Persone

Salvatore Rossi

Salvatore Rossi è nato il 6 gennaio del 1949 a Bari ed è un banchiere ed economista italiano.

Dal 13 maggio del 2013 è Direttore Generale della Banca d'Italia, è anche presidente dell'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni (IVASS) e membro del consiglio di amministrazione della Fondazione del Centro internazionale di studi monetari e bancari (ICMB) di Ginevra.

Nel 1975 si è laureato in matematica presso l'Università degli Studi di Bari, successivamente ha compiuto un soggiorno di studi presso il Fondo monetario internazionale ed il Massachusetts Institute of Technology di Cambridge (Ma).

Nel 1976 entra in Banca d'Italia, prima presso gli uffici di vigilanza bancaria della sede di Milano poi, dal 1979, presso il servizio studi, di cui diviene nel 2000 responsabile.

Sempre in Banca d'Italia ha rivestito i seguenti ruoli:

— Direttore centrale per la ricerca economica e le relazioni internazionali (chief economist) (2007-2011) .

— Segretario generale e consigliere del direttorio per i problemi della politica economica (2011);

— membro del direttorio e vice direttore generale della Banca d'Italia (17 gennaio 2012).

Il 7 maggio 2013, su proposta del Governatore, il consiglio superiore della Banca d'Italia lo nomina a succedere a Fabrizio Saccomanni nella carica di direttore generale della Banca d'Italia.

E' autore tra gli altri dei seguenti testi:

— "La politica economica italiana 1968-1998" (Laterza 1998 con nuove edizioni aggiornate nel 2000, 2003, 2007);
— "La nuova economia: i fatti dietro il mito" (il Mulino 2003);
— "La regina e il cavallo. Quattro mosse contro il declino" (Laterza 2006);
— "Controtempo. L'Italia nella crisi mondiale" (Laterza 2009);
— "Processo alla finanza" (Laterza 2013).

E' stato insignito dell'onorificienza di Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (30 dicembre 2013).

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica economica | Banca d'Italia | Direttore generale | Laterza | Salvatore Rossi | Università degli studi di Bari | Fmi | MIT | Università di Cambridge | Fabrizio Saccomanni |

Ultime notizie su Salvatore Rossi

    Telecom, la Cassa entra in cda. In lista Gorno Tempini e De Meo

    Oltre a presidente e ad - Salvatore Rossi e Luigi Gubitosi -, della compagine che era stata espressa dal fondo Elliott è stata riproposta solo Paola Bonomo. ... Sono qualificati come indipendenti il presidente Rossi, Bonomo, Moretti, De Meo, Falcone e Romagnoli, sei in tutto.

    – di Antonella Olivieri

    Tim, via libera al piano e alla lista del board: ci sono Gorno Tempini e de Meo

    Per il rinnovo del consiglio tante le conferme, da Salvatore Rossi a Luigi Gubitosi a Marella Moretti, da Arnaud de Puyfontaine a Franck Cadoret a Paola Bonomo. ... Tante le conferme, da Salvatore Rossi a Luigi Gubitosi a Marella Moretti, da Arnaud de Puyfontaine a Franck Cadoret a Paola Bonomo. Le new entry sono: il presidente di Cdp, Giovanni Gorno Tempini, Luca De Meo, Tante le conferme, da Salvatore Rossi a Luigi Gubitosi a Marella Moretti, da Arnaud de Puyfontaine a Franck Cadoret a Paola...

    Tim, al cda manca un nome per la lista del rinnovo

    Indispensabile per l'affermazione della lista del board - che riproporrà il presidente Salvatore Rossi e l'ad Luigi Gubitosi - l'appoggio di Vivendi che è il primo azionista, con una quota che sfiora il 25%, ma attualmente siede in minoranza nel board, dopo essere stato sconfitto dall'iniziativa attivista del fondo Elliott alla precedente tornata.

    – di Antonella Olivieri

    Telecom Italia, Morselli e Ferrari si dimettono dal cda

    Oltre al presidente – Salvatore Rossi, indipendente, succeduto al vertice a Fulvio Conti – e all'ad Luigi Gubitosi, la lista che punta a ottenere i dieci posti di maggioranza dovrà far spazio anche ai cinque consiglieri uscenti di Vivendi (primo azionista con quasi il 24%), che oggi siedono in minoranza, essendo stati sconfitti alla scorsa tornata dal fondo attivista Elliott.

    – di Antonella Olivieri

    Il rally dell'oro di Bankitalia nell'anno nero del coronavirus

    Nell'anno più buio dai tempi della guerra, con un reddito nazionale in caduta di circa nove punti e un debito pubblico lievitato di venti (la stima attuale è che si collochi attorno al 156% del Pil), il valore di mercato delle riserve auree della Banca d'Italia è cresciuto di 15 miliardi (+14%) e a fine dicembre ha toccato la cifra record di 121,7 miliardi. Il top dei top, per la verità, è stato segnato a fine luglio con un valore di 131,5 miliardi (+30% rispetto all'anno prima), altezza mai...

    – Infodata

    L'oro della Banca d'Italia? Da quando c'è l'euro vale cinque volte di più

    Nell'anno più buio dai tempi della guerra, con un reddito nazionale in caduta di circa nove punti e un debito pubblico lievitato di venti (la stima attuale è che si collochi attorno al 156% del Pil), il valore di mercato delle riserve auree della Banca d'Italia è cresciuto di 15 miliardi (+14%) e a fine dicembre ha toccato la cifra record di 121,7 miliardi. Il top dei top, per la verità, è stato segnato a fine luglio con un valore di 131,5 miliardi (+30% rispetto all'anno prima), altezza mai...

    – Davide Colombo

    Telecom, lo stop del governo fa slittare l'esame dell'offerta Kkr per la rete

    Il colpo di scena è arrivato in mattinata con la lettera che i due ministri Roberto Gualtieri (Tesoro) e Stefano Patuanelli (Mise) hanno inviato al presidente Telecom Salvatore Rossi per invitare il board della compagnia telefonica a inquadrare l'operazione con Kkr nel contesto più ampio di una rete nazionale integrata a banda ultralarga

    – di Antonella Olivieri

    Meglio giocare d'anticipo. Come cambia la crisi d'impresa dopo il COVID19?

    Per chi si è occupato di crisi d'impresa per tanti anni, non dovrebbero esserci misteri nella fase che stiamo vivendo: gran parte dei settori produttivi e dei servizi, purtroppo, sono colpiti da una crisi talmente profonda che i confronti con i casi del '29 e la più recente del 2008 forniscono spesso e volentieri dati di raffronto, e previsioni, ancora più devastanti. E invece non è così: anche per chi conosce la materia, questo è un periodo particolare, dove è necessario fare mente locale, con...

    – Leonardo Dorini

    Dal "Risorgimento Digitale", verso la "Repubblica Digitale".Perché connessioni e tecnologia (da sempre) non bastano per abitare il cambiamento*

    La (iper)complessità del cambiamento (la sua costruzione sociale e culturale) e l'urgenza di co-creare una cultura digitale e del digitale. Lungo, lunghissimo periodo. Come sempre, senza "tempi di lettura". Senza polemiche (non mi sono mai interessate), ma sono abituato, da sempre, a dire ciò che penso. E non posso non tornarci, anche in questo caso. Al termine dei brani estratti, la mia riflessione e diversi contributi, nella consueta prospettiva di offrire percorsi di lettura e approfondime...

    – Piero Dominici

1-10 di 261 risultati