Aziende

STMicroelectronics

STMicroelectronics è un'azienda italo-francese attiva nel campo dell'elettronica. È quotata sia alla borsa di Milano, Parigi e New York.

STMicroelectronics è nata nel 1987 dalla fusione di Società generale semiconduttori (SGS) e della divisione semiconduttori della francese Thomson, due aziende che a loro volta avevano alle spalle una lunga storia nel settore dell'elettronica. Il nome originario era SGS-Thomson; l'azienda ha poi acquisito il nome STMicroelectronics a seguito all'uscita dall'azionariato di Thomson.

STMicroelectronics è attiva soprattutto nella produzione di componenti elettronici per l'elettronica di consumo, ma anche per il settore dell'auto, della telefonia cellulare e delle applicazioni industriali. STMicroelectronics ha numerose sedi in Italia e nel resto del mondo. Di particolare interesse è la collaborazione con l'università di Catania, con la quale ha dato vita a un vero e proprio polo tecnologico del sud Italia, chiamato alle volte "Etna Valley".

Producendo componenti, STMicroelectronics non è molto nota al grande pubblico ma alcuni dei suoi chip si ritrovano in oggetti diffusissimi come smartphone, trasponder per il Telepass e controller delle console.

La società ha registrato un fatturato di 7 miliardi di $ ed un utile netto pari a 1 65 milioni di $, con 43.200 un dipendenti (dati 2016) .

President and Chief Executive Officer della società, è dal 2005 Carlo Bozotti.

Ultimo aggiornamento 16 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Tutela ambientale | Azienda | Italia | Borsa Valori | Thomson | Società generale semiconduttori |

Ultime notizie su STMicroelectronics

    L'arma segreta nel bilancio Apple? Si chiama "Blevinator"

    Il responsabile della colossale catena di fornitori, Tony Blevins, è diventato leggendario come tagliatore di spese, capace di garantire margini di profitto senza pari negli iPhone e non solo

    – di Marco Valsania

    Il lusso sotto pressione in Borsa per il virus cinese, giù Ferragamo e Moncler

    Le preoccupazioni per una possibile epidemia potrebbero frenare i consumi e i viaggi, proprio alla vigilia del Capodanno cinese, uno dei periodi di maggiori spese. I titoli del comparto del lusso sono esposti mediamente per il 30%-35% al mercato cinese. Il confronto con il virus della Sars del 2003

    – di Chiara Di Cristofaro

    Smartland, al via il roadshow dell'innovazione

    Parte il viaggio per raccontare le eccellenze di prodotto e di processo del territorio: Lombardia al top con 500 start up nel 2019. Appuntamento a Castellanza il 29 gennaio. Fontana: da qui le idee per nuove strategie. Bonometti: antidoto alla cultura anti industriale

    – di Luca Orlando

    Tregua sui mercati: Milano rialza la testa con il risparmio gestito, giù il petrolio

    Dopo i ribassi dei giorni scorsi, a causa delle tensioni tra Stati Uniti e Iran, le Borse europee rimbalzano . In flessione il prezzo del petrolio, mentre l'oro rallenta la corsa. La Borsa spagnola sulla parità dopo l'ok alla formazione del nuovo Governo. A Piazza Affari bene Azimut e Diasorin, in coda Telecom. Spread sale a 167

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    St vicina ai massimi, Micron ottimista sul 2020

    Il colosso Usa prevede che nel secondo semestre fiscale 2020 che termina a febbraio ci sarà il punto di minimo per il settore, a cui poi seguirà la svolta. Utili e ricavi del primo semestre superiori alle attese

    – di Chiara Di Cristofaro

1-10 di 641 risultati