Ultime notizie:

Sergio De Nardis

    Pil e lockdown, perché l'Italia ha un rimbalzo doppio della Germania

    I paesi usciti da chiusure più pesanti o più prolungate ha avuto una ripresa maggiore. Anche oltre le previsioni, com'è il caso dell'Italia, ma anche della Francia e della Spagna. La contrazione invernale potrebbe portare per l'Italia a una revisione in peggio della stima del PIL 2020 (-9% secondo il governo) relativamente contenuta, ma avrà effetti di trascinamento sul prossimo anno

    – di Davide Colombo

    Prezzi al consumo, per l'Italia (e non solo) cresce il rischio deflazione

    In agosto quarta variazione consecutiva in negativo (-0,5%). Ora l'inflazione acquisita per l'anno è pari a zero e nel 2021 in trend potrebbe peggiorare senza una ripresa del mercato del lavoro e dei contratti. La Bce monitora gli indici ma il target del 2% è fuori dai suoi radar ormai da sette anni

    – di Davide Colombo

    Se dopo il lockdown il Pil riparte da -8%

    Dietro le stime il calo dei consumi elettrici e della domanda negli ultimi dieci giorni. Le incognite sul blocco: come si uscirà e quale effetto retroazione sui nostri produttori per le chiusure di Francia, Spagna e Germania?

    – di Davide Colombo

    L'Ilva, le sue dieci sorelle e la cultura anti-industriale

    L'Ilva e le sue dieci sorelle. Sono le grandi crisi dell'Italia industriale. Il destino manifatturiero del nostro Paese non è a rischio: la natura profonda di una comunità non può essere negata e annichilita. Questa identità può, però, essere sicuramente contraddetta e compromessa. Con risultati

    – di Paolo Bricco

    Se il manifatturiero cambia pelle la produttività torna a crescere

    C'è una notizia molto interessante, in questi giorni dominati dall'euroscetticismo di alcuni e dal diffuso pessimismo sulla crescita zero del Paese: da 10 anni l'industria manifatturiera italiana non è più in ritardo nella crescita della produttività rispetto a Germania e Francia. La segnala un

    – di Fabrizio Onida

    L'economia italiana non cresce, dall'inizio del secolo

    L'economia italiana non cresce. Dall'inizio del secolo, da quando il Pil cinese misurato in volumi a prezzi correnti ha superato il nostro o, se si preferisce, dal debutto dell'euro, la crescita cumulata è stata del 2,8%, contro il 22,2% dell'Eurozona o il 27,1% dell'Ue28. La variazione media annua del Pil italiano nei 18 anni passati ha oscillato attorno allo 0,2%, contro l'1,2-1,4% dell'Europa. Fin qui nessuna novità: la stagnazione è secolare per tanti paesi, anche se la nostra lo è un pò...

    – Infodata

    Da inizio del secolo l'Italia è cresciuta del 2,8%, l'Ue del 27,1

    L'economia italiana non cresce. Dall'inizio del secolo, da quando il Pil cinese misurato in volumi a prezzi correnti ha superato il nostro o, se si preferisce, dal debutto dell'euro, la crescita cumulata è stata del 2,8%, contro il 22,2% dell'Eurozona o il 27,1% dell'Ue28. La variazione media annua del Pil italiano nei 18 anni passati ha oscillato attorno allo 0,2%, contro l'1,2-1,4% dell'Europa. Fin qui nessuna novità: la stagnazione è secolare per tanti paesi, anche se la nostra lo è un pò...

    – Davide Colombo

    Un'economia guidata dalla leadership della minoranza

    In maniera graduale ma persistente, due caratteristiche della manifattura italiana stanno assumendo una cifra strutturale: l'inutilità del dato medio nella misurazione dell'andamento del nostro sistema industriale e - finalmente, viene da dire - la leadership della minoranza.

    – di Paolo Bricco

1-10 di 104 risultati