Ultime notizie:

Sylvie Goulard

    Da Macron ai Big tech, il programma e gli ostacoli di Margrethe Vestager

    La nuova vicepresidente della Commissione si annuncia come una delle protagoniste delle prossima legislatura europea, anche grazie a un portafoglio di competenze più ampie sul digitale. Resta da capire quali siano i suoi margini effettivi di manovra fra insidie esterne (e interne) all'Europ

    – di Alberto Magnani

    Cosa sta succedendo nella Commissione Ue di Ursula von der Leyen?

    Salvo sorprese, la Commissione dovrebbe entrare in carica il 1 dicembre. L'esecutivo ha sbloccato la trafila delle audizioni del Parlamento, dopo tre bocciature e varie polemiche. Ma gli ostacoli sono appena iniziati

    – di Alberto Magnani

    Commissione Ue, settimana decisiva. Lo spettro di un altro rinvio

    Giovedì le audizioni dei commissari che sostituiscono i tre bocciati dal Parlamento. Il più a rischio è il francese Breton. Inoltre, quasi certamente il Regno Unito dovrà nominare un suo rappresentante, fino a quando Brexit non sarà compiuta. Si fa strada il rischio di un ulteriore rinvio a febbraio 2020 per l'insediamento del nuovo esecutivo europeo

    – di Giuseppe Chiellino

    Il commissario francese - Quando il pantouflage solleva dubbi in Europa

    La presidente eletta della Commissione europea Ursula von der Leyen deciderà presumibilmente questa settimana se il nuovo candidato-commissario del governo francese, Thierry Breton, è la persona giusta al posto giusto. Sappiamo che il presidente francese Emmanuel Macron vorrebbe che all'imprenditore ed ex ministro fosse promesso lo stesso portafoglio che era stato affidato a Sylvie Goulard, sfortunata candidata bocciata dal Parlamento europeo. La delega è ampia, include l'industria, il mercato u...

    – Beda Romano

    Rinviata l'entrata in carica della Commissione von der Leyen - Cosa significa per l'Unione?

    Dopo qualche giorno di tira-e-molla, l'establishment comunitario ha dovuto ammettere che la Commissione europea presieduta da Ursula von der Leyen non potrà entrare in carica il 1° novembre, come previsto inizialmente. Mancano all'appello tre commissari: tutti bocciati in un modo o nell'altro dall'assemblea parlamentare. Francia, Romania e Ungheria devono quindi presentare un nuovo candidato. Ormai si guarda alla data del 1° dicembre, se tutto andasse per il verso giusto. Potremmo attribuire la...

    – Beda Romano

    Il rischio debito resta ma dalla Ue nessun ultimatum

    Se si guarda al rispetto formale e puntuale delle regole europee, il rischio di "deviazione significativa" paventato dalla Commissione europea nella lettera inviata al ministro dell'Economia Roberto Gualtieri è tutt'altro che scongiurato

    – di Dino Pesole

    Il futuro dei parlamenti tra riforma e continuità

    Nel suo editoriale domenicale (Da Roma a Bruxelles, i dilemmi dei Parlamenti, 13 ottobre 2019) puntuale e acuto come sempre, Sergio Fabbrini si riferisce alle vicende della settimana appena trascorsa a Bruxelles e a Roma - la bocciatura di Sylvie Goulard da parte del Parlamento europeo e

    – di Nicola Lupo

    Da Roma a Bruxelles i dilemmi dei parlamenti

    I Parlamenti sono ritornati al centro del dibattito pubblico. Tuttavia, tale riaffermazione del ruolo parlamentare si è rivelata più efficace nella difesa di tradizionali prerogative, piuttosto che nell'individuazione di prerogative adeguate al nuovo contesto in cui i Parlamenti agiscono

    – di Sergio Fabbrini

1-10 di 79 risultati