Aziende

Salvatore Ferragamo

Fondato da Salvatore Ferragamo nel 1927, con base a Firenze, il gruppo omonimo concentra la sua attività nel settore dell'abbigliamento di lusso a livello mondiale.

Dopo aver concentrato la propria attività sullo studio, creazione, produzione e vendita di calzature donna, nel 1928 vengono aperti i primi punti vendita monomarca "Salvatore Ferragamo" gestiti direttamente (cosiddetti DOS) in Italia (Firenze e Roma) ed in Gran Bretagna (Londra).
Negli anni successivi i DOS vengono aperti in diversi punti del mondo, Stati Uniti, Asia, Giappone, Cina, Corea del Sud, America Latina, India.

Nel 2008 viene lanciata la linea orologi, nel 2009 viene aperto in Medio Oriente (Dubai) il primo flagship store e nello stesso anno viene lanciato il sito internet www.ferragamo.com, con l'e-commerce nei principali paesi EU e USA.

Nel 2010 viene aperto il primo negozio monomarca in Turchia (Istanbul), in Qatar (Doha), in Egitto (Il Cairo) ed in Sud Africa (Johannesburg) col raggiungimento del traguardo di 91 punti vendita monomarca in Greater China.

Nel 2011 Salvatore Ferragamo si quota alla borsa di Milano dove prende parte al listino Ftse Mib.

Nel 2016 il Gruppo Ferragamo si conferma come uno dei principali player del settore del lusso, registrando 1,43 miliardi di fatturato.

Presidente del gruppo è Ferruccio Ferragamo, figlio del fondatore Salvatore, mentre amministratore delegato è Eraldo Poletto.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Marchi e brevetti | Salvatore Ferragamo | DOS | Sudafrica | Italia | Asia | Ferruccio Ferragamo | Borsa Valori | Eraldo Poletto |

Ultime notizie su Salvatore Ferragamo

    I private equity guardano alle scarpe Aquazzura del colombiano Edgardo Osorio

    Grande interesse per il settore delle calzature tra gli investitori di private equity. Questa volta a finire nel radar dei fondi è il brand italiano di calzature di lusso Aquazzura, fondato dal colombiano Edgardo Osorio nel 2011. A soli 9 anni dal suo lancio, Aquazzura è diventato un brand acclamato a livello internazionale. Le scarpe disegnate e prodotte da Osorio possono essere viste ai piedi di star di Hollywood e regali europei: da Claudia Schiffer a Kate Moss fino all'attrice e modella ...

    – Carlo Festa

    Impeachment non spaventa listini europei. Wall Street su nuovi record

    Gli indici Usa accentuano i guadagni dopo che il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, ha ribadito che la «fase uno» dell'accordo Usa-Cina verrà formalizzata a gennaio. In Ue seduta fiacca e senza mordente. Il Ftse Mib chiude con un mini-guadagno dello 0,34% grazie soprattutto alla performance di Nexi

    – di Chiara Di Cristofaro ed Enrico Miele

    Borse, scatta conto alla rovescia sui dazi. Milano(-1%) , maglia nera sotto 23mila

    E' iniziata un'importante settimana con molti appuntamenti: oltre alle riunioni delle banche centrali sui tassi ci sono le elezioni in Gran Bretagna. Domenica potrebbero scattare i nuovi dazi Usa i beni di Pechino ma si spera in un accordo tra i due Paesi. A Piazza Affari calcio protagonista. Lo spread torna sotto 170 punti

    – di Andrea Fontana e Flavia Carletti

    Per le Borse arriva una settimana clou con il voto Uk e l'esordio di Lagarde

    Doppio appuntamento il 12 dicembre con le elezioni a Londra e la prima riunione del neo presidente Bce. Intato venerdì gli indici europei hanno rialzato la testa grazie ai record dei dati Usa sul lavoro. Il Ftse Mib ha chiuso la settimana con un calo dello 0,33% ma peggio hanno fatto Parigi, Francoforte e Londra (si salva solo Madrid). A Piazza Affari protagonista il duo Moncler-Ferragamo grazie alle mosse di Kering che potrebbero riaprire il risiko del lusso

    – di Enrico Miele

    Dazi e impeachment Trump frenano le Borse, a Piazza Affari la moda in fermento

    Kering avrebbe avuto colloqui preliminari per l'acquisizione di Moncler, che ha guadagnato oltre il 6% (in scia Ferragamo +7%). Ha invece perso terreno Fiat Chrysler (-0,8%) dopo che l'Agenzia delle Entrate ha chiesto il pagamento di oltre un miliardo di tasse aggiuntive in relazione all'acquisizione di Chrysler nel 2014. Spread risale a 177 punti

    – di Paolo Paronetto ed Enrico Miele

1-10 di 696 risultati