Aziende

Sias

Società Iniziative Autostradali e Servizi Spa è una holding industriale operante nel settore autostradale, tecnologico e delle costruzioni. Società Iniziative Autostradali e Servizi Spa è nata nel 2001 dalla scissione parziale dell’Autostrada Torino–Milano Spa ed è diventata attiva dal 2002.

Oggi Società Iniziative Autostradali e Servizi Spa opera tramite le controllate Società Autostrada Torino–Alessandria–Piacenza Spa, Autostrada Ligure Toscana Spa, Autocamionale della Cisa Spa, Società Autostrade Valdostane Spa, Autostrada dei Fiori Spa, Autostrada Asti-Cuneo Spa, Autostrada Torino–Ivrea–Valle d'Aosta Spa, Autostrade Sud America Srl, Società Italiana per il Traforo Autostradale del Frejus Spa, Società Italiana per il Traforo del Gran San Bernardo Spa, Road Link Holding Ltd, Sssat Spa e Sinelec Spa e Abc Costruzioni Spa.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Iniziative Autostradali | Servizi Spa | Società italiana | Abc Costruzioni Spa | Sinelec Spa | Bernardo Spa | Sud America Srl | Frejus Spa | Sssat Spa | Società Autostrade | Road Link Holding Ltd | Fiori Spa | Cisa Spa | Autostrada Ligure Toscana Spa | Società Autostrada Torino-Alessandria-Piacenza Spa | Aosta Spa | Gran | San |

Ultime notizie su Sias

    Viadotto A6, il pilone crollato era il più a rischio ma non era stato rinforzato

    Era il più esposto a eventuali frane, il pilone della Torino-Savona travolto dai detriti e crollato domenica 24 novembre. Ma, quando si fecero i lavori al viadotto Madonna del Monte, si decise di rinforzare solo quello che ora è rimasto in piedi. Si indaga sulle responsabilità dei gestori che si sono succeduti: Autostrade e gruppo Gavio

    – di Maurizio Caprino

    Il governo è davvero vicino a revocare la concessione ad Autostrade?

    Ora il Governo dice che siamo vicini alla revoca della concessione di Autostrade. Ma cosa vuol dire? Si farà davvero o ci costerà penali altissime? E Autostrade sopravviverà o è alle strette? Tutto dipenderà da tante partite in corso. Compresi il caso Alitalia, le inchieste giudiziarie di Genova e Avellino e l'ultimo crollo avvenuto a Savona

    – di Maurizio Caprino

    "Lavori di rinforzo parziali". Indagini sul crollo del viadotto sulla A6

    Non solo frana, ma anche lavori di rinforzo solo parziali. Tra le cause del crollo del viadotto sull'A6 a Savona potrebbe esserci anche una carenza della struttura. Intanto sull'A26 il traffico viene ulteriormente ridotto per controlli sollecitati dai pm, con rischio code e disagi per Genova e Ponente

    – di Maurizio Caprino

    Borse europee segnano il passo. Fa meglio Milano (+0,37%) con sprint Buzzi

    Il gruppo del cemento ha accelerato dopo che una partecipata ha ceduto asset per 665 milioni di dollari. Sotto i riflettori Fca dopo che i vertici hanno confermato ai dipendenti l'imminente firma di un memorandum of understanding per la fusione con Psa. In generale listini del Vecchio Continente sono sostanzialmente rimasti fermi sulla parità, in attesa di sviluppi sul fronte commerciale. Spread chiude in leggero rialzo a 165 punti

    – di Paolo Paronetto e Stefania Arcudi

    Borsa, la galassia Gavio paga l'effetto ponte e chiude in rosso

    Astm e Sias sono arrivate a perdere oltre il 4% in mattinata, riducendo poi il rosso nel pomeriggio: attraverso la controllata Autostrada dei Fiori hanno in gestione il tratto in cui una frana ha causato il cedimento del viadotto in Liguria. Gli analisti: pochi impatti significativi sui conti delle società. La società: crollo imprevedibile, nuova struttura in massimo quattro mesi

    – di Cheo Condina

    Dazi, Tiffany e M&A illuminano le Borse. Piazza Affari nel segno di Prysmian

    Il ritorno dell'ottimismo sul negoziato Usa-Cina per una intesa commerciale e i numerosi dossier di fusioni e acquisizioni a livello globale hanno sostenuto gli acquisti sull'azionario. Lusso in evidenza grazie all'operazione LVMH su Tiffany. Nel mercato valutario sterlina in rafforzamento

    – di Stefania Arcudi e Andrea Fontana

    Ritrovato ottimismo su Usa-Cina spinge listini. A Piazza Affari ok risparmio gestito

    I «sostanziali progressi» evidenziati dal vicepremier cinese nel negoziato Usa-Cina hanno favorito il rialzo dei listini azionari, compresa Wall Street. Sotto osservazione le mosse del premier inglese per arrivare a un nuovo voto del Parlamento sull'accordo per l'uscita dall'Ue. A Milano bene industriali, banche e auto. Spread in leggero rialzo a 143 punti. BTp Italia: bene il primo giorno di collocamento, al retail circa 2 miliardi

    – di Andrea Fontana e Stefania Arcudi

1-10 di 135 risultati