Aziende

Sias

Società Iniziative Autostradali e Servizi Spa è una holding industriale operante nel settore autostradale, tecnologico e delle costruzioni. Società Iniziative Autostradali e Servizi Spa è nata nel 2001 dalla scissione parziale dell’Autostrada Torino–Milano Spa ed è diventata attiva dal 2002.

Oggi Società Iniziative Autostradali e Servizi Spa opera tramite le controllate Società Autostrada Torino–Alessandria–Piacenza Spa, Autostrada Ligure Toscana Spa, Autocamionale della Cisa Spa, Società Autostrade Valdostane Spa, Autostrada dei Fiori Spa, Autostrada Asti-Cuneo Spa, Autostrada Torino–Ivrea–Valle d'Aosta Spa, Autostrade Sud America Srl, Società Italiana per il Traforo Autostradale del Frejus Spa, Società Italiana per il Traforo del Gran San Bernardo Spa, Road Link Holding Ltd, Sssat Spa e Sinelec Spa e Abc Costruzioni Spa.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Iniziative Autostradali | Servizi Spa | Società italiana | Abc Costruzioni Spa | Sinelec Spa | Bernardo Spa | Sud America Srl | Frejus Spa | Sssat Spa | Società Autostrade | Road Link Holding Ltd | Fiori Spa | Cisa Spa | Autostrada Ligure Toscana Spa | Società Autostrada Torino-Alessandria-Piacenza Spa | Aosta Spa | Gran | San |

Ultime notizie su Sias

    Astm in rosso, traffico in calo per il virus e stop al dividendo

    I risultati, notano gli analisti di Equita, sono «impattati dal cambio nella contabilizzazione degli effetti della fusione con Sias (considerati dal 2020 e non dal 2019 come indicato nei mesi scorsi)», ma in ogni caso a livello adjusted sono «in linea» con le attese.

    – di Paolo Paronetto

    M&A, le imprese dell'area fanno gola agli investitori esteri

    Nuovi assetti societari anche nell'ambito delle concessionarie autostradali, in particolare in capo al Gruppo Gavio: Astm e Sias hanno acquisito una partecipazione pari al 31,7% detenuta dal Gruppo Mattioda in Ativa, società concessionaria dell'autostrada A5 Torino– Ivrea–Quincinetto, per un valore di poco inferiore ai 50 milioni, inoltre sempre le due società hanno rilevato sempre da Mattioda una quota pari al 10,19% di Sitaf (54 milioni) concessionaria del Traforo...

    – di Filomena Greco

    Stipendi, solo quattro donne tra i 100 manager più pagati in Italia

    Nel 2018 i primi dieci uomini hanno guadagnato 126 milioni rispetto ai 27, 5 milioni delle prime dieci donne. Nella top ten degli stipendi tra le aziende quotate la prima è Miuccia Prada con 12,4 milioni lordi secondo le elaborazioni del Sole 24 Ore

    – di Gianni Dragoni

    Perché il crollo del viadotto sulla A6 non è solo colpa della frana?

    Mentre la ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli dichiarava alla Camera che la frana che ha spezzato in due l'A6 Torino-Savona era imprevedibile, la Guardia di finanza acquisiva documenti negli uffici delle società del gruppo Gavio che gestiscono e vigilano su quell'autostrada. Si cerca di capire se il viadotto crollato era davvero sicuro. E i dubbi non mancano

    – di Maurizio Caprino

    Viadotto A6, il pilone crollato era il più a rischio ma non era stato rinforzato

    Era il più esposto a eventuali frane, il pilone della Torino-Savona travolto dai detriti e crollato domenica 24 novembre. Ma, quando si fecero i lavori al viadotto Madonna del Monte, si decise di rinforzare solo quello che ora è rimasto in piedi. Si indaga sulle responsabilità dei gestori che si sono succeduti: Autostrade e gruppo Gavio

    – di Maurizio Caprino

    "Lavori di rinforzo parziali". Indagini sul crollo del viadotto sulla A6

    Non solo frana, ma anche lavori di rinforzo solo parziali. Tra le cause del crollo del viadotto sull'A6 a Savona potrebbe esserci anche una carenza della struttura. Intanto sull'A26 il traffico viene ulteriormente ridotto per controlli sollecitati dai pm, con rischio code e disagi per Genova e Ponente

    – di Maurizio Caprino

    Borse europee segnano il passo. Fa meglio Milano (+0,37%) con sprint Buzzi

    Il gruppo del cemento ha accelerato dopo che una partecipata ha ceduto asset per 665 milioni di dollari. Sotto i riflettori Fca dopo che i vertici hanno confermato ai dipendenti l'imminente firma di un memorandum of understanding per la fusione con Psa. In generale listini del Vecchio Continente sono sostanzialmente rimasti fermi sulla parità, in attesa di sviluppi sul fronte commerciale. Spread chiude in leggero rialzo a 165 punti

    – di Paolo Paronetto e Stefania Arcudi

1-10 di 139 risultati