Ultime notizie

Angus Deaton

  • 30 giugno 2020
    Sottoccupati e malpagati, la crisi dei “buoni lavori” in Europa e Usa

    24Plus

    24+ Sottoccupati e malpagati, la crisi dei “buoni lavori” in Europa e Usa

    I “buoni lavori” sono cruciali perché l’economia prosperi, la classe media cresca, il settore imprenditoriale si espanda e, più importante, per lo sviluppo umano. Ma è lecito chiedersi se adesso sia ancora così

  • 19 maggio 2020
    L’egemonia del Pil e la qualità della vita

    Commenti

    L’egemonia del Pil e la qualità della vita

    C’è il mondo della natura, di tutto ciò che nasce. Paul Klee coltivava il desiderio di immergersi nella natura, di essere un tutt’uno con il mondo naturale. In occasione dell’esposizione del Bauhaus 1923, diceva ai suoi studenti che «L’artista è un essere umano, egli stesso natura e parte del regno

  • 06 novembre 2018
    L’economia Usa corre. Ma il merito di chi è?

    Notizie

    L’economia Usa corre. Ma il merito di chi è?

    Dire che le elezioni di metà mandato negli Usa sono una sorta di referendum sul presidente e che il partito di quello in carica ottiene buoni risultati quando gli indicatori economici sono positivi è un’ovvietà. Nell’era di Donald Trump, invece, questa regola – come molte altre, d’altronde – viene

  • 14 giugno 2018
    Il mito della “bomba a orologeria demografica”

    Commenti e Idee

    Il mito della “bomba a orologeria demografica”

    I profeti di sventure in campo economico avvertono da tempo che l’invecchiamento delle popolazioni dei Paesi industriali e post-industriali rappresenta una “bomba a orologeria demografica”. L’invecchiamento della società, sostengono, è una pessima notizia per l’economia poiché significa che meno

  • 30 gennaio 2018
    Disugualianze di reddito: la tempesta perfetta

    Commenti e Idee

    Disugualianze di reddito: la tempesta perfetta

    Walter Scheidel, The Great Leveler: Violence and the History of Inequality from the Stone Age to the Twenty-First Century, Princeton University Press, 2017

  • 27 dicembre 2017
    Un problema politico chiamato disuguaglianza

    Commenti e Idee

    Un problema politico chiamato disuguaglianza

    La disuguaglianza è stata considerata la colpevole degli exploit populisti del 2016 e 2017. Ma cos’è? E che ruolo gioca nell’inibire o incoraggiare la crescita o nel minacciare la democrazia?

  • 13 maggio 2017
    Reddito di inclusione contro le diseguaglianze

    Notizie

    Reddito di inclusione contro le diseguaglianze

    Soluzioni nazionali ai problemi che si manifestano in economie nelle quali la crescita non si accompagna a una equilibrata i redistribuzione del reddito hanno il fiato corto. L’approccio da seguire è quello di una maggiore armonizzazione delle politiche pubbliche, a partire da quelle fiscali. E in

  • 18 aprile 2017
    Lettera di 25 Nobel per l’economia contro il programma anti-europeo di Le Pen

    Mondo

    Lettera di 25 Nobel per l’economia contro il programma anti-europeo di Le Pen

    «Alcuni di noi, laureati del premio Nobel di economia, sono stati citati da candidati all'elezione presidenziale francese, soprattutto da Marine Le Pen e il suo staff, per giustificare un programma politico sulla questione dell'Europa. I firmatari di questa lettera hanno delle posizioni diverse sui

  • 05 febbraio 2017
    Effetto collaterale dell’uguaglianza

    Commenti e Idee

    Effetto collaterale dell’uguaglianza

    In Europa, e in particolare in Italia, il successo di Donald Trump è stato interpretato come una ribellione dei perdenti nei confronti di un’élite che ha sequestrato tutti i benefici della globalizzazione, lasciando agli altri tutti i disagi. I leader politici europei che simpatizzano per Trump

  • 21 gennaio 2017
    Trump è il prodotto della gestione sbagliata della crisi

    Commenti e Idee

    Trump è il prodotto della gestione sbagliata della crisi

    Il 20 gennaio 2017, Donald Trump è diventato ufficialmente il quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti d’America. Odio dover dire «Ve l’avevo detto», ma la sua elezione non ha nulla di sorprendente. Come spiegavo nel mio libro del 2002, “La globalizzazione e i suoi oppositori”, le politiche