Le nostre Firme

Sergio Fabbrini

editorialista |

Professore ordinario di Scienza Politica e Relazioni Internazionali e Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche presso la LUISS Guido Carli, dove ha fondato e diretto la School of Government dal 2010 al 2018. E' stato Direttore della School of International Studies dell'Università degli Studi Trento dal 2006 al 2009. E' stato Direttore della “Rivista Italiana di Scienza Politica” dal 2004 al 2009, il primo direttore dopo Giovanni Sartori che l'ha fondata nel 1971. E' Recurrent Visiting Professor di Comparative and International Politics presso la University of California di Berkeley (USA). Tra gli altri, è stato Jemolo Fellow presso il Nuffield College di Oxford e Jean Monnet Chair Professor presso il Robert Schuman Center for Advanced Studies, European University Institute, Fiesole, Firenze. Ha insegnato in diverse università degli Stati Uniti, della Cina, del Giappone, dell'America Latina e dell'Europa. E' stato Fulbright Professor presso la Harvard University (USA). Ha diretto la collana editoriale su “Le istituzioni delle democrazie contemporanee” per l'Editore Laterza. Ha vinto diversi premi scientifici internazionali e nazionali. Ha pubblicato sedici volumi, è co-autore di un altro volume ed ha curato altri quindici volumi, oltre a quasi trecento saggi scientifici in sette lingue, nei campi della politica comparata ed europea, della politica americana, della politica italiana, della teoria politica e della political economy. E' editorialista del quotidiano Il Sole 24 Ore. Per i suoi editoriali, ha ricevuto il Premio 2017 Altieri Spinelli che gli è stato consegnato a Ventotene.

  • Luogo: Luiss Guido Carli
  • Lingue parlate: francese, spagnolo
  • Argomenti: Scienze politiche, relazioni internazionali

Ultimo aggiornamento 11 ottobre 2018

Ultimi articoli di Sergio Fabbrini

    Ambiguità o riforme: il dilemma per l'Europa

    Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo ( maggio 2019) hanno accelerato il dibattito sul futuro dell'Europa. Dopo Brexit, nessuno minaccia più di lasciare l'Unione europea (Ue). Costerebbe troppo e i vantaggi sarebbero incerti. Per dirla con Alberta Sbragia, politologa di Pittsburgh, gli

    – di Sergio Fabbrini

    L'economia impone all'Europa di cambiare

    Martedì 6 novembre si terranno le elezioni di metà mandato negli Stati Uniti. Riguardano l'elezione delle due camere del Congresso, oltre che di molte cariche statali e locali. Attualmente, in entrambe le camere, la maggioranza è controllata dai repubblicani alleati con il presidente Trump.

    – di Sergio Fabbrini

    Roma-Bruxelles, raffreddare i piedi il prima possibile

    Lo scontro in corso tra il Governo italiano e la Commissione europea è senza precedenti. Tale scontro sta creando una divisione tra il nostro Paese e gli altri 18 Paesi dell'Eurozona. Esso è l'esito della strategia perseguita dal Governo italiano, il cui obiettivo è quello di mostrare

    – di Sergio Fabbrini

    La sfida di formare politici nuovi e attrezzati

    Puntare sulla formazione, sulla specializzazione è un asset fondamentale in un contesto storico e politico attraversato da molteplici e spesso contrastanti spinte e da pulsioni che richiedono di essere interpretate e ben governate. E lo è a partire dalla politica, per accrescere il livello delle

    – di Sergio Fabbrini e Dino Pesole

    Italia-Ue: serve nuova casa per rilanciare il matrimonio

    Il rapporto tra l'Italia e l'Unione europea (Ue) assomiglia a un matrimonio in crisi. Dopo mezzo secolo di una convivenza pacifica e reciprocamente soddisfacente, con la Grande Recessione di questo decennio la relazione sentimentale tra l'Italia e l'Ue si è progressivamente deteriorata. La nascita

    – di Sergio Fabbrini

    Governo diviso su economia e politica per l'Europa

    Mentre i due vice-premier del governo italiano vanno a uno scontro con l'Unione europea (Ue), un altro membro del governo, il ministro per gli Affari europei va a Bruxelles per discutere il progetto di «una politeia per un'Europa diversa, più forte e più equa». I primi affermano senza scrupoli di

    – di Sergio Fabbrini

    Governo diviso su economia e politica per l'Europa

    Mentre i due vice-premier del governo italiano vanno a uno scontro con l'Unione europea (Ue), un altro membro del governo, il ministro per gli Affari europei va a Bruxelles per discutere il progetto di «una politeia per un'Europa diversa, più forte e più equa». I primi affermano senza scrupoli di

    – di Sergio Fabbrini

    Perché Lega e M5S vogliono rovesciare l'ordine politico europeo

    I mismatch tra economia e politica si accentua ogni giorno che passa. Il governo ha finalmente presentato la Nota al documento di politica di bilancio. Per il ministro dell'Economia e delle Finanze essa prefigura una legge finanziaria che sarà «coraggiosa e responsabile, in quanto punta alla

    – di Sergio Fabbrini

    La distanza che separa economia e politica

    Sembra di assistere all'inizio di una guerra seppure condotta con altri mezzi. L'oggetto della contesa è la percentuale di deficit rispetto al Pil prevista dalla nostra legge di stabilità per il 2019. Il governo ha deciso di varare una "manovra del popolo" con un deficit del 2,4 per cento (di gran

    – di Sergio Fabbrini

1-10 di 211 risultati