Ultime notizie:

Simone Weil

    Il futuro e la bellezza sotto il sole di Napoli

    Inaugurata nel 1955, con un profetico discorso di Adriano, una tra le «fabbriche più belle d'Europa» nelle parole di un testimone come Ottiero Ottieri, la Olivetti di Pozzuoli fu un «miraggio» di riscossa e dignità per il Sud

    – di Giuseppe Lupo

    «Mappiness», l'app che misura la nostra felicità-infelicità nel lavoro

    Qual è stato il giorno più felice della vostra vita? E quello più triste? Ci sono indubbiamente dei momenti e delle circostanze che si fissano nella nostra memoria come dei picchi di felicità o delle valli di mestizia. Sono esperienze soggettive, ricordi che spesso vengono trasformati e alterati

    – di Vittorio Pelligra

    Identità green contro l'esodo dai territori

    Si parte dalle questioni grandi cercando di capire dalle piccole storie. Interroghiamoci sul perché, anche nelle ultime elezioni, le terre fragili dei piccoli comuni hanno evidenziato la faglia tra le città e il contado. Eppure le celebriamo con slogan Anci a me cari, dal margine alla smart land,

    – di Aldo Bonomi

    Bruxelles, 48 ore dentro la bolla e la lanterna d'Europa

    BRUXELLES - A Bruxelles la chiamano bubble, la bolla. Quando arrivi, è facile capire perché. I quartieri generali delle varie istituzioni europee (Parlamento, Consiglio europeo, Consiglio dell'Unione europea e Commissione) sono concentrati nell'arco di pochi minuti a piedi, sempre che non si voglia

    – di Alberto Magnani

    Armonia tra «ethos» e «polis»

    Si narra che Thelonious Monk (1917-1982), l'acclamato pianista e compositore jazz statunitense, animatore con Dizzy Gillespie del bebop dotato di accordi essenziali e percussivi, non di rado interrompesse le sue esecuzioni per un ballo attorno al pianoforte in modo da far echeggiare, verificare e

    – di Gianfranco Ravasi

    Quando finirà il sabba delle streghe?

    Noi oggi ci troviamo ad aver compiuto questo processo: il mondo si è globalizzato. Il periplo si è compiuto. Ma lungi dall'apparirci finalmente razionalizzato, esplodono colossali, apparentemente insuperabili disuguaglianze. Il pianeta si è fatto Globo, ma ci appare l'opposto di quella repubblica

    – di Massimo Cacciari

    Il vero valore dei regali di Natale. Ma quanti soldi perdiamo?

    E poi uno si stupisce che l'economia venga definita "la scienza triste"! Neanche il tradizionale scambio di doni è passato indenne dallo scrutinio di occhiuti e zelanti economisti. Qualche anno fa apparve un originale studio nel quale si stimava la perdita netta di ricchezza derivante dallo scambio

    – di Vittorio Pelligra

    La fatica di Sisifo: dobbiamo tutelare il lavoro o i lavoratori?

    La colpa di Sisifo era la sagacia e l'arroganza e per questo venne condannato da Zeus a far rotolare un macigno dalla base, fin sulla cima di una montagna, per poi, una volta raggiunta la cima, vedere la pietra precipitare nuovamente giù, pronta per essere issata nuovamente verso la vetta; il tutto

    – di Vittorio Pelligra

    Cambia il Padre nostro, la Cei: «Dio non ci induce in tentazione»

    Matteo, 6.9: «Voi dunque pregate così». Luca, 11.2: «Ed egli disse loro: quando pregate, dite». Le parole che seguono, nell'uno come nell'altro caso, rappresentano probabilmente la formula religiosa più celebre di tutti i tempi. Stiamo parlando del Padre Nostro, quella che, secondo Simone Weil, è

    – di Fr.Pr.

    Numeri a regola d'arte

    Sono due fratelli destinati a lasciare una traccia profonda nella cultura del secolo appena trascorso quelli che, nella primavera del 1940, si scambiano la manciata di lettere raccolte in questo volumetto. Da un lato la filosofa, saggista e mistica Simone Weil, dall'altro André, uno dei più grandi

    – di Umberto Bottazzini

1-10 di 100 risultati