Ultime notizie:

Speciale Brexit

    Brexit, l'Europa deve reagire

    La Brexit «è un problema gestibile, ma il problema più grave è un possibile effetto domino su altri Paesi. Ma questo lo vedremo in un altro momento». Così Carlo Cottarelli, direttore esecutivo per il Sud Europa del Fondo monetario internazionale, intervenendo ieri in collegamento video allo

    – Vittorio Da Rold

    Bilancio comunitario più ampio per la tenuta dell'Unione

    «L'Unione europea ha bisogno di un bilancio europeo molto più grosso di quello attuale di quello attuale, che non supera l'1% del Pil dell'intera Unione. Una moneta unica deve avere un bilancio centrale di una certa dimensione». Carlo Cottarelli, direttore esecutivo del Fondo monetario

    – Giuseppe Chiellino

    L'estate dell'incertezza: focus su banche e assicurazioni

    Prosegue sulle pagine del Sole 24 Ore lo Speciale che ogni giorno, attraverso quattro pagine dedicate, punta ad approfondire i rischi (ma anche le opportunità) connesse ai risultati del referendum britannico dello scorso 23 giugno: sabato 2 luglio lo Speciale Brexit del Sole 24 Ore sarà dedicato

    Speciale Brexit. L'estate dell'incertezza: focus sull'economia reale

    Il referendum britannico di giovedì 23 giugno ha causato una grave turbolenza sui mercati finanziari, che - se non gestita bene dalla politica - rischia di sfociare in una nuova recessione economica. Nessuno può sapere come si evolveranno gli eventi, anche perché attualmente una risposta politica

    Speciale Brexit - L'estate dell'incertezza: focus su Borse e valute

    SPECIALE BREXIT - L'ESTATE DELL'INCERTEZZA: FOCUS SU BORSE E VALUTEBorse prese dall'isteria, valute in altalena, beni rifugio presi di mira dagli investitori. Il referendum britannico di giovedì 23 giugno ha aggiunto a una nuova sfida a quelle che il mondo e l'Europa già si trovavano ad affrontare:

    Speciale «Brexit, Italia e banche»: come difendersi dal nuovo shock

    Il primo giorno della settimana dopo Brexit sembra confermare i più funesti presagi suscitati dal referendum britannico di giovedì scorso. La tensione sui mercati finanziari internazionali continua ad essere molto alta, la sterlina perde nuovo terreno e le Borse arretrano ancora pesantemente. Uno

1-10 di 11 risultati