Ultime notizie:

T. S. Eliot

    Poesie e fiabe pornografiche

    Quando, nella serata del 31 agosto 1970, sul palco del grande raduno giovanile dell'Isola di White davanti a seicentomila ragazzi attendati, Leonard Cohen face capolino, quasi timidamente (avevano cantato calibri massimi come Jimi Hendrix, Donovan, Emerson, Lake & Palmer, Joan Baetz) nessuno sapeva

    – di Renzo S. Crivelli

    La moneta unica che non unisce

    Un sistema a cambi fissi elimina strutturalmente la possibilità di operare svalutazioni monetarie che favoriscono la collocazione sui mercati esteri di merci altrimenti meno competitive per l'alto costo di vendita. Se non si realizzano aumenti costanti della produttività del lavoro in grado di

    – di Giulio Sapelli

    Ora hai l'intelligenza aumentata

    "Il futuro è aperto" diceva il filosofo austriaco Karl Popper riferendosi alle conseguenze delle nostre scelte, credendo che non fosse possibile pianificare le future scoperte intellettuali. Se fosse ancora vivo, immaginiamo che davanti all'home page di Google avrebbe esclamato: "Anche il passato è aperto". Difatti, questo strumento permette di trovare tantissimi dati che potrebbero -come lui avrebbe affermato- falsificare la propria ipotesi, ossia sottoporla a un infinito processo di controllo ...

    – Massimo Chiriatti

    L'eterna giovinezza di Pickwick

    «Arrivederci alla prossima puntata». Ai tempi della regina Vittoria, e anche un po' prima, in Gran Bretagna i romanzi uscivano periodicamente a fascicoli e solo in un secondo momento raccolti in volume. Da parte dell'editore era, questo, un modo di controllare le spese; e, da parte dell'autore, un

    – di Luigi Sampietro

    Le Allegre madame di Shakespeare

    Dante e Shakespeare si dividono il mondo moderno, dicevano Ezra Pound e T.S. Eliot, coloro che lanciarono il Modernismo un secolo fa. Il fatto è, però, che Dante e Shakespeare creano il mondo moderno, creano noi quali ancora siamo. Shakespeare, per esempio, che insegue la felicità terrena, ne

    – di Piero Boitani

    La storia staziona a Termini

    «Roma è come qualcuno che si guadagna da vivere mostrando ai turisti il cadavere della nonna»: così James Joyce in una lettera al fratello (1906). Non sono solo i malumori di un irlandese di passaggio: pochi anni dopo (1913), Giovanni Papini inveiva contro gli italiani «bidelli di sale mortuarie e

    – di Salvatore Settis

    All'Università serve una voce europea

    Ho letto il dibattito, ricco e appassionato, che è seguito all'articolo di Dario Braga pubblicato sul Sole 24 Ore del 20 luglio. Poiché si tratta di recensire dati di fatto su ampia scala (l'università è, per definizione, universale), fornirò qualche ulteriore elemento di conoscenza.

    – di Carlo Ossola

    Lettere sull'innovazione: il metodo è il messaggio

    Caro Luca, ho pensato di scrivere alla tua interessante rubrica circa Scienza e Tecnologia e divulgazione. La ricerca scientifica e lo sviluppo delle tecnologie sono due punti "forti" per lo sviluppo della società, da sempre. Antonio Gramsci (Quaderni dal carcere, 11, par.37, 1932-1933) scriveva "dell'uomo che elabora i suoi metodi di ricerca, che rettifica continuamente i suoi strumenti materiali che rafforzano gli organi sensori e gli strumenti logici (incluse le matematiche) di discriminazion...

    – Luca De Biase

1-10 di 64 risultati