Ultime notizie:

Sirino

    Trekking, bici, sci e...immersioni

    La Valle del Sinni (e con essa Lauria) è incastonata in uno luoghi più pittoreschi dell'Appennino Meridionale, tra il Parco Nazionale del Pollino, il Parco Nazionale dell'Appennino Lucano Val d'Agri Lagonegrese e il massiccio del Sirino con monte Papa (2500 metri), per gran parte dell'anno innevata

    La volata dell'eterno Rebellin sul Monte Sirino

    Il Monte Sirino non è solo una delle principali vette dell'Appennino meridionale e della Basilicata ma è stato anche teatro di alcune imprese del Giro d'Italia. Tra queste spicca nel 1996 quella di Davide Rebellin, che vinse dopo una lunghissima volata su Pavel Tonkov e conquistò la maglia rosa,

    Mare e montaghe: ecco la Basilicata

    Il Lago di Cogliandrino e la Diga di Masseria Nicodemo si trova nell'alta valle del Sinni, che prende il nome dall'omonimo fiume e occupa la parte meridionale della Basilicata. Essa, in particolare, comprende un territorio completamente montuoso, tra il parco Nazionale del Pollino e il Parco

    Lago Cogliandrino e Monte Cutugno

    Dalla graziosa cittadina di Lauria, che con il suo castello emana storia e un fascino particolare, alla Diga Enel Green Power del Lago di Cogliandrino. Un percorso di 15 chilometri, che prevede un dislivello di 430 metri, non certo proibitivo ma comunque impegnativo considerato che la prima metà è

    Controesodo: istruzioni per non arrabbiarsi sulla Salerno-Reggio Calabria

    Il sentiero è stretto, in tutti i sensi. Letterale, perché in molti punti i lavori riducono la carreggiata della Salerno-Reggio Calabria e gli itinerari alternativi sono perlopiù vie "consolari". E pure figurato: visto che c'è un'autostrada da rifare completamente, l'Anas non poteva fare nulla di più rispetto a ciò che sta facendo per alleviare i disagi. Tenetelo bene a mente, se dovete percorrere la A3 in questi giorni: eviterete inutili arrabbiature e vi manterrete più lucidi alla guida. Se si...

    – Maurizio Caprino

    La Palermo-Catania malata come la Salerno-Reggio

    Si parla tanto della Salerno-Reggio Calabria, ma al Sud c'è un'altra malata cronica: la Palermo-Catania. Io l'ho controllata una settimana fa e mi sono accorto che poco è cambiato rispetto a qualche anno fa: sono pochi i viadotti percorribili regolarmente e con guard-rail sicuri. In realtà, poco poteva cambiare. Sì, perché si è sempre saputo che la parte tra l'Ennese, il Nisseno e le Madonie corre perlopiù su terreni franosi. Un po' come la Salerno-Reggio. Tanto che anche la Palermo-Catania ha...

    – Maurizio Caprino