Le nostre Firme

Sergio Fabbrini

editorialista |

Professore ordinario di Scienza Politica e Relazioni Internazionali e Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche presso la LUISS Guido Carli, dove ha fondato e diretto la School of Government dal 2010 al 2018. E' stato Direttore della School of International Studies dell'Università degli Studi Trento dal 2006 al 2009. E' stato Direttore della “Rivista Italiana di Scienza Politica” dal 2004 al 2009, il primo direttore dopo Giovanni Sartori che l'ha fondata nel 1971. E' Recurrent Visiting Professor di Comparative and International Politics presso la University of California di Berkeley (USA). Tra gli altri, è stato Jemolo Fellow presso il Nuffield College di Oxford e Jean Monnet Chair Professor presso il Robert Schuman Center for Advanced Studies, European University Institute, Fiesole, Firenze. Ha insegnato in diverse università degli Stati Uniti, della Cina, del Giappone, dell'America Latina e dell'Europa. E' stato Fulbright Professor presso la Harvard University (USA). Ha diretto la collana editoriale su “Le istituzioni delle democrazie contemporanee” per l'Editore Laterza. Ha vinto diversi premi scientifici internazionali e nazionali. Ha pubblicato sedici volumi, è co-autore di un altro volume ed ha curato altri quindici volumi, oltre a quasi trecento saggi scientifici in sette lingue, nei campi della politica comparata ed europea, della politica americana, della politica italiana, della teoria politica e della political economy. E' editorialista del quotidiano Il Sole 24 Ore. Per i suoi editoriali, ha ricevuto il Premio 2017 Altieri Spinelli che gli è stato consegnato a Ventotene.

  • Luogo: Luiss Guido Carli
  • Lingue parlate: francese, spagnolo
  • Argomenti: Scienze politiche, relazioni internazionali

Ultimo aggiornamento 11 ottobre 2018

Ultimi articoli di Sergio Fabbrini

    Un appello per il futuro dell'Europa e dell'Italia

    Pochi giorni fa, un "Appello per l'Europa" è stato sottoscritto da Confindustria e dalle tre principali confederazioni sindacali italiane (Cgil, Cisl e Uil). Seppure portatrici di interessi diversi e di visioni spesso contrastanti, quelle organizzazioni hanno trovato una convergenza sulla questione

    – di Sergio Fabbrini

    Le ricette miracolose e la lezione di Brexit

    Problemi complessi non possono ricevere risposte semplici. Né i danni prodotti da risposte semplici possono essere affrontati con ricette tradizionali. Il dramma in scena a Londra è una conferma dei guai che sono generati dai venditori di soluzioni semplicistiche ai problemi dei cittadini. Ma quel

    – di Sergio Fabbrini

    Ue grande mercato dal piccolo governo

    La visita di Xi Jinping in Italia (e poi in Lussemburgo e Francia) ha reso evidente la contraddizione che continua a imprigionare l'Europa: essere un grande mercato privo però di una direzione politica. In Europa, la dissociazione tra economia e politica lavora instancabilmente ai fianchi del

    – di Sergio Fabbrini

    Senza risorse proprie l'Europa non si fa

    Le elezioni per il Parlamento europeo del prossimo maggio stanno dando vita una nuova frattura politica, quella tra sovranisti ed europeisti. Finora, il Parlamento europeo si era strutturato intorno alla frattura (tipica dei parlamenti nazionali) che oppone i partiti del centro-destra ai partiti

    – di Sergio Fabbrini

    Tra promesse e realtà un anno dopo il cambiamento

    Le elezioni del 4 marzo 2018 sono state l'equivalente di un sommovimento sociale. Esse hanno registrato il successo delle due forze politiche (Cinque Stelle e Lega) che avevano dato voce al malessere diffuso nel Paese. Un malessere cresciuto costantemente dal novembre 2011, quando il governo

    – di Sergio Fabbrini

    La povertà non si batte con l'economia in declino

    Nuvole sempre più grigie si sono addensate sui cieli dell'economia italiana. Il 22 febbraio Fitch ha confermato il rating BBB per l'Italia. Secondo quell'agenzia, il nostro debito pubblico è (per ora) sostenibile, ma la politica fiscale seguita dal governo non mette il Paese nelle condizioni di

    – di Sergio Fabbrini

    Protezione a spese della crescita, la contraddizione del governo

    Magari sono cambiati i rapporti di forza tra i due partiti che costituiscono il governo italiano, ma quest'ultimo continua a beneficiare di un consenso maggioritario tra gli elettori. Sono in molti a pensare che il suo sovranismo abbia dunque successo. E così? In realtà, non tutto è oro ciò che

    – di Sergio Fabbrini

    La politica può salvare l'economia europea

    L'outlook sulle previsioni economiche del 2019 e 2020, presentato dalla Commissione europea tre giorni fa, è preoccupante. Si dice che ci si aspetta che «il ritmo di crescita complessivo?si modererà rispetto agli alti tassi degli anni recenti», a causa della «grande incertezza» internazionale ed

    – di Sergio Fabbrini

1-10 di 233 risultati