Persone

Stefania Giannini

Stefania Giannini è nata il 18 novembre del 1960 a Lucca ed è una professoressa ordinaria di Glottologia e Linguistica, nominata, il 22 febbraio del 2014, Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca nel primo Governo Renzi.

Ha studiato presso le Università degli Studi di Pisa e di Pavia, diventata professoressa universitaria, tra il 2004 ed il 2012 ha rivestito la carica di Rettore dell'Università per Stranieri di Perugia.

Ha ricoperto, nel settore educativo ed in quello della promozione culturale, incarichi di rilievo sia in ambito nazionale che internazionale.

In particolare è stata membro della Commissione nazionale per la Promozione della Cultura Italiana all'Estero del Ministero degli Affari Esteri;

Presidente della Commissione di Studio del CNR per l'Etica della Ricerca e la Biotetica;

membro del Comitato di orientamento strategico per le relazioni scientifiche e culturali fra Italia e Francia.

Tra il 2006 ed il 2011 è stata delegato della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane e responsabile delle Relazioni Internazionali.

Nel 2009 è diventata membro del Comitato di orientamento strategico per le relazioni scientifiche e culturali fra Italia e Francia e nel 2010 ha assunto la carica di presidentessa della Società Italiana di Glottologia.

Candidatasi in Toscana nella lista Con Monti per l'Italia, è stata eletta al Senato della Repubblica nelle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio del 2013.

Il 26 febbraio del 2011 è stata insignita, su inziativa del Presidente della Repubblica, dell'onorificienza di Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

E' sposata col manager Luca Rossello ed è madre di due figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Cultura | Orientamento strategico | Stefania Giannini | Consiglio nazionale delle ricerche | Francia | Ricerca | Ministero degli affari Esteri | Luca Rossello | Toscana | Università Italiane | Governo Renzi | Senato |

Ultime notizie su Stefania Giannini

    La miniera dei dati al Miur e non solo, la grande occasione di Fioramonti

    Un report del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR) - pubblicato nel luglio 2016 e poi cestinato - abbozzava una strategia fondamentale per il Paese. Oggi i dati restano sotto il controllo dei servizi studi interni, ma aprire le porte della PA all'analisi dei dati non costerebbe nulla - grazie a tecnologie e metodologie nuove e sicure - e permetterebbe di sviluppare soluzioni innovative per migliorare l'istruzione e la vita dei cittadini. Cosa aspettiamo? Si fa un gr...

    – Tortuga

    Un super piano di assunzioni, ma servono 1,5 miliardi

    «Occorre d'intesa con le Regioni, assicurare un piano di assunzioni straordinarie di medici e infermieri». Delle quattro righe che compongono il paragrafo Sanità del programma del Governo giallo-rosso la metà sono dedicate all'emergenza carenza medici. Un segnale d attenzione subito ribadito dal

    – di Mar.B.

    Test Medicina: addio al numero chiuso. Ma il ministro smentisce

    «Si abolisce il numero chiuso nelle Facoltà di Medicina, permettendo così a tutti di poter accedere agli studi». E' l'annuncio a sorpresa contenuto nel comunicato del Consiglio dei ministri diffuso ieri notte. Un annuncio che è subito diventato un caso dentro la maggioranza dopo che stamattina è

    – di Marzio Bartoloni

    Fondazione Italia-Usa, premiati i laureati più promettenti

    Il giorno 29 maggio 2018 si è tenuta, alla Camera dei Deputati, una delle due cerimonie di premiazione per giovani laureati meritevoli che abbiano conseguito il massimo dei voti in discipline di interesse per la Fondazione Italia-Usa. Ai neolaureati premiati è stata riservata la partecipazione

    – di Enrico Bronzo

    Nel nuovo governo sono sei i ministri «superstiti» della lista Di Maio

    Giuseppe Conte, Riccardo Fraccaro, Alfonso Bonafede, Elisabetta Trenta, Alberto Bonisoli e Sergio Costa. Nel neonato Governo giallo-verde sono i sei superstiti dei candidati ministri inseriti nella lista che il leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, aveva inviato al Quirinale all'indomani

1-10 di 535 risultati