optional. Mostre e artisti uscivano nelle pagine di costume, mai in terza

  • 10 ottobre 2012
    Anni Trenta, il bello del fascismo

    Arteconomy

    Anni Trenta, il bello del fascismo

    Una rigorosa rassegna a Palazzo Strozzi indaga un periodo controverso della nostra storia, mettendo in luce figure e idee di rilievo, scaturite nonostante la cappa del regime

  • 07 ottobre 2012
    Anni Trenta, il bello del fascismo

    Cultura

    Anni Trenta, il bello del fascismo

    Una rigorosa rassegna a Palazzo Strozzi indaga un periodo controverso della nostra storia, mettendo in luce figure e idee di rilievo, scaturite nonostante la cappa del regime

  • 28 settembre 2012
    Anni Trenta, le mille voci dell'arte

    Cultura

    Anni Trenta, le mille voci dell'arte

    Anni vitali, propositivi, anni di intensi dibattiti e vivacità, anni in cui si dialoga con l'estero, nasce la radio, si afferma il design, anni che ancora

  • 06 dicembre 2011
    Il benessere si è messo in Mostra

    Arteconomy

    Il benessere si è messo in Mostra

    In tempo di crisi, fiere e kermesse d'arte sembrano andare a gonfie vele. Tre libri spiegano i motivi: sono luoghi di pensiero fluido, piccole ambasciate, punti d'incrocio tra cultura e mercato

  • 04 dicembre 2011
    Il benessere si è messo in Mostra

    Cultura

    Il benessere si è messo in Mostra

    In tempo di crisi, fiere e kermesse d'arte sembrano andare a gonfie vele. Tre libri spiegano i motivi: sono luoghi di pensiero fluido, piccole ambasciate, punti d'incrocio tra cultura e mercato