Le nostre Firme

Sissi Bellomo

vice caposervizio |  @SissiBellomo |  LinkedIn |

Giornalista del Sole 24 Ore, lavora dal 2005 nella redazione Finanza e mercati in cui è responsabile della sezione Materie prime.

Da circa dieci anni segue assiduamente soprattutto le notizie su petrolio e gas, sotto il profilo finanziario e politico. Si occupa anche di minerarie e petrolifere, nonché dei mercati internazionali dei metalli e dei prodotti agricoli.

Fa parte del comitato scientifico dell'Italian Energy Summit, convegno annuale del Gruppo 24 Ore dedicato all'energia.

E' stata tra i giornalisti che hanno tenuto a battesimo Radio 24, dove è rimasta occupandosi prevalentemente di economia e finanza dal 1999 al 2004. Ancora oggi ci torna con grande piacere, in veste di ospite di Focus Economia o dei Gr24.

Negli anni '90 ha scritto per il Corriere della Sera e altri giornali, oltre a pubblicare il libro “Studiare negli Stati Uniti” (Franco Angeli).

Torinese, laureata in sociologia, appassionata di viaggi, arte e letteratura. Ha un debole per la geopolitica e per sua fortuna riesce ad occuparsene, visto che si intreccia molto spesso con vicende relative all’Oil & Gas.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: italiano, inglese, francese, spagnolo
  • Argomenti: commodities, oil, gas, energia, agribusiness, mercati, Opec

Ultimo aggiornamento 16 settembre 2019

Ultimi articoli di Sissi Bellomo

    Perché la tregua Usa-Cina potrebbe dare una spinta al mercato dei diamanti

    La domanda di gemme grezze è crollata e i prezzi sono ai minimi da almeno dieci anni. Ma dai maggiori produttori di diamanti sta arrivando qualche segnale positivo, che potrebbe preludere a una graduale ripresa o quanto meno a una stabilizzazione del settore. E la tregua commerciale tra Usa e Cina potrebbe dare una spinta ai consumi

    – di Sissi Bellomo

    Saudi Aramco raggiunge il valore desiderato da Riad, ma il futuro è incerto

    Al secondo giorno in Borsa la compagnia saudita supera 2mila miliardi di dollari di capitalizzazione. Ma tra i pochi investitori stranieri c'è già chi comincia a vendere. Aramco è sopravvalutata, insistono gli analisti. A meno che il prezzo del petrolio non si rimetta a correre. Ma i tagli Opec Plus, avverte l'Aie, rischiano di non bastare

    – di Sissi Bellomo

    La maxi-svalutazione di Chevron figlia del climate change

    La Major petrolifera ha annunciato svalutazioni fino a 11 miliardi di dollari nel quarto trimestre per riflettere la perdita di valore di giacimenti di petrolio e gas. Una mossa d'anticipo, per fronteggiare il rischio di ritrovarsi con una serie di "stranded assets" quando il mondo avrà meno bisogno di combustibili fossili

    – di Sissi Bellomo

    Aramco raggiunge i target di Riad: superati i 2mila miliardi di dollari

    Il gigante del petrolio saudita, dopo un esordio euforico sul listino, ha già superato i 2mila miliardi di dollari di capitalizzazione, traguardo al quale la casa reale puntava fin dal 2016, quando aveva annunciato al mondo il progetto dell'Ipo

    – di Sissi Bellomo

    Litio e cobalto meno cari, ma l'offerta futura è prenotata

    Il prezzo dei metalli dell'auto elettrica si è raffreddato a causa di un forte aumento dell'offerta e di una domanda più debole. Ma per la filiera delle batterie le preoccupazioni non sono del tutto scomparse dall'orizzonte

    – di Sissi Bellomo

    Saudi Aramco debutta in Borsa e vale già 1.900 miliardi di dollari

    E' stata un'Ipo da record, come voleva la casa reale saudita. E la prima giornata di contrattazioni in Borsa ha superato le aspettative: il colosso petrolifero di Riad ha già raggiunto una valutazione di 1.880 miliardi di dollari.

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio, così per la Russia (e per l'Opec) diventa più facile barare sui tagli

    Gli alleati esterni all'Opec hanno ottenuto di escludere i condensati dal calcolo della produzione al fini dei tagli. Ma ci sono molti aspetti ancora poco chiari, a cominciare dalla nuove quote produttive, che non si conoscono. E poi la definizione di condensati non è mai stata univoca e si è già prestata a contestazioni, nell'Opec e non solo

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio, da Opec e Russia tagli record. Purché nessuno sgarri

    Il vertice Opec Plus soprende il mercato e fa volare il prezzo del petrolio: da gennaio tagli fino a 2,1 milioni di barili al giorno grazie a un contributo extra da parte dei sauditi. Ma Riad ha vincolato il sacrificio al rispetto assoluto delle quote da parte di tutti gli alleati. La storia insegna che bisognerebbe considerarlo un'utopia

    – di Sissi Bellomo

1-10 di 2117 risultati