Aziende

STMicroelectronics

STMicroelectronics è un'azienda italo-francese attiva nel campo dell'elettronica. È quotata sia alla borsa di Milano, Parigi e New York.

STMicroelectronics è nata nel 1987 dalla fusione di Società generale semiconduttori (SGS) e della divisione semiconduttori della francese Thomson, due aziende che a loro volta avevano alle spalle una lunga storia nel settore dell'elettronica. Il nome originario era SGS-Thomson; l'azienda ha poi acquisito il nome STMicroelectronics a seguito all'uscita dall'azionariato di Thomson.

STMicroelectronics è attiva soprattutto nella produzione di componenti elettronici per l'elettronica di consumo, ma anche per il settore dell'auto, della telefonia cellulare e delle applicazioni industriali. STMicroelectronics ha numerose sedi in Italia e nel resto del mondo. Di particolare interesse è la collaborazione con l'università di Catania, con la quale ha dato vita a un vero e proprio polo tecnologico del sud Italia, chiamato alle volte "Etna Valley".

Producendo componenti, STMicroelectronics non è molto nota al grande pubblico ma alcuni dei suoi chip si ritrovano in oggetti diffusissimi come smartphone, trasponder per il Telepass e controller delle console.

La società ha registrato un fatturato di 7 miliardi di $ ed un utile netto pari a 1 65 milioni di $, con 43.200 un dipendenti (dati 2016) .

President and Chief Executive Officer della società, è dal 2005 Carlo Bozotti.

Ultimo aggiornamento 16 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Tutela ambientale | Azienda | Italia | Borsa Valori | Thomson | Società generale semiconduttori |

Ultime notizie su STMicroelectronics

    Europa apre il terzo trimestre di slancio. Nella settimana corre Milano (+3,1%)

    Le Borse del Vecchio Continente hanno proseguito sulla via imboccata nei secondi tre mesi dell'anno, nonostante la battuta d'arresto di venerdì, provocata da prese di beneficio . Spread in rialzo, ma sotto 170 punti. A Piazza Affari sotto la lente Ubi e Fca

    – di Stefania Arcudi e Flavia Carletti

    Borse, scattano gli acquisti sulle tlc. A Piazza Affari vola Telecom

    L'allentamento del lockdown e il settore delle telecomunicazioni reggono i listini. Gli investitori festeggiano la conferma del dividendo da parte di Vodafone e i target di Iliad. Mentre restano i timori per una seconda ondata di contagi, l'immunologo Fauci avverte gli Usa sulle «conseguenze molto serie» di una riapertura anticipata dell'economia

    – di Enrico Miele e Flavia Carletti

    Stm vede il futuro dei chip e investe nell'innovazione

    Di fronte a una crisi economica di proporzioni epocali, le aziende sono poste di fronte a una domanda da far tremare i polsi: si rallentano gli investimenti per l'innovazione o si accelerano? Per rispondere occorre avere un forte sistema di controllo interno, un'idea precisa di quello che accade ai clienti e una cultura che serve a riconoscere il valore dello studio del futuro. Perché c'è poco da fare: una crisi apre spazi di crescita, a spese ovviamente di chi non riesce a superarla, ma solo a ...

    – Luca De Biase

    Le Borse dribblano il crollo del petrolio, si punta su una "fase 2" sprint

    Chiusura in rialzo per i listini di tutta Europa mentre si guarda alla riapertura e i contagi rallentano. La Banca del Giappone vara il "suo" Qe illimitato. Scende lo spread dopo che l'agenzia di rating S&P ha confermato il giudizio sul debito Italiano

    – di Enrico Miele e Stefania Arcudi

    Il nuovo tonfo del petrolio affossa le Borse. Piazza Affari -3,6%, spread vola a 268

    Giornata ancora pesante per il mercato azionario condizionato nuovamente dal tracollo dei prezzi del greggio che anche nella consegna giugno del Wti sprofondano del 50% a meno di 10 dollari al barile, anche il Brent precipita sotto i 20 dollari. Intanto si alza la tensione sui titoli di Stato italiani a due giorni dal Consiglio europeo del 23 aprile. I BTp hanno pagato le parole di Conte, l'attesa per il giudizio di S&P sull'Italia e le nuove emissioni in arrivo

    – di Andrea Fontana e Eleonora Micheli

    La nuova mossa Fed scalda le Borse. Petrolio in altalena su incognita intesa Opec

    I listini chiudono in rialzo dopo che Powell ha lanciato un pacchetto di prestiti fino a 2.300 miliardi per sostenere l'economia Usa. Risale il greggio sulle voci di un accordo Arabia Saudita-Russia per ridurre la produzione fino a 20 milioni di barili al giorno, ma si moltiplicano le ipotesi sulla reale entità del taglio. Resta in bilico l'Eurogruppo con la Merkel che ribadisce «respingiamo gli eurobond»

    – di Enrico Miele e Flavia Carletti

    Europa limita i cali nel finale con la corsa di Wall Street. Spread a 200

    Listini del Vecchio Continente in calo per tutta la seduta per la delusione per il fallimento dell'Eurogruppo. Tuttavia, il rally della Borsa americana ha consentito di contenere i ribassi. Sotto pressione i titoli bancari. In discesa anche l'euro, proseguono gli acquisti sul petrolio in attesa della riunione dell'Opec di giovedì 9 aprile

    – di Chiara Di Cristofaro e Flavia Carletti

1-10 di 671 risultati