Aziende

Snapchat

Snapchat è un’applicazione di messaggistica istantanea per smartphone e tablet. Attraverso l’applicazione è possibile scambiarsi e condividere foto e brevi video visibili per 24 ore e di chattare con i propri contatti in tempo reale.

Snap inc. è stata fondata nel 2011 da Reggie Brown (poi estromesso dalla società) Bobby Murphy ed Evan Spiegel (ex studenti a Stanford) a Los Angeles. La sede dell’azienda è a Venice e a fine del 2016 contava pù 150 milioni gli utenti attivi di cui 50 milioni in Europa. Gli snapchatters, perlopiù teenager, visualizzano più di 10 miliardi di video e inviano più di 1 miliardo di Snaps ogni giorno. Snapchat che ha rifiutato un’offerta di acquisto da parte di Facebook, nel giorno del suo debutto a Wall Street il 2 marzo ha raggiunto una capitalizzazione di mercato superiore ai 29 miliardi di dollari. Il controllo dell'azienda resterà però nelle mani dei cofondatori Evan Spiegel e Bobby Murphy, rispettivamente amministratore delegato e direttore tecnologico: i due avranno la stessa quota ed emetteranno solo azioni prive di potere di voto.

Evan Spiegel (classe 1990) è uno dei più giovani miliardari americani secondo la classifica di Forbes, secchione e ribelle non è però il tipico nerd della Silicon Valley. Possiede una Ferrari, ama i party e frequenta la modella australiana Miranda Kerr.

Ultimo aggiornamento 02 marzo 2017

Ultime notizie su Snapchat

    Zuckerberg prende il controllo di Instagram per salvare Facebook

    Per due ragioni, la prima riguarda Instagram che ha introdotto (ispirandosi molto a Snapchat, per non dire copiando) le “storie”: brevi video che hanno cambiato l’app e il cui utilizzo sta crescendo moltissimo.

    – di Luca Salvioli

    «Video ergo sum». Marchi a caccia di nuovi clienti sulle piattaforme online

    E la «camera company» Snapchat nella sezione Discovery. «Snapchat per un brand è come prendere un biglietto di prima classe per il futuro», sostiene Marco Saracino, senior strategic planner per la società Doing. ... Nel segmento fashion, Burberry ha realizzato una campagna per i follower di Snapchat scattata da Mario Testino, Gucci ha sperimentato le passerelle live. ... «Su Snapchat si fa più fatica perché chi pensa le campagne proietta un proprio modello culturale diverso rispetto ai teen che...

    – di Gianpaolo Colletti

    I Millennial? Meno voglia di impresa e... più disposti al fallimento

    Kraft e altri Millennial che hanno fondato aziende di alto profilo (come Mark Zuckerberg con Facebook, Evan Spiegel con Snapchat e Alexis Ohanian con Reddit) sembrano testimoniare nel migliore dei modi le ambizioni della loro generazione e la loro propensione a fondare startup.

    – di Cat Rutter Pooley

    Sette adulti su dieci usano Facebook ma possono rinunciarci facilmente

    Una nuova indagine del Pew Research Center sugli adulti statunitensi rileva che Facebook e YouTube vincono a mani basse. Nulla di nuovo ma qualche indicazione rilevante per chi studia come contare sui social c'è. In primo luogo è vero come scritto nella trimestrale di Facebook che gli utenti passano meno tempo sul social network. Ma se guardiamo a questo sondaggio Facebook rimane la piattaforma principale per la maggior parte degli americani. Circa due terzi degli adulti statunitensi (68%) e cir...

    – Infodata

    I social media sono inutili per le aziende? Il caso dei pub Wetherspoon

    Ad esempio, The Independent la definì una "decisione bizzarra" (2), mentre la senior culture reporter di Mashable articolò così la sua condanna: "Nell'era in cui le marche competono per attenzione e simpatia su Facebook, Instagram, Twitter e Snapchat, un'azienda britannica ha fatto l'impensabile: abbandona completamente i social media" (3).

    – Econopoly

    Così Instagram ha centuplicato il suo valore e oggi può salvare Facebook

    Era il 9 aprile del 2012 quando l'applicazione Instagram, sviluppata da Kevin Systrom e Mike Krieger, passava nelle mani di Facebook Inc per una cifra complessiva di un miliardo di dollari, poi scivolata a 715 milioni a causa della svalutazione delle azioni comprese nel pacchetto. L'accordo,

    – di Biagio Simonetta

    Il «Design thinking» mette la persona al centro dell'innovazione

    Quello del Design Thinking sta diventando un approccio all'innovazione sempre più diffuso, anche in Italia. Inizialmente adottato da agenzie e studi di design, oggi il Design Thinking permea il mondo del management a diversi livelli e offre differenti contributi, tanto da entrare a pieno titolo nei

    – di Claudio Dell'Era *

1-10 di 273 risultati