Le nostre Firme

Sergio Fabbrini

editorialista |

Professore ordinario di Scienza Politica e Relazioni Internazionali e Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche presso la LUISS Guido Carli, dove ha fondato e diretto la School of Government dal 2010 al 2018. E' stato Direttore della School of International Studies dell'Università degli Studi Trento dal 2006 al 2009. E' stato Direttore della “Rivista Italiana di Scienza Politica” dal 2004 al 2009, il primo direttore dopo Giovanni Sartori che l'ha fondata nel 1971. E' Recurrent Visiting Professor di Comparative and International Politics presso la University of California di Berkeley (USA). Tra gli altri, è stato Jemolo Fellow presso il Nuffield College di Oxford e Jean Monnet Chair Professor presso il Robert Schuman Center for Advanced Studies, European University Institute, Fiesole, Firenze. Ha insegnato in diverse università degli Stati Uniti, della Cina, del Giappone, dell'America Latina e dell'Europa. E' stato Fulbright Professor presso la Harvard University (USA). Ha diretto la collana editoriale su “Le istituzioni delle democrazie contemporanee” per l'Editore Laterza. Ha vinto diversi premi scientifici internazionali e nazionali. Ha pubblicato sedici volumi, è co-autore di un altro volume ed ha curato altri quindici volumi, oltre a quasi trecento saggi scientifici in sette lingue, nei campi della politica comparata ed europea, della politica americana, della politica italiana, della teoria politica e della political economy. E' editorialista del quotidiano Il Sole 24 Ore. Per i suoi editoriali, ha ricevuto il Premio 2017 Altieri Spinelli che gli è stato consegnato a Ventotene.

  • Luogo: Luiss Guido Carli
  • Lingue parlate: francese, spagnolo
  • Argomenti: Scienze politiche, relazioni internazionali

Ultimo aggiornamento 11 ottobre 2018

Ultimi articoli di Sergio Fabbrini

    Due paradigmi per la riforma fiscale dell'Unione

    Prima di Natale, Mario Draghi ed Emmanuel Macron hanno pubblicato un articolo per proporre la riforma delle regole fiscali europee. L'articolo si basa su un paper scritto da quattro economisti, due dei quali (Francesco Giavazzi e Charles-Henri Weymuller) consiglieri dell'uno e dell'altro capo di

    – di Sergio Fabbrini

    Joe Biden e le elezioni con l'America sotto stress

    Non sarà un anno facile, il 2022, per il presidente americano Joe Biden. Anche se, a dire il vero, neppure il 2021 lo è stato. La democrazia americana è sottoposta ad uno stress senza precedenti dovuta alla polarizzazione tra i due maggiori partiti. Polarizzazione che ha condotto alla

    – di Sergio Fabbrini

    All'Europa manca il governo delle emergenze

    Il Consiglio europeo (che riunisce i leader dei 27 stati membri dell'Unione europea, Ue) si è da poco concluso. Tanta discussione, poca decisione. Non ha deciso, tra l'altro, come contrastare la quarta ondata pandemica. Prima della riunione, alcuni governi (tra cui il nostro) avevano deciso di

    – di Sergio Fabbrini

    Il Pnrr vincolo per migliorare le politiche

    C'è un'opinione che Next Generation EU (NG-EU) consista in un trasferimento finanziario di fondi, a favore degli stati membri dell'Unione europea (Ue) colpiti dalla pandemia, privo di condizioni e di controlli. E' così? Nulla di più sbagliato. Anzi, per continuare ad ottenere (nei prossimi sei anni)

    – di Sergio Fabbrini

    Centrosinistra: i dilemmi del modello europeo

    I partiti socialdemocratici (che noi chiameremmo di centro-sinistra) sono in ripresa in diversi Paesi europei. Il 14 ottobre scorso, il leader laburista Jonas Gahr Støre è divenuto premier della Norvegia, il prossimo dicembre il leader socialdemocratico Olaf Scholz diventerà cancelliere della

    – di Sergio Fabbrini

    Le sfide ambiziose di un rinnovato multilateralismo

    Oggi si concluderà la riunione del G20 presieduta dal premier italiano Mario Draghi. E' un gran bene che l'Italia lo presieda con la personalità più prestigiosa di cui dispone. Si tratta di una riunione di grande importanza per i problemi globali da affrontare. Il G20 era nato alla fine del secolo

    – di Sergio Fabbrini

    Un nuovo capitolo della sfida sovranista

    A Bruxelles non sono mancate le scintille. Giovedì e venerdì scorsi si è tenuto il Consiglio europeo dei capi di governo dei 27 stati membri dell'Unione europea (Ue). Discussione accanita, conclusasi senza alcuna decisione. I più importanti dossiers hanno registrato divergenze profonde tra i capi

    – di Sergio Fabbrini

    La questione polacca e il destino della Ue

    Il 7 ottobre scorso, il Tribunale costituzionale polacco ha deciso che alcune disposizioni del Trattato sull'Unione Europea (Teu) sono illegittimi perché incompatibili con la Costituzione polacca. I sovranisti di tutt'Europa (tra cui Giorgia Meloni) hanno applaudito con entusiasmo. Infatti, quella

    – di Sergio Fabbrini

    I dilemmi di Bruxelles e Berlino dopo il voto tedesco

    Ritorniamo alle elezioni tedesche di domenica scorsa. Esse hanno sollevato due domande cruciali, del tutto trascurate dal dibattito post-elettorale. Quali sono le implicazioni della rinnovata stabilità centrista emersa da quelle elezioni? Perché queste ultime sono state vissute, a Bruxelles come

    – di Sergio Fabbrini

1-10 di 320 risultati