Le nostre Firme

Sergio Fabbrini

editorialista |

Professore ordinario di Scienza Politica e Relazioni Internazionali e Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche presso la LUISS Guido Carli, dove ha fondato e diretto la School of Government dal 2010 al 2018. E' stato Direttore della School of International Studies dell'Università degli Studi Trento dal 2006 al 2009. E' stato Direttore della “Rivista Italiana di Scienza Politica” dal 2004 al 2009, il primo direttore dopo Giovanni Sartori che l'ha fondata nel 1971. E' Recurrent Visiting Professor di Comparative and International Politics presso la University of California di Berkeley (USA). Tra gli altri, è stato Jemolo Fellow presso il Nuffield College di Oxford e Jean Monnet Chair Professor presso il Robert Schuman Center for Advanced Studies, European University Institute, Fiesole, Firenze. Ha insegnato in diverse università degli Stati Uniti, della Cina, del Giappone, dell'America Latina e dell'Europa. E' stato Fulbright Professor presso la Harvard University (USA). Ha diretto la collana editoriale su “Le istituzioni delle democrazie contemporanee” per l'Editore Laterza. Ha vinto diversi premi scientifici internazionali e nazionali. Ha pubblicato sedici volumi, è co-autore di un altro volume ed ha curato altri quindici volumi, oltre a quasi trecento saggi scientifici in sette lingue, nei campi della politica comparata ed europea, della politica americana, della politica italiana, della teoria politica e della political economy. E' editorialista del quotidiano Il Sole 24 Ore. Per i suoi editoriali, ha ricevuto il Premio 2017 Altieri Spinelli che gli è stato consegnato a Ventotene.

  • Luogo: Luiss Guido Carli
  • Lingue parlate: francese, spagnolo
  • Argomenti: Scienze politiche, relazioni internazionali

Ultimo aggiornamento 11 ottobre 2018

Ultimi articoli di Sergio Fabbrini

    Un governo europeo, non fatto in Europa

    Dice la (nuova) opposizione: «Il (nuovo) governo Conte è stato fatto in Europa. E' un governo europeo per fare gli interessi della Germania e della Francia, non dell'Italia». Questa interpretazione, della soluzione della crisi governativa italiana, costituirà il leit motiv della (nuova) opposizione,

    – di Sergio Fabbrini

    Nuovo governo, nuovi problemi

    Nonostante le resistenze, è probabile che Giuseppe Conte formerà un nuovo governo sulla base di una nuova maggioranza, centrata sul Movimento 5 Stelle (M5S) e il Partito democratico (Pd). La nuova maggioranza costituisce la risposta al tentativo della Lega di sfiduciare il precedente governo sulla

    – di Sergio Fabbrini

    A Bruxelles la scintilla della crisi italiana

    La decisione dei parlamentari europei dei 5 Stelle (M5S), di sostenere la candidatura di Ursula von der Leyen a presidente della Commissione europea, ha avviato il processo che ha condotto alla crisi del governo Conte.

    – di Sergio Fabbrini

    Riportare la crescita al centro del dibattito

    Sembra di vivere in un Paese surreale. La politica evoca un "mondo" che non ha relazioni con la realtà sensibile. La realtà è lquella di un'economia italiana in stagnazione, con occupazione di scarsa qualità, export fragile e Sud in stato di depauperamento

    – di Sergio Fabbrini

    Boris Johnson e gli uomini nuovi del sovranismo

    Un nuovo leader sovranista è entrato nel club. Mercoledì scorso, Boris Johnson è stato eletto primo ministro dal Parlamento di Westminster. Subito dopo ha riunito il suo nuovo Cabinet costituito di ministri strettamente legati al suo progetto politico. Un progetto politico che consiste nel portare

    – di Sergio Fabbrini

    Von der Leyen schiacciata tra Parlamento e Consiglio

    Invece di stabilire chi abbia vinto o perso nell'elezione di Ursula von der Leyen, è più importante comprendere la natura dei processi politici e istituzionali portati in superficie da quella elezione. I fatti sono noti. Ursula von der Leyen è stata eletta presidente della Commissione europea da

    – di Sergio Fabbrini

    L'Europa e la sindrome dissociativa dei sovranisti

    E' come l'altalena. La relazione tra l'attuale governo italiano e le istituzioni europee oscilla tra un polo e l'altro. Un'oscillazione, per sua natura, senza direzione. Consideriamo la politica di bilancio. Ogni giorno, l'uno o l'altro dei due vicepremier ne ha una da proporre. Oggi la flat tax e

    – di Sergio Fabbrini

    Forza e debolezza delle scelte europee

    C'è voluto più di un mese per individuare la nuova leadership dell'Unione europea (Ue). Non è stato un compito facile, vista la trasformazione in corso della politica continentale. Il Regno Unito è sulla porta di uscita dall'Ue, i Paesi dell'Europa orientale (il gruppo di Visegrad in particolare)

    – di Sergio Fabbrini

    L'Italia non può restare all'opposizione in Europa

    Martedì prossimo, con l'insediamento del Parlamento europeo, inizierà un nuovo ciclo politico. In pochi mesi occorrerà nominare il presidente del Parlamento europeo, della Commissione, del Consiglio europeo, oltre che l'Alto Rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza. Per di

    – di Sergio Fabbrini

1-10 di 252 risultati