Simon Johnson è professore di Imprenditorialità alla Sloan School of Management del Mit.

Nato nel 1954, Simon Johnson si è laureato all'Università di Manchester e ha ottenuto il Ph.D a Oxford.

A cavallo tra il 2007 e il 2008 è stato capo economista del Fondo Monetario Internazionale.

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 31 maggio 2018
    Il decennio perduto delle economie avanzate

    Commenti e Idee

    Il decennio perduto delle economie avanzate

    A distanza di dieci anni dalla crisi finanziaria del 2007-2008, vale la pena fare il punto sulla situazione attuale delle economie sviluppate, e domandarsi dove si troverebbero adesso se non ci fosse stata la crisi e, forse ancora più importante, dove sarebbero se prima e dopo il crollo avessero

  • 04 ottobre 2017
    Il sistema finanziario globale: quanto è stabile?

    Commenti e Idee

    Il sistema finanziario globale: quanto è stabile?

    Solo dieci anni fa, il 9 agosto 2007, la banca francese BNP Paribas decideva di limitare l'accesso degli investitori ai soldi che avevano depositato in tre fondi che gestivano all'incirca 2,2 miliardi di dollari, una manovra di congelamento senza precedenti, che però all'epoca passò quasi

  • 11 maggio 2017
    Cento giorni di inquietudine

    Commenti e Idee

    Cento giorni di inquietudine

    La convenzione di valutare i primi 100 giorni di un leader nazionale risale a Napoleone, passando da Franklin Delano Roosevelt. Mentre i 100 giorni di Napoleone prima di Waterloo sono stati un profilo di alterigia, e i primi 100 giorni di FDR un ritratto della speranza, la presidenza di Donald

  • 14 marzo 2017
    La stagione delle promesse è finita

    Commenti e Idee

    La stagione delle promesse è finita

    L’agenda di politica economica di Donald Trump durante la campagna presidenziale americana del 2016 è stata un test di Rorschach a livello politico: dove i suoi sostenitori vedevano un nuovo e audace progetto per realizzare una crescita robusta e maggiore prosperità, molti altri negli Stati Uniti e

  • 06 marzo 2017
    Da dove vengono (e dove ci porteranno) i nuovi populismi

    Commenti e Idee

    Da dove vengono (e dove ci porteranno) i nuovi populismi

    Nell’ultimo anno, il populismo ha gettato nello scompiglio le democrazie occidentali. Forze populiste diverse, sotto forma di partiti, leader e idee, hanno contribuito alla vittoria dei sostenitori della Brexit nel referendum britannico sulla permanenza nell’Ue e all’elezione di Donald Trump alla

  • 21 febbraio 2017
    Gli inconsolabili orfani dell’America

    Commenti e Idee

    Gli inconsolabili orfani dell’America

    Nel suo libro del 1969 “La morte e il morire”, la psichiatra svizzera Elisabeth Kübler-Ross formulò la celebre definizione per le cinque fasi dell’elaborazione del lutto: negazione, rabbia, negoziazione, depressione e accettazione. Dopo un tumultuoso anno che ha visto il divorzio del Regno Unito

  • 24 gennaio 2017
    La via trumpiana al capitalismo

    Commenti e Idee

    La via trumpiana al capitalismo

    L’insediamento di Donald Trump da 45esimo Presidente degli Stati Uniti viene largamente visto come l’inizio della fine dell’ordine capitalistico post-1945 che dominò a livello globale dalla fine della Guerra Fredda. Ma è possibile che il Trumpismo sia di fatto la fine dell’inizio? La vittoria di

  • 12 gennaio 2017
    Il populismo e il nuovo disordine mondiale

    Commenti e Idee

    Il populismo e il nuovo disordine mondiale

    Si suppone che il nuovo anno inizi nella speranza. Anche nei giorni più bui della Seconda Guerra Mondiale, le celebrazioni del Nuovo Anno erano sostenute dalla convinzione che in qualche modo il corso degli eventi si sarebbe orientato verso la pace. E pare oggi profetico quanto scrisse Arthur

  • 06 novembre 2016
    A Wall Street balza  l’«indice della paura»

    Notizie

    A Wall Street balza l’«indice della paura»

    Il rischio politico, non più quello economico o di politica monetaria, incombe sui mercati. Un rischio che potrebbe far impallidire anche Brexit. Alla ribalta è salito con il nervosismo stesso dimostrato dagli investitori che aspettano il voto delle presidenziali americane di martedì: l’indice

  • 19 luglio 2016
    Usa più forti nel dopo-Brexit

    Commenti e Idee

    Usa più forti nel dopo-Brexit

    Il voto britannico a favore dell’uscita dall’Unione europea ha scosso violentemente i mercati finanziari internazionali. Le prospettive di crescita economica nel Regno Unito nell’immediato e a medio termine sono gravemente ridotte e l’impatto della Brexit sul resto d’Europa sarà negativo.

