Aziende

Starbucks

Starbucks Corporation è la più grande catena internazionale di caffetterie che vende caffè, dessert, prodotti di pasticceria, insalate e panini. Con sedi principali a Seattle e a Washington, il gruppo ha 24mila punti vendita distribuiti in 72 Paesi. Nel 2018 è prevista la prima apertura in Italia a Milano in piazza Cordusio.

Il primo negozio Starbucks è stato aperto nel 1971 a Pike Market Place, a Seattle, da tre amici: Jerry Baldwin, un insegnante di inglese, Zev Siegel, un insegnante di storia, e Gordon Bowker, uno scrittore. In occasione di un viaggio a Milano nel 1983 l’imprenditore Howard Schultz ha sviluppato il progetto di portare in America la caffetteria italiana e ha fondato la catena di caffetterie Il Giornale, nella quale nel 1987 è confluito Starbucks. Il gruppo ha iniziato così l’espansione internazionale, inaugurando punti vendita in Giappone nel 1996 e due anni dopo in Inghilterra. Nel 2003 Starbucks ha completato l’acquisto di Seattle's Best Coffee e Torrefazione Italia da Afc Enterprises, mentre tre anni più tardi ha rilevato Diedrich Coffee. Nel 2008 Starbucks Corporation è arrivato in Argentina, Bulgaria, Repubblica Ceca e Portogallo. L’anno successivo ha inaugurato caffetterie in Polonia, nei Paesi Bassi, in Svezia e successivamente in Ungheria e Sud Africa.

La catena di caffetterie americana capitalizza 86 miliardi e ha un fatturato di 21 miliardi e conta più di 200mila dipendenti (dati 2016).

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Esercizi commerciali | Punto vendita | Starbucks Corporation | Caffetteria | Howard Schultz | Jerry Baldwin | Gordon Bowker | Stati Uniti d'America | Giappone | Diedrich Coffee | Zev Siegel |

Ultime notizie su Starbucks

    L'impresa del «british» Percassi a Liverpool: la Dea riscatta Bergamo

    Di sicuro il presidente dell'Atalanta, ex calciatore diventato uno degli imprenditori più importanti d'Italia nel largo consumo (è l'uomo che ha fatto sbarcare in Italia marchi stranieri come Starbucks e Victoria's Secret), l'understatement britannico lo ha già imparato: umiltà e rispetto per un avversario irraggiungibile, nella speranza, sotto sotto, di fare un impensabile colpaccio.

    – di Simone Filippetti

    Dal futuro delle banche alla nostra privacy c'è bisogno dell'Euro Digitale?

    Gli ideatori e moderatori di questa sezione sono Luciano Somoza e Tammaro Terracciano, dottorandi presso lo Swiss Finance Institute rispettivamente all'Università di Losanna e di Ginevra -  Le principali banche centrali del mondo stanno studiando il lancio di una propria valuta digitale. Questo improvviso interesse è anche dovuto al timore di essere sorpassati da valute digitali private, come Libra, o sponsorizzate da altri paesi. La Banca dei Regolamenti Internazionali di Basilea sta facilitan...

    – Econopoly

    Affluenza e 10 Stati chiave: dove si decidono le elezioni americane

    Al democratico bastano tre dei dieci stati incerti: i tre decisivi nel 2016 (Michigan, Pennsylvania e Wisconsin), i quattro repubblicani in bilico (Arizona, North Carolina, Georgia, Texas) e i tre ballerini (Nevada, Ohio, Florida)

    – di Roberto D'Alimonte

    Blackstone, parte la vendita di Cordusio. Nel mirino i grandi player

    L'immobile di pregio. Il fondo americano apre la gara per l'ex palazzo delle Poste di Milano, dove hanno sede Starbucks e JP Morgan. La trasformazione. Grazie a 23 milioni di investimenti il valore dell'edificio oggi supera i 200 milioni

    – di Evelina Marchesini

1-10 di 558 risultati