Le nostre Firme

Sergio Fabbrini

editorialista |

Professore ordinario di Scienza Politica e Relazioni Internazionali e Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche presso la LUISS Guido Carli, dove ha fondato e diretto la School of Government dal 2010 al 2018. E' stato Direttore della School of International Studies dell'Università degli Studi Trento dal 2006 al 2009. E' stato Direttore della “Rivista Italiana di Scienza Politica” dal 2004 al 2009, il primo direttore dopo Giovanni Sartori che l'ha fondata nel 1971. E' Recurrent Visiting Professor di Comparative and International Politics presso la University of California di Berkeley (USA). Tra gli altri, è stato Jemolo Fellow presso il Nuffield College di Oxford e Jean Monnet Chair Professor presso il Robert Schuman Center for Advanced Studies, European University Institute, Fiesole, Firenze. Ha insegnato in diverse università degli Stati Uniti, della Cina, del Giappone, dell'America Latina e dell'Europa. E' stato Fulbright Professor presso la Harvard University (USA). Ha diretto la collana editoriale su “Le istituzioni delle democrazie contemporanee” per l'Editore Laterza. Ha vinto diversi premi scientifici internazionali e nazionali. Ha pubblicato sedici volumi, è co-autore di un altro volume ed ha curato altri quindici volumi, oltre a quasi trecento saggi scientifici in sette lingue, nei campi della politica comparata ed europea, della politica americana, della politica italiana, della teoria politica e della political economy. E' editorialista del quotidiano Il Sole 24 Ore. Per i suoi editoriali, ha ricevuto il Premio 2017 Altieri Spinelli che gli è stato consegnato a Ventotene.

  • Luogo: Luiss Guido Carli
  • Lingue parlate: francese, spagnolo
  • Argomenti: Scienze politiche, relazioni internazionali

Ultimo aggiornamento 11 ottobre 2018

Ultimi articoli di Sergio Fabbrini

    Dietro Brexit il fallimento di una classe dirigente

    A Londra è in atto un dramma di proporzioni storiche. La decisione di uscire dall'Unione europea (Ue), presa con il referendum del 23 giugno 2016, ha attivato una catena di eventi che nessuno è in grado di governare. Certamente, in quella decisione, un ruolo importante è stato esercitato da

    – di Sergio Fabbrini

    L'economia ha bisogno dei lavoratori immigrati

    E' insensato che il Paese si divida su come gestire 49 migranti. Si cerca di polarizzare l'opinione pubblica che polarizzata non è. Secondo una ricerca di More in Common del luglio scorso, relativa alle attitudini (opinioni non contingenti) degli italiani nei confronti dell'immigrazione, emerge che

    – di Sergio Fabbrini

    Rischio sovranista per i conti dell'Italia

    Non vi è dubbio che la scadenza politica più importante del 2019 sarà l'elezione del Parlamento europeo. Da tempo i motori dei partiti politici sono accesi per prepararsi a quell'elezione. In particolare, quelli dei partiti sovranisti. Le loro intenzioni sono inequivoche. Svuotare l'attuale sistema

    – di Sergio Fabbrini

    Mance date a pioggia non c'entrano con il popolo

    L'opinione è abbastanza diffusa. Il 2018 è stato (di nuovo) l'anno dei populisti. Partiti e leader populisti hanno avuto successo ovunque. In Europa, basti pensare alle elezioni italiane del marzo 2018, con due partiti populisti che sono emersi come vincitori; oppure alle elezioni ungheresi

    – di Sergio Fabbrini

    Il populismo al governo, la recessione che avanza

    Nessun Paese membro dell'Eurozona è mai giunto ad approvare la propria legge di bilancio con le modalità e i tempi con cui lo stiamo facendo noi in questi giorni. Arrivato sull'orlo del precipizio (l'esercizio provvisorio), il governo ha presentato in Senato un maxi-emendamento che sostituisce

    – di Sergio Fabbrini

    La resilienza dell'Europa non basta all'economia

    Londra e Roma hanno commesso un errore a sottovalutare la resilienza dell'Unione europea (Ue). A Londra, chi ha promosso la Brexit pensava che l'Ue fosse in una fase di irreversibile declino, che le divisioni al suo interno le avrebbero impedito di definire e mantenere una posizione comune nel

    – di Sergio Fabbrini

    L'Europa non è un nemico (sarebbe ora di capirlo)

    E' un bene che il governo italiano abbia aperto (finalmente) un dialogo costruttivo con la Commissione europea sulla legge di bilancio 2019. E' un bene che il negoziato con la Commissione persegua (finalmente) l'obiettivo di evitare l'attivazione della procedura d'infrazione (per debito, oltre che

    – di Sergio Fabbrini

    Risultato di Brexit: Regno Unito satellite Ue

    Non sappiamo se il Parlamento di Westminster sceglierà di sostenere o meno, il prossimo 11 dicembre, l'Accordo di recesso (il Withdrawal Agreement) del Regno Unito dall'Unione europea (Ue). Sappiamo però che un'uscita disordinata costerebbe cara al Paese. Secondo la Banca d'Inghilterra, in un anno

    – di Sergio Fabbrini

    Il budget dell'Eurozona e gli interessi dell'Italia

    Nonostante i dubbi (sulla opportunità di uno scontro frontale con l'Europa) manifestati da alcuni esponenti del governo italiano, i capi politici di quest'ultimo continuano a fare la faccia feroce con Bruxelles. Matteo Salvini considera le raccomandazioni della Commissione europea niente più che

    – di Sergio Fabbrini

    In diciotto contro l'Italia, l'Eurozona si rafforza

    Se il governo italiano insisterà a difendere la sua proposta di bilancio, quali saranno le conseguenze per la collocazione italiana nell'Unione europea? Finora, le scelte di politica di bilancio del governo italiano sono state discusse per le loro conseguenze sull'economia e la politica del nostro

    – di Sergio Fabbrini

1-10 di 221 risultati