  • 08 aprile 2016
    Come saremo nel 2050 / Un mondo della finanza più regolamentato

    Tecnologie

    Come saremo nel 2050 / Un mondo della finanza più regolamentato

    Anche nel mondo della finanza le cose cambieranno. Simon Johnson, docente al MIT, è fiducioso che molti dei prodotti finanziari venduti oggi - come i derivati over-the-counter - diventeranno illegali, poiché giudicati dalle autorità di regolamentazione contrari agli interessi dei consumatori.

  • 28 dicembre 2015
    «La tecnologia cambia i criteri del Pil»

    Commenti e Idee

    «La tecnologia cambia i criteri del Pil»

    Una crescita lenta, troppo lenta? No, per nulla: Joel Mokyr non è d’accordo. Abituato a vedere le cose da una prospettiva di lungo periodo, lo storico

  • 08 novembre 2015
    Riportare in vita la riforma Glass-Steagall

    Commenti e Idee

    Riportare in vita la riforma Glass-Steagall

    WASHINGTON, DC – Un importante cambiamento nella politica americana ha avuto luogo. Tutti e tre i restanti candidati democratici alle presidenziali sono ora concordi sul fatto che la situazione attuale del settore finanziario non è soddisfacente e che c'è bisogno di un maggiore cambiamento. Il

  • 02 dicembre 2014
    La fuga della Federal Reserve da New York

    Commenti e Idee

    La fuga della Federal Reserve da New York

    La Federal Reserve degli Stati Uniti è la più importante banca centrale del mondo. Le sue decisioni in merito a tassi di interesse e regolamentazione finanziaria si ripercuotono attraverso i mercati globali e condizionano milioni di vite. Eppure la struttura della sua governance è di un'altra epoca

    The Federal Reserve's Escape from New York

    Commenti e Idee

    The Federal Reserve's Escape from New York

    The US Federal Reserve System is the world's most important central bank. Its decisions about interest rates and financial regulation reverberate through global markets and affect millions of lives. Yet its governance structure is of another age – antiquated, increasingly problematic, and urgently

  • 15 ottobre 2014
    Il futuro dello Stato "catturato"

    Economia

    Il futuro dello Stato "catturato"

    WASHINGTON, DC – Una certa preoccupazione associata allo state capture (lett. 'cattura dello Stato'), ovvero alla corruzione in ambito legislativo, non è

    Simon Johnson: come diventare un oligarca

    Economia

    Simon Johnson: come diventare un oligarca

    WASHINGTON, DC – Ci si immagini di voler diventare una delle persone più ricche del pianeta, qualcuno con enormi ricchezze e l'accesso al gradino più alto del

    Il rischio sistemico va preso seriamente

    Economia

    Il rischio sistemico va preso seriamente

    WASHINGTON, DC – Ci sono due visioni dominanti sul sistema finanziario mondiale. La prima, sentita perlopiù dai dirigenti delle maggiori banche globali e loro

  • 29 agosto 2014
    La ricattura di Washington

    Economia

    La ricattura di Washington

    WASHINGTON, DC – Duecento anni fa, Washington DC fu catturata dagli inglesi, che poi ne diedero alle fiamme i centri del potere, tra cui la Casa Bianca, il

  • 23 aprile 2014
    Simon Johnson: se le  grandi banche condizionano i policymaker

    Commenti e Idee

    Simon Johnson: se le grandi banche condizionano i policymaker

    WASHINGTON, DC – Le preoccupazioni per lo state capture non sono affatto una novità. In molti paesi gli interessi speciali continuano a mantenere un'indebita ed esorbitante influenza sui legislatori, mentre gli enti di regolamentazione sono sempre propensi a vedere il mondo con gli occhi delle