Ultime notizie

andrea torre

  • 30 gennaio 2019
    Superbe macchine barocche

    Cultura

    Superbe macchine barocche

    Il ricchissimo patrimonio artistico italiano è composto di opere che stanno al chiuso in musei, chiese, palazzi e castelli, e di opere stanno all’aperto, e sono architetture, contesti urbani, paesaggi, fontane, monumenti, statuem, eccetera. Ma esiste anche una terza categoria di opere che di solito

  • 16 gennaio 2018
    Bello, illustrato e Furioso

    Cultura

    Bello, illustrato e Furioso

    C’è, nella tradizione critica e filologica italiana, una antica diffidenza verso le immagini. Da sempre i letterati hanno del resto esaltato la superiorità della parola sull’immagine, e le osservazioni di Leonardo da Vinci, sul fatto che un signore comprerebbe subito il ritratto della sua bella

  • 14 gennaio 2018
    Bello, illustrato e Furioso

    Cultura

    Bello, illustrato e Furioso

    C’è, nella tradizione critica e filologica italiana, una antica diffidenza verso le immagini. Da sempre i letterati hanno del resto esaltato la superiorità della parola sull’immagine, e le osservazioni di Leonardo da Vinci, sul fatto che un signore comprerebbe subito il ritratto della sua bella

  • 19 giugno 2016
    Tornano le pagine del socialismo riformista

    Cultura

    Tornano le pagine del socialismo riformista

    Dimenticate il gaudente sfacelo craxiano. Sulla nuova serie della «Rivista storica del socialismo» leggerete vicende per fortuna più edificanti. Questo glorioso ebdomadario – uscito tra il 1958 e il 1967 sotto la guida di Luigi Cortesi e Stefano Merli – riapre ora i battenti, per documentare che la

  • 19 ottobre 2014
    Ariosto attraverso lo specchio

    Cultura

    Ariosto attraverso lo specchio

    Un ambizioso progetto tra bibliofilia e filologia ripercorre le traduzioni visive dell'«Orlando Furioso» nei secoli. Dal Doré fino a Crepax

  • 25 settembre 2011
    Petrarca e l'arte della memoria

    Cultura

    Petrarca e l'arte della memoria

    Nei Rerum memorandarum libri, Francesco Petrarca fa riferimento a un amico che era dotato di «una memoria inesauribile». Costui non ricorda solo le parole, ma