Persone

Steve Jobs

Steve Jobs (1955 - 2011) era un imprenditore e un informatico americano.

Ex numero uno e co-fondatore di Apple, nell'agosto 2011 aveva rinunciato alle sue cariche operative nel gruppo cedendo il ruolo di amministratore delegato a Tim Cook. Malato da tempo, è morto il il 5 ottobre 2011, all'età di 56 anni.

É stato il fondatore e l' amministratore delegato di Apple. Ha detenuto la maggioranza delle quote societarie della Walt Disney Company, di cui era membro del Consiglio d'amministrazione. In passato è stato fondatore e proprietario di NeXT Computer e Ad di Pixar Animation Studios, fino al momento della fusione con Disney. Jobs è famoso per aver introdotto il primo computer con mouse, l’interfaccia a icone, l’Iphone, l’Itunes e l’Ipad.

Steve Jobs ha lasciato l’Università di Cupertino, per fondare la Apple Computer nel 1976 insieme a Steve Wozniak. La società ha introdotto il primo computer con mouse e interfaccia a icone e dopo quattro anni è stata quotata in Borsa. Nel 1985 Steve Jobs è uscito dalla Apple e ha fondato la NeXT Computer, rilevando l’anno successivo, la Pixar Animation Studios. Nel 1995 Jobs è tornato alla Apple, che nel frattempo era entrata in crisi, imponendo come condizione l’acquisto di NeXT Computer. Con il rilancio della Apple, Jobs ha introdotto sul mercato l’Iphone, l’Itunes e l’Ipad. Dal 2006, con l’acquisto della Pixar Animation Studios da parte della Walt Disney Company, Jobs è stato membro del Consiglio d'amministrazione.

É stato classificato al primo posto tra i 25 uomini d'affari più potenti del mondo nell'annuale graduatoria stilata dalla rivista statunitense Fortune per il 2007, staccando di 6 posizioni il suo rivale storico Bill Gates, fondatore di Microsoft.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Software | Steve Jobs | Apple | Bill Gates | TIM | Microsoft | Steve Wozniak | Consiglio d'Amministrazione | Walt Disney | Disney-Pixar Films | Borsa Valori |

Ultime notizie su Steve Jobs

    Piccole imprese, startup e innovazione: a love story

    In un contesto in cui istituzioni europee e singoli stati membri pongono al centro delle loro politiche industriali per la ripartenza,  l'innovazione e le start-up, arriva con perfetto tempismo lo studio del Professor David Audretsch pubblicato dalla importante rivista scientifica Research Policy. Assieme a Tommaso Minola, Einar Rasmussen, Alessandra Colombelli e Luca Grilli, a corredo di uno special issue di Research Policy, il noto economista statunitense ha analizzato le politiche per startup...

    – Alberto Di Minin

    Idoli, etichette, linguaggio: tre freni per la nuova leadership

    Va bene avere modelli cui ispirarsi e avere qualche indicazione su alcuni comportamenti da tenere, ma serve una avvertenza: se il cervello si "fissa" su un prototipo o su un modello, rischia poi di escluderne altri che potrebbero arricchire la sua gamma di scelte

    – di Paolo Borzacchiello

    La vita pericolosa dei Ceo superstar

    Meno del 6% delle persone sa chi guida un'azienda. Tra chi ne è a conoscenza la reputazione del brand cresce del 10,5%. Lo racconta il nuovo libro "Ceo Branding"

    – di Giampaolo Colletti e Fabio Grattagliano

    Stato o mercato? Post-Covid la collaborazione è la carta vincente

    La pandemia ha messo a nudo le fragilità di un pianeta interconnesso. Pur meno letale. Per costruire una società sostenibile, più prospera e inclusiva, l'obiettivo è mantenere - all'interno di un sistema democratico - l'equilibrio tra mercato e Stato. In altre parole, le democrazie devono saper garantire: 1) la libertà individuale (i.e.: il diritto all'autorealizzazione); e 2) l'equità, almeno come principio di giustizia distributiva (i.e.: un'equa ripartizione di costi e benefici). Più concreta...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

1-10 di 1794 risultati