Le nostre Firme

Sergio Fabbrini

editorialista |

Professore ordinario di Scienza Politica e Relazioni Internazionali e Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche presso la LUISS Guido Carli, dove ha fondato e diretto la School of Government dal 2010 al 2018. E' stato Direttore della School of International Studies dell'Università degli Studi Trento dal 2006 al 2009. E' stato Direttore della “Rivista Italiana di Scienza Politica” dal 2004 al 2009, il primo direttore dopo Giovanni Sartori che l'ha fondata nel 1971. E' Recurrent Visiting Professor di Comparative and International Politics presso la University of California di Berkeley (USA). Tra gli altri, è stato Jemolo Fellow presso il Nuffield College di Oxford e Jean Monnet Chair Professor presso il Robert Schuman Center for Advanced Studies, European University Institute, Fiesole, Firenze. Ha insegnato in diverse università degli Stati Uniti, della Cina, del Giappone, dell'America Latina e dell'Europa. E' stato Fulbright Professor presso la Harvard University (USA). Ha diretto la collana editoriale su “Le istituzioni delle democrazie contemporanee” per l'Editore Laterza. Ha vinto diversi premi scientifici internazionali e nazionali. Ha pubblicato sedici volumi, è co-autore di un altro volume ed ha curato altri quindici volumi, oltre a quasi trecento saggi scientifici in sette lingue, nei campi della politica comparata ed europea, della politica americana, della politica italiana, della teoria politica e della political economy. E' editorialista del quotidiano Il Sole 24 Ore. Per i suoi editoriali, ha ricevuto il Premio 2017 Altieri Spinelli che gli è stato consegnato a Ventotene.

  • Luogo: Luiss Guido Carli
  • Lingue parlate: francese, spagnolo
  • Argomenti: Scienze politiche, relazioni internazionali

Ultimo aggiornamento 11 ottobre 2018

Ultimi articoli di Sergio Fabbrini

    La questione polacca e il destino della Ue

    Il 7 ottobre scorso, il Tribunale costituzionale polacco ha deciso che alcune disposizioni del Trattato sull'Unione Europea (Teu) sono illegittimi perché incompatibili con la Costituzione polacca. I sovranisti di tutt'Europa (tra cui Giorgia Meloni) hanno applaudito con entusiasmo. Infatti, quella

    – di Sergio Fabbrini

    I dilemmi di Bruxelles e Berlino dopo il voto tedesco

    Ritorniamo alle elezioni tedesche di domenica scorsa. Esse hanno sollevato due domande cruciali, del tutto trascurate dal dibattito post-elettorale. Quali sono le implicazioni della rinnovata stabilità centrista emersa da quelle elezioni? Perché queste ultime sono state vissute, a Bruxelles come

    – di Sergio Fabbrini

    Von Der Leyen tra successi e aspettative deluse

    Com'era prevedibile, il discorso tenuto mercoledì scorso dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, sullo "Stato dell'Unione" ha diviso gli osservatori. Per alcuni è stato un discorso da bicchiere mezzo pieno, per altri da bicchiere mezzo vuoto. Certamente, il bicchiere

    – di Sergio Fabbrini

    L'11 settembre e le sfide aperte per l'Europa

    Con l'11 settembre di vent'anni fa, siamo entrati in una fase che Richard Haas ha definito il «dopo-dopo-guerra fredda». Il dopo-guerra fredda, con l'America come unica potenza mondiale, era durato poco, appena un decennio. L'11 settembre ha spinto l'America a dissanguarsi in guerre che non poteva

    – di Sergio Fabbrini

    Democrazia da esportare tra errori e ambiguità

    In Afghanistan, è stata sconfitta oppure no l'idea che la democrazia sia esportabile? In Europa e in America si discute animatamente di questo. L'Afghanistan, nella sua tragedia umana, è diventato il caso esemplare intorno a quale si stanno contrapponendo i realisti e gli idealisti, con i primi che

    – di Sergio Fabbrini

    L'Europa parassita e l'autonomia strategica

    Il dramma di Kabul sta umiliando gli americani così come gli europei. Gli americani pagano per scelte che hanno fatto, noi per scelte che non abbiamo avuto il coraggio di fare. Soffriamo le conseguenze del fallimento della politica estera americana, anche perché ci siamo accodati ad essa, non

    – di Sergio Fabbrini

    A Kabul in scena errori Usa e debolezze Ue

    Lo sconclusionato ritiro americano dall'Afghanistan ha suscitato reazioni diverse al "centro dell'impero" (in America) e alla "periferia dell'impero" (in Italia). Al centro, la discussione si è focalizzata sulla politica estera, con le opinioni opposte di Jeffrey D. Sachs, secondo il quale la

    – di Sergio Fabbrini

    Regimi fiscali e visioni dell'unione europea

    Dopo l'estate inizierà la discussione sul futuro del Patto di stabilità e crescita (Psc), il perno del sistema fiscale dell'Eurozona momentaneamente sospeso. Già ora, però, gli schieramenti si stanno formando. Pochi giorni fa, in campagna elettorale, Armin Laschet, il candidato cristiano

    – di Sergio Fabbrini

1-10 di 313 risultati