Persone

Shimon Peres


Shimon Peres, è nato con il nome il 2 agosto del 1923 a Wiszniew, in Polonia (attualmente in Bielorussia) ed è deceduto il 28 settembre del 2016 a Ramat Gan (Israele) è stato un politico israeliano, Presidente di Israele dal 2007 al 2014.
Ancora giovanissimo, nel 1932 si trasferì in Palestina, dedicandosi da subito alla politica, diventando nel 1943 segretario di un movimento di sinistra.
Contribuì alla nascita dello Stato d'Israele come militare in qualità di capo della marina nella guerra che condusse alla formazione del nuovo Stato.
In seguito si dedicò esclusivamente alla politica, ricoprendo ruoli di vertice nel partito laburista e nel Governo israeliano, arrivando ad assumere la carica di primo ministro una prima volta tra il 1984 e il 1986 e una seconda tra il 1995 e il 1996.
Nel 1994 fu protagonista della firma degli Accordi di Oslo, la ratifica di un documento di principi per la pacificazione tra Israele e Palestina da parte del governo di Gerusalemme (la cui firma venne apposta da Yitzhak Rabin) e dell'Olp di Yasser Arafat in rappresentanza del popolo palestinese. I tre ottennero anche per questo motivo il Premio Nobel per la Pace.
Nel 2007 fu eletto Presidente della Repubblica, carica che mantenne per sette anni, fino al 2014.
Alla fine del 2015 ha assunto, tramite il proprio studio Peres & Associates, un ruolo di consulenza presso l'azienda farmaceutica Teva, dichiarando di voler devolvere gli introiti alla Peres Center for Peace e ad altre iniziative di beneficenza.
Il 13 settembre del 2016 è stato ricoverato in seguito ad una ischemia cerebrale presso il Tel HaShomer Hospital di Tel Aviv, dove si è spento il 28 settembre del 2016, all'età di 93 anni.

Ultimo aggiornamento 28 settembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Sanità | Israele | Shimon Peres | Palestina | Yitzhak Rabin | Yasser Arafat | Marina Militare | Teva | Peres Center for Peace |

Ultime notizie su Shimon Peres

    Se in Israele vince la destra "più gentile"

    Sembra - ma non è certo - che stia per finire la lunga stagione di potere di Bibi Netanyahu. Ai giovani leoni socialisti degli anni Sessanta fu molto più facile liberarsi del monumento David Ben Gurion di quanto non sia per la destra israeliana disfarsi oggi di Bibi: a suo modo un genio della politica e dei suoi inganni. A chi si occupasse delle vicende israeliane saltuariamente o solo ideologicamente (qualsiasi cosa faccia, io sto con Israele; qualsiasi cosa faccia, io sono contro), deve esser...

    – Ugo Tramballi

    Israele, appello di Netanyahu: governo di unità nazionale

    Il premier uscente tende la mano al rivale centrista Benny Gantz per un «governo di unità nazionale». La replica è lapidaria: abbiamo vinto le elezioni, guideremo noi le trattative

    – di Roberto Bongiorni

    Israele verso il voto - La chiave del successo di Netanyahu

    ISRAELE VERSO IL VOTO - LA CHIAVE DEL SUCCESSO DI NETANYAHU Larry King della CNN, un tempo conduttore del talk show più seguito d'America, diceva che "in una scala da 1 a 10, come ospite Bibi vale 8. Se avesse senso dell'humor, sarebbe 10". Gli israeliani, anche i suoi sostenitori, direbbero che Bibi Netanyahu ha molti altri difetti e di più gravi. Ma lo hanno votato nel 1996 e ininterrottamente per un decennio in quattro elezioni dal 2009 al 9 aprile di quest'anno. Tredici anni al potere: p...

    – Ugo Tramballi

    Bibi Netanyahu, il guerriero della sicurezza

    «Chi c? si crede di essere quello? Chi è qui la fottuta superpotenza?», gridò esasperato Bill Clinton, appena Benjamin Netanyahu uscì dallo studio ovale. Era il luglio 1996, l'israeliano era appena diventato premier e il presidente si aspettava che confermasse l'adesione agli accordi di Oslo con i

    – di Ugo Tramballi

    I connotati di un leader

    Come per tutti i presidenti degli Stati Uniti morti mentre erano in carica, a Franklin Delano Roosevelt fu organizzato un grande funerale di stato a Washington. Al passaggio del corteo funebre lungo Pennsylvania Avenue, un uomo in prima fila tra il pubblico crollò in ginocchio, singhiozzando. Cercando di rincuorarlo, un poliziotto gli chiese se conosceva F.D.R. "No", rispose lo sconosciuto, "ma lui conosceva me". Esiste un complimento migliore per uno statista? Roosevelt era stato eletto presid...

    – Ugo Tramballi

    Sei giorni, mille guerre

    «Ci sono cose di cui mi rammarico. Per esempio gli insediamenti nei Territori nei quali io stesso, sfortunatamente, ho messo mano, e che sono stati davvero un grande errore», ammise Shimon Peres nel 2007, quando diventò presidente d'Israele. Ma era ormai troppo tardi.

    – Ugo Tramballi

1-10 di 210 risultati