Le nostre firme

Sergio Fabbrini

Trust projecteditorialista
Sergio Fabbrini

Professore ordinario di Scienza Politica e Relazioni Internazionali e Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche presso la LUISS Guido Carli, dove ha fondato e diretto la School of Government dal 2010 al 2018. E' stato Direttore della School of International Studies dell'Università degli Studi Trento dal 2006 al 2009. E' stato Direttore della “Rivista Italiana di Scienza Politica” dal 2004 al 2009, il primo direttore dopo Giovanni Sartori che l'ha fondata nel 1971. E' Recurrent Visiting Professor di Comparative and International Politics presso la University of California di Berkeley (USA). Tra gli altri, è stato Jemolo Fellow presso il Nuffield College di Oxford e Jean Monnet Chair Professor presso il Robert Schuman Center for Advanced Studies, European University Institute, Fiesole, Firenze. Ha insegnato in diverse università degli Stati Uniti, della Cina, del Giappone, dell'America Latina e dell'Europa. E' stato Fulbright Professor presso la Harvard University (USA). Ha diretto la collana editoriale su “Le istituzioni delle democrazie contemporanee” per l'Editore Laterza. Ha vinto diversi premi scientifici internazionali e nazionali. Ha pubblicato sedici volumi, è co-autore di un altro volume ed ha curato altri quindici volumi, oltre a quasi trecento saggi scientifici in sette lingue, nei campi della politica comparata ed europea, della politica americana, della politica italiana, della teoria politica e della political economy. E' editorialista del quotidiano Il Sole 24 Ore. Per i suoi editoriali, ha ricevuto il Premio 2017 Altieri Spinelli che gli è stato consegnato a Ventotene.

Luogo: Luiss Guido Carli

Lingue parlate: francese, spagnolo

Argomenti: Scienze politiche, relazioni internazionali

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 21 febbraio 2022
    L’Europa sul filo tra protezione e democrazia

    Commenti

    L’Europa sul filo tra protezione e democrazia

    Ci sono più di 2mila chilometri tra Kiev e Lussemburgo, ma le vicende dell’ultima settimana le hanno rese inaspettatamente vicine. A Kiev, c’è un confronto militare tra due visioni della sicurezza europea, a Lussemburgo c'è stato un confronto giuridico tra due modelli di politica europea. Vale la

  • 14 febbraio 2022
    I passi avanti di Maastricht e i problemi irrisolti

    Commenti

    I passi avanti di Maastricht e i problemi irrisolti

    Trent’anni fa, il 7 febbraio 1992, fu firmato a Maastricht, nei Paesi Bassi, un Trattato che ha cambiato la natura del processo di integrazione. Con quel Trattato, negoziato durante la fine della Guerra Fredda, fu presa la decisione di adottare una moneta comune, decisione che condurrà (nel 1999)

  • 07 febbraio 2022
    Pnrr, le Elezioni 2023 e il pericolo dei tempi sfasati

    Commenti

    Pnrr, le Elezioni 2023 e il pericolo dei tempi sfasati

    Giovedì scorso, nel suo discorso al Parlamento dopo il giuramento, il presidente Sergio Mattarella ha rimarcato come «l'Italia (sia) al centro dell'impegno di ripresa dell'Europa. Siamo i maggiori beneficiari del programma Next Generation e dobbiamo rilanciare l'economia all'insegna della

  • 31 gennaio 2022
    Un conflitto fra due concezioni della politica

    Commenti

    Un conflitto fra due concezioni della politica

    E’una bella notizia sapere che Sergio Mattarella ha accettato un secondo mandato presidenziale. È stata tuttavia una brutta settimana per la democrazia rappresentativa italiana.Di fronte ad una pandemia che ci ha messo in ginocchio, l’elezione del presidente della Repubblica avrebbe dovuto essere

  • 25 gennaio 2022
    La corsa al Quirinale e il fattore d (debito)

    Commenti

    La corsa al Quirinale e il fattore d (debito)

    Tenete presente questo numero: 2,9 trilioni di euro. È il valore assoluto del nostro attuale debito pubblico, corrispondente al 158,5 per cento del Pil nazionale. Un'enormità. E adesso andiamo all'elezione del presidente della Repubblica per il prossimo settennato (2022-2029). Nonostante i tanti