Le nostre Firme

Stefania Arcudi

Redattore Radiocor |  @StefaniaArcudi |  LinkedIn |

Stefania Arcudi è giornalista professionista dal 2005. Laureata in Scienze e Tecnologie della Comunicazione a Milano, ha iniziato la carriera giornalistica nel 1999. Ha lavorato a New York dal 2006 al 2013, occupandosi di politica, economia e finanza americana. Tra le altre cose ha seguito gli sviluppi della crisi finanziaria del 2008, lo stato delle relazioni Italia-Usa e i cicli delle elezioni presidenziali. Oggi si occupa di mercati e finanza internazionale, della Borsa milanese e delle aziende italiane quotate, con focus sul settore auto e immobiliare.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: italiano (madrelingua), inglese, francese
  • Argomenti: Finanza, mercati, economia

Ultimo aggiornamento 16 settembre 2019

Ultimi articoli di Stefania Arcudi

    Fintech, crescita costante dei pagamenti digitali

    I pagamenti innovativi stanno avvicinando sempre di più i clienti a un mercato che cresce in maniera esponenziale, ma che ha ancora ampi spazi di ampliamento. Il boom dei mobile remote payment, i rapporti tra banche e imprese: se ne è parlato a Fintech24, una giornata nella sede del Sole 24 ore tra finanza e tecnologia

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Europa riparte con gli spiragli sui dazi. Piazza Affari, Moody's spinge le banche

    Indici europei in aumento, la guerra dei dazi resta il pendolo dei mercati. A Milano banche spinte dal report di Moody's e Unicredit sotto i riflettori dopo il piano e in vista del confronto con i sindacati sugli esuberi. Spread in calo a 170 punti, rally del prezzo del petrolio in attesa dell'Opec sui tagli alla produzione e dopo il calo delle scorte Usa. Sterlina sui massimi dal 2017

    – di Paolo Paronetto e Stefania Arcudi

    Wall Street in rosso, tonfo del petrolio. Piazza Affari +2,5% in novembre

    I prezzi del greggio sono crollati dopo le dimissioni del premier iracheno: si temono proteste con blocchi ai siti estrattivi mentre la prossima settimana ci sarà il meeting dei Paesi Opec per valutare la riduzione dei livelli di produzione di greggio

    – di Stefania Arcudi e Andrea Fontana

    Milano (-0,26%) chiude negativa in un clima d'attesa. Si salva Nexi

    Positive le Borse europee, seppure con rialzi contenuti. Gli indici restano in attesa di notizie sui dazi: dopo le dichiarazioni ottimistiche sugli esiti dei colloqui Usa-Cina sui dazi, manca la firma definitiva all'accordo, che ormai gli investitori danno per acquisito. Wall Street poco mossa, nonostante la revisione al rialzo del Pil. Spread chiude in rialzo a 169 punti

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Borse europee segnano il passo. Fa meglio Milano (+0,37%) con sprint Buzzi

    Il gruppo del cemento ha accelerato dopo che una partecipata ha ceduto asset per 665 milioni di dollari. Sotto i riflettori Fca dopo che i vertici hanno confermato ai dipendenti l'imminente firma di un memorandum of understanding per la fusione con Psa. In generale listini del Vecchio Continente sono sostanzialmente rimasti fermi sulla parità, in attesa di sviluppi sul fronte commerciale. Spread chiude in leggero rialzo a 165 punti

    – di Paolo Paronetto e Stefania Arcudi

1-10 di 362 risultati