Aziende

Siemens

Siemens Ag è una multinazionale specializzata nella produzione di apparecchi elettrici ed elettronici a livello mondiale. Inoltre è attiva anche nei settori industria, energia e sanità. Presente in oltre 190 Paesi, conta 405 mila collaboratori. In Italia, dove nel 2007 ha aperto le filiali di Milano e Roma, il Gruppo Siemens possiede 7 stabilimenti produttivi, centri di ricerca e sviluppo. L’azienda tedesca è quotata alla Borsa di Francoforte, di New York e di Milano.

Siemens Ag è stata fondata nel 1847 con il nome di Telegraphenbauanstalt Siemens & Halske da Werner von Siemens che ha costruito il suo primo telegrafo. Dopo la realizzazione della divisione russa di Siemens nel 1855, con la Robert Bosch GmbH nel 1967 ha avviato una joint-venture denominata Bsh Bosch und Siemens Hausgeräte GmbH, per la produzione di elettrodomestici. Nel 1991 Siemens Ag ha acquisito Nixdorf Computer, fondando Siemens Nixdorf. In collaborazione con Fujitsu, nel 1999 è avvenuta la joint-venture Fujitsu Siemens Computers e nel 2005 Siemens Ag ha ceduto Taiwan BenQ, che e diventata BenQ-Siemens ed è fallita nel 2006. Lo stesso anno Siemens Ag e Nokia hanno fuso i reparti Networks (Nokia) e Communications (Siemens), creando la joint-venture Nokia Siemens Networks. Due anni più tardi Siemens Ag ha venduto a Fujitsu la sua quota della società Fujitsu Siemens Computers.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Telecomunicazioni | Werner von Siemens | Borsa di Francoforte | Italia | Fujitsu Siemens Computers | Fujitsu-Siemens | Ag | Networks |

Ultime notizie su Siemens

    Da Macron ai Big tech, il programma e gli ostacoli di Margrethe Vestager

    La nuova vicepresidente della Commissione si annuncia come una delle protagoniste delle prossima legislatura europea, anche grazie a un portafoglio di competenze più ampie sul digitale. Resta da capire quali siano i suoi margini effettivi di manovra fra insidie esterne (e interne) all'Europ

    – di Alberto Magnani

    Omicidio Caruana Galizia, in carcere anche l'ex capo di gabinetto del premier

    Trema il governo di Malta. Keith Schembri, ex capo di gabinetto del premier Joseph Muscat, è in stato di fermo dopo un interrogatorio nella sede della polizia. Fermato anche il medico personale dell'imprenditore Yorgen Fenech, sospettato di essere il mandante dell'assassinio della giornalista. Si è dimesso anche il ministro del turismo mentre quello dell'Economia si è autospeso

    – di Angelo Mincuzzi

    Dazi, Tiffany e M&A illuminano le Borse. Piazza Affari nel segno di Prysmian

    Il ritorno dell'ottimismo sul negoziato Usa-Cina per una intesa commerciale e i numerosi dossier di fusioni e acquisizioni a livello globale hanno sostenuto gli acquisti sull'azionario. Lusso in evidenza grazie all'operazione LVMH su Tiffany. Nel mercato valutario sterlina in rafforzamento

    – di Stefania Arcudi e Andrea Fontana

    L'Ilva tedesca? Si chiama Ruhr ma non ha fatto la fine di Taranto

    La valle del grande bacino carbonifero della Germania ha cambiato volto negli ultimi trent'anni dopo un processo di risanamento senza precedenti in Europa e forse al mondo. Fiumi bonificati, ex acciaierie diventati parchi di divertimento, ex fabbriche e gasometri trasformati in gallerie d'arte contemporanea, musei e sale da concerto

    – di Attilio Geroni

    Campioni nazionali e interessi europei

    Ci sono aspetti incomprensibili nella politica italiana verso l'Europa quando si affrontano i temi dell'economia e dell'industria. Probabilmente da mettere in relazione con una diffusa ignoranza delle riforme che oggi si profilano o con una sostanziale inadeguatezza della politica. La

    – di Maurizio Maresca

1-10 di 1321 risultati