Le nostre Firme

Sissi Bellomo

vice caposervizio |  @SissiBellomo |  LinkedIn |

Giornalista del Sole 24 Ore, lavora dal 2005 nella redazione Finanza e mercati in cui è responsabile della sezione Materie prime.

Da circa dieci anni segue assiduamente soprattutto le notizie su petrolio e gas, sotto il profilo finanziario e politico. Si occupa anche di minerarie e petrolifere, nonché dei mercati internazionali dei metalli e dei prodotti agricoli.

Fa parte del comitato scientifico dell'Italian Energy Summit, convegno annuale del Gruppo 24 Ore dedicato all'energia.

E' stata tra i giornalisti che hanno tenuto a battesimo Radio 24, dove è rimasta occupandosi prevalentemente di economia e finanza dal 1999 al 2004. Ancora oggi ci torna con grande piacere, in veste di ospite di Focus Economia o dei Gr24.

Negli anni '90 ha scritto per il Corriere della Sera e altri giornali, oltre a pubblicare il libro “Studiare negli Stati Uniti” (Franco Angeli).

Torinese, laureata in sociologia, appassionata di viaggi, arte e letteratura. Ha un debole per la geopolitica e per sua fortuna riesce ad occuparsene, visto che si intreccia molto spesso con vicende relative all’Oil & Gas.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: italiano, inglese, francese, spagnolo
  • Argomenti: commodities, oil, gas, energia, agribusiness, mercati, Opec

Ultimo aggiornamento 08 gennaio 2019

Ultimi articoli di Sissi Bellomo

    L'oro è tornato a brillare come bene rifugio

    Anche l'oro non sembra più essere in sintonia con la Federal Reserve. Il lingotto - che di solito perde attrattiva quando i tassi di interesse salgono - si è invece rafforzato, sia nei giorni precedenti che dopo la stretta monetaria operata dalla banca centrale americana, salendo ai massimi da sei

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio, la volatilità record tradisce anche il colosso cinese Sinopec

    C'è anche il colosso statale cinese Sinopec tra le vittime delle violente oscillazioni dei prezzi del petrolio. La notizia che il gruppo petrolchimico ha sospeso due dirigenti in seguito a perdite nel trading è emersa ieri, proprio mentre il mercato compiva l'ennesima inversione di rotta: dopo il

    – di Sissi Bellomo

    Oro e società aurifere star di fine 2018, il petrolio cerca il riscatto

    Il petrolio ieri ha rubato la scena sui mercati finanziari, con uno spettacolare balzo di quasi il 9% a New York. In una giornata semifestiva, con volumi sottili, il Wti ha chiuso a 46,22 dollari al barile: un rimbalzo avvenuto anche sulla scia dei listini azionari, ma che sembra legato soprattutto

    – di Sissi Bellomo

    Alluminio, gli Usa graziano Rusal (ma sul prezzo pesa la Cina)

    Le sanzioni americane contro Rusal fino a poco tempo fa sembravano la minaccia più seria per il mercato dell'alluminio. Ma l'annuncio della loro rimozione è stato accolto quasi con indifferenza al London Metal Exchange: il prezzo del metallo era già ai minimi da 16 mesi e si è mosso davvero poco

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio ai minimi da un anno. Pesano lo shale oil e i timori per l'economia

    I tagli di produzione annunciati da Opec e Russia non sono riusciti ad arrestare il crollo del petrolio. Dal vertice di Vienna, che si è svolto meno di due settimane fa, le quotazioni del barile hanno anzi perso quasi il 10%, scendendo ai minimi da oltre un anno: 56,86 dollari nel caso del Brent e

    – di Sissi Bellomo

    L'energia solare si finanzia senza sussidi: ecco il primo Ppa decennale in Italia

    Finanziare le fonti rinnovabili senza pesare sulle bollette, né sul bilancio dello Stato. La soluzione esiste e anche in Italia, dopo anni di dibattiti teorici, comincia finalmente a decollare. Ieri sono stati firmati tre Ppa (Power Purchase Agreement) decennali - i primi davvero di lunga durata -

    – di Sissi Bellomo

    Sulle materie prime pesa l'allarme per la frenata della Cina

    Materie prime uguale Cina. Soprattutto per alcune commodities - in particolare i metalli e molti prodotti agricoli - non c'è nessun altro fattore capace di influenzare altrettanto il comparto. E da Pechino non arrivano buone notizie.

    – di Sissi Bellomo

    Usa e Ue in pressing su Gazprom e soci: «Cancellare Nord Stream 2»

    Il cerchio della politica transatlantica si sta stringendo intorno a Gazprom. Con quella che è sembrata una manovra a tenaglia, il Congresso americano e il Parlamento europeo a distanza di poche ore hanno approvato due risoluzioni contro il raddoppio di Nord Stream, il gasdotto che collega la

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio debole, sui tagli dell'Opec i conti non tornano

    L'Opec non ha nemmeno cominciato a ridurre la produzione di petrolio e già i tagli sembrano insufficienti. Sono gli economisti della stessa Organizzazione degli esportatori di greggio a evidenziare i rischi per il prossimo anno, che potrebbero costringere il gruppo ad ulteriori sacrifici.

    – di Sissi Bellomo

1-10 di 1900 risultati