Persone

Steven Mnuchin

Steven Mnuchin, nato a New York il 21 dicembre 1962, ex banchiere di Goldman Sachs, è stato scelto dal neo presidente Donald Trump come nuovo segretario del Tesoro.

Dopo la laurea a Yale, Mnuchin, che per sei mesi durante la campagna elettorale è stato il principale consigliere economico del presidente, ha lavorato per 17 anni in Goldman Sachs dirigendo il dipartimento tecnologico e diventando partner a 31 anni (anche il padre ha fatto carriera nella stessa banca d'affari). Nel 2002 ha lavorato per un hedge fund legato a George Soros, prima di sbarcare a Hollywood e diventare presidente di Dune Entertainment Partners Mnuchin, società che ha finanziato film come Avatar, e Sully di Clint Eastwood (regsita repubblicano e sostenitore di Trump).

Nel suo curriculum anche un'operazione finanziaria molto criticata da alcuni ma lodata dallo stesso Trump: il salvataggio della OneWest Bank, banca comprata e rimessa in sesto da Mnuchin con una lauta plusvalenza a spese dei proprietari di case strangolati dal mutuo. Sotto la guida del manager l'istituto ha effettuato 36.000 pignoramenti.

Per Lloyd Blankfein, ceo di Goldman Sachs, è uno "smart, smart guy". Da gennaio 2017 questo smart guy guiderà il Dipartimento del Tesoro americano, occupandosi delle questioni economiche, finanziarie e monetarie del Paese e anche della sicurezza nazionale.

Ultimo aggiornamento 12 dicembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Steven Mnuchin | Donald Trump | George Soros | Clint Eastwood | Lloyd Blankfein | Università di Yale | Ministero del Tesoro | Avatar | Entertainment Partners Mnuchin | Goldman Sachs |

Ultime notizie su Steven Mnuchin

    Usa-Cina, il Tesoro dichiara formalmente Pechino "manipolatore di valuta"

    La mossa rappresenta un'ulteriore escalation nella guerra commerciale tra le due maggiori economie al mondo. L'amministrazione Trump ha indicato che avvierà consultazioni con l'Fmi sul da farsi per eliminare quello che ha definito come "il vantaggio competitivo" scorretto nato dalle politiche cinesi

    – di Marco Valsania

    Trump e il Congresso raggiungono un accordo sul tetto del debito Usa

    NEW YORK - Casa Bianca e Congresso hanno raggiunto l'accordo sul budget federale che aumenta la spesa pubblica americana di 320 miliardi di dollari in due anni e sospende per lo stesso periodo il tetto del debito pubblico, scongiurando il pericolo di un default previsto dal Dipartimento al Tesoro a

    – dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

    Europa chiude in rosso, Milano resta a galla con le utility

    Ancora vendite sulle piazze del Vecchio continente. Tiene solamente Milano grazie a una mini-rotazione settoriale sulle utility e acquisti su bancari a macchia di leopardo. Lo spread ha chiuso in area 187 punti base, sopra i minimi di seduta.

    – di Flavia Carletti

    Petrolio, così gli Usa hanno scatenato una battaglia navale

    Sei petroliere bloccate per novanta giorni, in difficoltà persino a servire i pasti all'equipaggio, un giacimento nel mare Adriatico costretto a interrompere la produzione per oltre due mesi. E uno storico armatore italiano che ha dovuto ricorrere al concordato preventivo per sopravvivere alla

    – di Sissi Bellomo

    Per una digital tax globale la strada è ancora lunga

    Le dichiarazioni dei ministri delle Finanze e dei banchieri centrali che hanno chiuso il G20 di Fukuoka, pur dando un segnale politico non scontato, non risolvono il tema di trovare a breve una soluzione unanime, condivisa e operativa per una digital tax globale. «Il G20 - è scritto nel comunicato

    – di Alessandro Galimberti

    Borse, altra seduta positiva per l'Europa. A Milano vola Mediaset, giù lo spread

    Altra seduta positiva per le Borse europee che accelerano nel pomeriggio grazie alla buona apertura di Wall Street, dove ora il Dow Jones guadagna lo 0,6%. A spingere i listini ci sono due fattori: lo stop ai dazi americani sul Messico (che sarebbero dovuti scattare oggi) e la scommessa degli

    – di Eleonora Micheli e Cheo Condina

1-10 di 209 risultati