Persone

Sergey Brin

Sergey Brin, nato a Mosca nel 1973, è con Larry Page il fondatore di Google.

Immigrato negli Usa dall'Unione Sovietica all'età di sei anni, Brin incontra Larry Page all'università di Stanford, dopo essersi laureato a pieni voti in Matematica e Scienze informatiche presso l'Università del Maryland. Non finirà però il suo dottorato perché, nel frattempo, fonda nel 1998 insieme all'amico il motore di ricerca Google.

Brin è la mente dei progetti meno core di Alphabet, la holding che controlla Google di cui è presidente, come ad esempio le auto guidano da sole, le lenti a contatto intelligenti e i Google Glass.

Nel 2007 Brin ha sposato Anne Wojcicki , amministratore delegato della compagnia di genetica 23andMe, da cui ha divorziato nel 2015.

La sua fortuna personale secondo Bloomberg Billionaires Index è di 45,3 miliardi di dollari (dati maggio 2017).

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Sergey Brin

    Larry Page: il cofondatore di Google (patrimonio: 48,8 miliardi di dollari)

    Azienda: GoogleCon Sergej Brin ha cofondato il motore di ricerca Google. Era il 1995 quando Larry Page e Sergey Brin, entrambi dottorandi alla Stanford University, in California, avviarono un progetto di ricerca orientato alla comprensione dei modelli matematici e della struttura di link del web.

    La nuova sfida della Silicon Valley: l'immortalità umana

    «Probabilmente la maggior forma di disuguaglianza umana è tra chi è vivo e chi non lo è più». No, non è Oscar Wilde: la frase è di Peter Thiel, il visionario co-cofondatore di Paypal, l'uomo che considera la morte «un problema che va risolto». Su Thiel, consulente tecnologico "unofficial" di Donald

    – di Enrico Marro

    Miliardari, Zuckerberg supera Buffett. Sei Paperoni su 10 lavorano nel tech

    Mark Zuckerberg, il patron di Facebook, ha superato Warren Buffett diventando la terza persona più ricca del mondo: la sua fortuna è stimata a 81,6 miliardidi dollari, 373 milioni di dollari in più rispetto all'oracolo di Omaha. Lo rivela il Bloomberg billionaires index, la classifica sui

    La diversità, le migrazioni e il ritorno economico per le aziende e per noi stessi

    Premessa Viviamo in un'epoca buia della nostra storia, nella quale si chiudono i porti ai migranti, si separano forzatamente i bambini dai propri genitori, si vogliono censire le diverse etnie, si discriminano le unioni che non siano eterosessuali. Probabilmente è necessario ripartire dalle basi, uscendo dalla propaganda politica che sta prendendo il sopravvento contro l'umanità stessa. Dobbiamo rivedere il concetto stesso di diversità, nelle aziende e nella vita di tutti i giorni, rischiando...

    – Emiliano Pecis

    I capitali trascurano le startup italiane

    Quest'anno c'è anche un Italian Village al Ces, il più importante salone al mondo per la Consumer Technology che apre oggi a Las Vegas. Promosso dal Tilt (Teorema incubation lab Trieste) e altri incubatori e patrocinato dal governo, «Made in Italy - The Art of Technology» raccoglie 43 startup

    – di Andrea Goldstein

    Chris Larsen, il padre di Ripple nella top ten dei Paperoni globali

    Non sono solo i gemelli Winklevoss con i loro investimenti in Bitcoin e Peter Thiel con il suo fondo a essere diventati miliardari grazie alle criptovalute. A essere baciato dalla corsa delle quotazioni di tutte le criptovalute in questi giorni è chi ha scommesso su Ripple, il vero fenomeno

    – di Pierangelo Soldavini

1-10 di 264 risultati