Persone

Steve Bannon

Stephen Kevin Bannon è un manager, produttore a Hollywood, stratega della campagna prima e poi consigliere capo del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Il 18 agosto 2017 Bannon è stato scaricato da Trump per le sue posizioni troppo radicali e populiste.

Bannon è nato il 27 novembre 1953 a Norfolk, in Virginia da una famiglia cattolico irlandese di stampo democratico. Ha studiato alla Virginia Tech e alla Georgetown University e conseguito un M.B.A. con lode presso la Harvard Business School. Bannon è stato ufficiale della Marina degli Stati Uniti, in servizio sul cacciatorpediniere Paul F. Foster e assistente speciale al Pentagono.

Ha lavorato poi alla banca d'affari Goldman Sachs come investment banker nel dipartimento Mergers & Acquisitions per poi fondare nel 1990 una banca d'investimento specializzata nei media. Dopo la vendita di Bannon & Co. è diventato un produttore esecutivo di Hollywood (tra i film prodotti un documentario che osanna Sarah Palin, uno su Ronald Reagan e l'ultimo su Hillary Clinton "Clinton Cash").

Dal 2007 fino al 2011, Bannon è stato presidente e CEO di Affinity Media e American Vantage Media Corporation. Ha guidato per 4 anni fino ad agosto 2016 il sito Breitbart News apertamente «alt-right», cioè che si ispira al movimento legato all'ideologia della destra radicale, suprematista e antisemita. Da qui ha condotto la campagna elettorale a favore di Donald Trump per reclutare simpatizzanti tra il popolo bianco contrario al multiculturalismo, all'immigrazione e a favore dell'uso dei civili delle armi.

Nel 2015 la rivista Mediaite l'ha inserito tra le venti persone più influenti nel campo dei media americani. Con il socio Peter Schweizer (politico e scrittore) ha fondato il Government Accountability Institute un'associzione non profit che pubblica libri e agisce contro l'establishment politico che ha come scopo "l'indagine la denuncia del capitalismo clientelare e della corruzione nel governo".

E' stato sposato tre volte e ha tre figlie, in passato è stato accusato del reato di violenza domestica e di antisemitismo dalla seconda moglie.

Ultimo aggiornamento 19 agosto 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Reati | Steve Bannon | Donald Trump | American Vantage Media Corporation | Harvard | Hillary Clinton | Stati Uniti d'America | Peter Schweizer | Ronald Reagan | Sarah Palin | Paul F. Foster | Affinity | Government Accountability Institute | Stephen Kevin Bannon | Goldman Sachs | Virginia Tech | Bannon & Co. | Mergers & Acquisitions |

Ultime notizie su Steve Bannon

    Trump: "Non ho tempo per un cane". E dopo 120 anni manca un first dog

    "Non mi dispiacerebbe avere un cane ma non ho tempo": così Donald Trump ha giustificato davanti ai suoi fan a El Paso, in Texas, il fatto di non averne uno: è il primo presidente in 120 anni a non avere un 'first dog'. "Come potrei portarlo a passeggio sul prato della Casa Bianca?" si è chiesto, ricordando che un sacco di persone gli ha suggerito di prendere un cane, anche per guadagnare consenso politico. "Ma mi sembra un po' falso, non ne sento la necessità, perché non è questo il rapporto che...

    – Guido Minciotti

    Brexit, 250 aziende pensano al trasferimento in Olanda

    Il governo olandese ha riferito di essere in contatto con oltre 250 aziende riguardo al trasferimento delle loro operazioni dal Regno Unito all'Olanda prima dell'uscita di Londra dall'Ue. Lo scrive il Guardian. Il ministero olandese degli Affari economici ha detto di aver attirato nel Paese dalla

    Il sindaco di Danzica e gli alieni di Trump

    La morte del sindaco di Danzica Pawel Adamowics  è una ferita per tutti i cittadini che credono in un'Europa unita e democratica. Il sindaco è stato ucciso da un pazzo fanatico che lo ha accoltellato mentre dal palco, durante una serata di beneficenza, raccontava il suo credo, che è quello di molti di noi, nati negli anni Cinquanta e Sessanta sulle ceneri della seconda guerra mondiale: "Sono un europeo fiero di Danzica, città aperta delle mie radici, non chiuderò mai la porta a chi crea, a chi l...

    – Riccardo Barlaam

    L'humus sociale del populismo

    Come raccontare un paese, l'Italia, che dopo il successo elettorale populista del 4 marzo scorso è diventato il «centro del mondo» (Steve Bannon)? Ezio Mauro e Maurizio Molinari hanno scelto due approcci differenti.

    – di Raffaele Liucci

    Casa Bianca «mordi e fuggi»: la lunga lista dei licenziamenti di Trump

    NEW YORK - Le ultime sono state le dimissioni più drammatiche: il Segretario alla Difesa James Mattis se ne è andato sbattendo la porta. Con una lettera che ha condannato senza mezze misure la politica estera di Donald Trump, quella America First diventata sempre più America Alone. Che lui, ex

    – di Marco Valsania

    Usa, via i soldati da Siria e Afghanistan. Si dimette ministro Difesa

    NEW YORK - «Caro presidente, ho avuto il privilegio di servire il mio Paese come 26esimo segretario alla Difesa, incarico che mi ha permesso, a fianco dei nostri uomini e donne del Dipartimento, di lavorare in difesa dei nostri cittadini e dei nostri ideali. (?) Poiché lei ha il diritto di avere un

    – dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

    Orbán è un «dittatore»? Forse, ma la Germania non può fare a meno di lui

    Da quando è salito al potere, nel 2010, il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha spinto Budapest su una china che combacia poco con le ambizioni dell'integrazione europea (e lo stato di diritto). Il governo trainato dal suo partito nazionalconservatore, Fidesz, ha approvato solo il 12 dicembre

    – di Alberto Magnani

    I gilet gialli, la protesta e la sindrome dei messaggi positivi

    Aprendo il loro profilo Facebook, in quelle mattine del gennaio 2012, niente avrebbe potuto far intuire ai settecentomila utenti coinvolti, quello che stava succedendo: erano stati arruolati, a loro insaputa, in un grande esperimento progettato per verificare l'ipotesi del contagio emotivo.

    – di Vittorio Pelligra

    Gilet gialli, Brexit, Andalusia: perché la mano di Bannon non è decisiva

    Il lunedì di dicembre in cui a Londra la premier Theresa May è costretta ad ammettere che dopo mesi di negoziati, Brexit non è ancora una soluzione ma il dirupo verso una crisi di governo (il suo), e il presidente Emmanuel Macron decide di parlare ai francesi dopo un'altra prova di forza dei Gilet

    – di Angela Manganaro

1-10 di 137 risultati