Persone

Sandro Gozi

Sandro Gozi è nato il 25 marzo del 1968 a Sogliano al Rubicone (in provincia di Forlì-Cesena) è esponente del Partito Democratico e dal 28 febbraio del 2014 riveste, col governo Renzi, la carica di Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, con delega agli affari europei.

Diplomatosi presso il Liceo Classico "Vincenzo Monti" di Cesena e laureatosi nel 1992 in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bologna, ha ottenuto un DEA (Diplôme d'études approfondies) allo SciencesPo di Parigi ed ha conseguito, sempre presso l'ateneo bolognese, un Dottorato di Ricerca in Diritto Pubblico.

E' stato ricercatore Erasmus presso la Sorbona di Parigi nel 1999 ed ha conseguito un master in Politiche Internazionali a Bruxelles nel 1998.

Ha rivestito numerosi incarichi universitari:

— Dal 1996 è stato Docente di Istituzioni Europee presso il Collegio europeo di Parma ed il Collegio d'Europa di Bruges;

— Tra il 1998 ed il 2000 è stato professore presso la Drew University di Madison, nel New Jersey;

— Dal 1999 al 2008 è stato Direttore Scientifico dell'ISMaPP di Bruxelles;

— E' stato docente presso le Università della Calabria, di Lecce, di Bologna e di Genova.

Ha avuto prestigiosi incarichi politici e diplomatici, tra il 2004 ed il 2005 è stato consigliere politico del Presidente della Commissione europea José Manuel Durão Barroso e (nel 2005) consigliere diplomatico del Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola.

E' stato eletto alla Camera dei deputati, nella XV legislatura con L'Ulivo e nella XVI e XVII col PD.

Il 30 settembre del 2013 è stato eletto a Strasburgo Vicepresidente dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa e dal 30 gennaio 2014 viene eletto Vicepresidente del Gruppo Socialista.

Il 28 febbraio del 2014 è stato nominato Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega alle politiche europee.

Sandro Gozi è stato insignito delle seguenti onorificenze:

— Ufficiale della Legion d'onore, (Parigi, gennaio 2014);

— Cavaliere delle Palme Accademiche (2007).

E' sposato con Emanuela Mafrolla ed ha due figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Scuola e Università | Sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri | Sandro Gozi | José Manuel Durão Barroso | Università degli studi di Bologna | Drew University | Forlì-Cesena | Gruppo Socialista | Università della Calabria | Drug Enforcement Agency | Vincenzo Monti | Pd | Emanuela Mafrolla | L'Ulivo | Consiglio d'Europa | Legione d'onore | Bruxelles | Nichi Vendola | Renzi | Parigi | Camera dei deputati |

Ultime notizie su Sandro Gozi

    Un'Italia europea in un'Europa federale

    Un'Italia europea in un'Europa federale; il federalismo come risposta alla crisi della civiltà europea e alle sfide della globalizzazione; la riforma dei Trattati Ue; la politica estera e di sicurezza; la cooperazione tra Ue e Africa: sono alcuni dei temi che dal 1° al 6 settembre saranno al centro

    Caso Di Maio-Gozi, ecco quando è possibile revocare la cittadinanza italiana

    Le dichiarazioni del vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio e di altri esponenti politici sulla nomina di Sandro Gozi a consulente del governo francese pongono un quesito: è davvero possibile che questo incarico possa comportare la perdita della cittadinanza italiana? E' scontato osservare che

    – di Nicola Canzian

    Perché Di Maio non può rendere apolide Sandro Gozi

    Luigi Di Maio vorrebbe revocare la cittadinanza italiana a Sandro Gozi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio italiano dal 2014 al 2018, per avere accettato un posto di consigliere per gli Affari europei del primo ministro francese, Édouard Philippe.

    – di Francesco Maselli

    Gozi il "sovranista europeo" e il progetto oltre il Pd

    Cinquantuno anni, è il primo italiano a sedere in due governi in due Repubbliche differenti, dal momento che è stato sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con la stessa delega di adesso, agli Affari Ue, con i governi Renzi e Gentiloni

    – di Emilia Patta

    Europee, alle urne cresce la pattuglia dei candidati «migranti»

    Giornalisti, ex ministri, medici e figli di.. In tutto circa 20 piccoli indiani. Che cosa hanno in comune? Sono tutti candidati alle prossime elezioni europee. Ma non nel proprio Paese di origine, dove molti vivono, lavorano e non di rado hanno ricoperto cariche pubbliche. Bensì in un altro Paese

    – di Laura Cavestri

    La Russia marcia su San Marino: affari, residenze, zero sanzioni e banche

    Dalla Russia con amore. Nel pieno della corresponsione di sensi, a San Marino girava una vignetta che, nella locandina del film, al posto di Sean Connery vedeva il segretario di Stato Nicola Renzi nel ruolo dello 007.Dopo aver sperato nei cinesi e negli arabi (che restano però sull'uscio) il Titano

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

    Da Maduro al reddito, Pd in ordine sparso

    AAA leader del Pd cercasi disperatamente. L'ultimo caso è quello del sì del Parlamento di Strasburgo alla risoluzione che riconosce Guaidò come presidente legittimo ad interim del Venezuela. Gli europarlamentari della Lega e del M5s si sono astenuti e quelli del Pd... pure. O meglio, non tutti ma

    – di Emilia Patta

    Rubate a Roma 20 pietre d'inciampo Segre: gesto orribilmente vigliacco

    Sono state strappate dal selciato e rubate nella notte a Roma 20 "pietre d'inciampo" realizzate dall'artista tedesco Gunter Demnig in memoria dei cittadini ebrei deportati nei campi di concentramento. Le pietre, installate a via Madonna dei Monti 82 nel 2012, erano dedicate a venti membri della

1-10 di 216 risultati