Le nostre Firme

Sissi Bellomo

vice caposervizio |  @SissiBellomo |  LinkedIn |

Giornalista del Sole 24 Ore, lavora dal 2005 nella redazione Finanza e mercati in cui è responsabile della sezione Materie prime.

Da circa dieci anni segue assiduamente soprattutto le notizie su petrolio e gas, sotto il profilo finanziario e politico. Si occupa anche di minerarie e petrolifere, nonché dei mercati internazionali dei metalli e dei prodotti agricoli.

Fa parte del comitato scientifico dell'Italian Energy Summit, convegno annuale del Gruppo 24 Ore dedicato all'energia.

E' stata tra i giornalisti che hanno tenuto a battesimo Radio 24, dove è rimasta occupandosi prevalentemente di economia e finanza dal 1999 al 2004. Ancora oggi ci torna con grande piacere, in veste di ospite di Focus Economia o dei Gr24.

Negli anni '90 ha scritto per il Corriere della Sera e altri giornali, oltre a pubblicare il libro “Studiare negli Stati Uniti” (Franco Angeli).

Torinese, laureata in sociologia, appassionata di viaggi, arte e letteratura. Ha un debole per la geopolitica e per sua fortuna riesce ad occuparsene, visto che si intreccia molto spesso con vicende relative all’Oil & Gas.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: italiano, inglese, francese, spagnolo
  • Argomenti: commodities, oil, gas, energia, agribusiness, mercati, Opec

Ultimo aggiornamento 02 maggio 2019

Ultimi articoli di Sissi Bellomo

    L'oro per liquidità vince anche sui titoli di Stato

    L'oro in quanto asset finanziario è molto più liquido dei titoli di Stato e delle obbligazioni in genere. A molti operatori sembrerà la scoperta dell'acqua calda, ma adesso se ne hanno le prove.

    – di Sissi Bellomo

    Nella Ue inquinare è sempre più caro: permessi per la CO2 al record dal 2008

    Inquinare costa sempre più caro in Europa. Il prezzo dei permessi per l'emissione di CO2 scambiati nel sistema Eu-Ets ha dato un nuovo strappo al rialzo, spingendosi fino a 28,84 euro per tonnellata, su livelli che non si registravano dall'estate 2008, alla vigilia della recessione globale.

    – di Sissi Bellomo

    Mozambico nuovo Eldorado del gas. E le imprese italiane sono in prima fila

    E' la nuova frontiera del gas. Ed è una ricca opportunità per le imprese italiane, che sono nella posizione migliore per approfittarne. Il Mozambico - un Paese poverissimo, che fino a ieri non esisteva sulla mappa geografica degli idrocarburi - promette di diventare nel giro di cinque anni il

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio, allarme uragani e tensioni Usa-Iran fanno volare i prezzi

    L'allarme uragano nel Golfo del Messico e una nuova escalation nelle minacce di Donald Trump all'Iran hanno infiammato le quotazioni del petrolio, spingendole in rialzo di oltre il 4% nella seduta di ieri. Il Wti è risalito sopra 60 $/barile, il Brent ha riconquistato quota 67 dollari.

    – di Sissi Bellomo

    Energean porta a Milano la sede tecnica: «Italia cuore delle attività future»

    Ci saranno l'Italia - e Milano - al centro delle future strategie di Energean, la compagnia greca che ha appena rilevato le attività Oil & Gas di Edison. Il capoluogo lombardo in particolare diventerà la sede tecnica del nuovo gruppo allargato, anticipa Mathios Rigos, ceo e fondatore di Energean,

    – di Sissi Bellomo

    L'oro inverte la rotta, i tagli della Fed sono diventati più incerti

    Gli scenari di politica monetaria negli Stati Uniti sono di nuovo cambiati e l'oro ha invertito la rotta, registrando perdite superiori al 2% nella seduta di ieri, quando ha toccato un minimo di 1.386,52 dollari l'oncia sul mercato spot londinese. I dati sull'occupazione negli Usa sono risultati

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio, così gli Usa hanno scatenato una battaglia navale

    Sei petroliere bloccate per novanta giorni, in difficoltà persino a servire i pasti all'equipaggio, un giacimento nel mare Adriatico costretto a interrompere la produzione per oltre due mesi. E uno storico armatore italiano che ha dovuto ricorrere al concordato preventivo per sopravvivere alla

    – di Sissi Bellomo

    L'Opec stringe i legami con la Russia per controllare il mercato del petrolio

    Dopo quasi tre anni di fidanzamento, Opec e Russia hanno celebrato il loro matrimonio: l'Opec Plus diventa un organismo permanente. I ventiquattro Paesi che dal 2017 riducono in modo coordinato la produzione di petrolio hanno tutti aderito alla Carta di cooperazione, documento ufficiale che

    – di Sissi Bellomo

    Opec e Russia oggi sposi. Firmata la carta che rende permanente la coalizione

    Dopo tre anni di fidanzamento, Opec e Russia si sono appena sposati. I ventiquattro Paesi che fanno parte dell'Opec Plus hanno tutti firmato la Carta di cooperazione, documento ufficiale che istituzionalizza e trasforma in un organismo permanente la coalizione tra produttori di petrolio.

    – di Sissi Bellomo

1-10 di 2013 risultati