Le nostre Firme

Sergio Fabbrini

editorialista |

Professore ordinario di Scienza Politica e Relazioni Internazionali e Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche presso la LUISS Guido Carli, dove ha fondato e diretto la School of Government dal 2010 al 2018. E' stato Direttore della School of International Studies dell'Università degli Studi Trento dal 2006 al 2009. E' stato Direttore della “Rivista Italiana di Scienza Politica” dal 2004 al 2009, il primo direttore dopo Giovanni Sartori che l'ha fondata nel 1971. E' Recurrent Visiting Professor di Comparative and International Politics presso la University of California di Berkeley (USA). Tra gli altri, è stato Jemolo Fellow presso il Nuffield College di Oxford e Jean Monnet Chair Professor presso il Robert Schuman Center for Advanced Studies, European University Institute, Fiesole, Firenze. Ha insegnato in diverse università degli Stati Uniti, della Cina, del Giappone, dell'America Latina e dell'Europa. E' stato Fulbright Professor presso la Harvard University (USA). Ha diretto la collana editoriale su “Le istituzioni delle democrazie contemporanee” per l'Editore Laterza. Ha vinto diversi premi scientifici internazionali e nazionali. Ha pubblicato sedici volumi, è co-autore di un altro volume ed ha curato altri quindici volumi, oltre a quasi trecento saggi scientifici in sette lingue, nei campi della politica comparata ed europea, della politica americana, della politica italiana, della teoria politica e della political economy. E' editorialista del quotidiano Il Sole 24 Ore. Per i suoi editoriali, ha ricevuto il Premio 2017 Altieri Spinelli che gli è stato consegnato a Ventotene.

  • Luogo: Luiss Guido Carli
  • Lingue parlate: francese, spagnolo
  • Argomenti: Scienze politiche, relazioni internazionali

Ultimo aggiornamento 11 ottobre 2018

Ultimi articoli di Sergio Fabbrini

    Conferenza sul futuro dell'Europa: rischi e pregi

    L'Unione europea (Ue) sta affrontando sfide senza precedenti in una condizione di debolezza senza precedenti. Senza precedenti è il cambiamento delle relazioni internazionali. Senza precedenti è il cambiamento della politica interna di molti Paesi europei. Senza precedenti è stato il processo che

    – di Sergio Fabbrini

    Il riordino del Mes e i limiti alla Bce

    Il dibattito sulla riforma del Meccanismo europeo di stabilità (MES) costituisce un passo in avanti verso la stabilizzazione finanziaria dell'Eurozona, oppure si tratta di una discussione viziata da una mancanza di sguardo più ampio

    – di Sergio Fabbrini

    Ecco perché l'Europa unita rimane divisa tra est e ovest

    Le celebrazioni del Trentennale della caduta del muro di Berlino nel 1989 si sono appena concluse. Esse hanno enfatizzato la grande conquista della riunificazione economica e democratica del Continente resa possibile da quella caduta. Quest'ultima ha consentito di trasformare la Comunità economica

    – di Sergio Fabbrini

    Il voto spagnolo parla anche a noi

    Difficilmente il Paese iberico potrà conseguire la stabilità politica senza un cambiamento dei partiti politici e delle culture istituzionali dei loro leader. Solamente così potrà concludersi la sua transizione

    – di Sergio Fabbrini

    L'eredità di Draghi contro il populismo

    Il difficile compito di Christine Lagarde alla presidenza della Bce, che dovrà riuscire a far tesoro dell'esperienza del suo predecessore aggiornandola alle nuove sfide di una realtà economica in costante trasformazione

    – di Sergio Fabbrini

    Le ombre per Londra su crescita e sovranità interna

    Ieri è stata una giornata storica per il Regno Unito. Il parlamento di Westminster doveva decidere come uscire da una Brexit che assomiglia ad una guerra. E ha deciso di non uscirne. Ha votato di non votare la nuova "Dichiarazione politica" e il nuovo "Protocollo su Irlanda e Irlanda del Nord"

    – di Sergio Fabbrini

    Da Roma a Bruxelles i dilemmi dei parlamenti

    I Parlamenti sono ritornati al centro del dibattito pubblico. Tuttavia, tale riaffermazione del ruolo parlamentare si è rivelata più efficace nella difesa di tradizionali prerogative, piuttosto che nell'individuazione di prerogative adeguate al nuovo contesto in cui i Parlamenti agiscono

    – di Sergio Fabbrini

    Le trappole della politica di bilancio

    La discussione pubblica sulla Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza (Nadef) ha riproposto la divisione tra il Partito del Possibile e il Partito del Necessario. Anche se entrambi condividono una valutazione positiva sulla nascita del nuovo governo (che ci ha riportato su una traiettoria centripeta nei confronti dell'Europa), le differenze tra di loro sono emerse con ruvidezza. Ecco perché

    – di Sergio Fabbrini

1-10 di 264 risultati