Aziende

Salvatore Ferragamo

Fondato da Salvatore Ferragamo nel 1927, con base a Firenze, il gruppo omonimo concentra la sua attività nel settore dell'abbigliamento di lusso a livello mondiale.

Dopo aver concentrato la propria attività sullo studio, creazione, produzione e vendita di calzature donna, nel 1928 vengono aperti i primi punti vendita monomarca "Salvatore Ferragamo" gestiti direttamente (cosiddetti DOS) in Italia (Firenze e Roma) ed in Gran Bretagna (Londra).
Negli anni successivi i DOS vengono aperti in diversi punti del mondo, Stati Uniti, Asia, Giappone, Cina, Corea del Sud, America Latina, India.

Nel 2008 viene lanciata la linea orologi, nel 2009 viene aperto in Medio Oriente (Dubai) il primo flagship store e nello stesso anno viene lanciato il sito internet www.ferragamo.com, con l'e-commerce nei principali paesi EU e USA.

Nel 2010 viene aperto il primo negozio monomarca in Turchia (Istanbul), in Qatar (Doha), in Egitto (Il Cairo) ed in Sud Africa (Johannesburg) col raggiungimento del traguardo di 91 punti vendita monomarca in Greater China.

Nel 2011 Salvatore Ferragamo si quota alla borsa di Milano dove prende parte al listino Ftse Mib.

Nel 2016 il Gruppo Ferragamo si conferma come uno dei principali player del settore del lusso, registrando 1,43 miliardi di fatturato.

Presidente del gruppo è Ferruccio Ferragamo, figlio del fondatore Salvatore, mentre amministratore delegato è Eraldo Poletto.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Marchi e brevetti | Salvatore Ferragamo | DOS | Sudafrica | Italia | Asia | Ferruccio Ferragamo | Borsa Valori | Eraldo Poletto |

Ultime notizie su Salvatore Ferragamo

    Wto, rischio recessione e Brexit affondano le Borse. Spread balza a 153

    Gli istituti tedeschi tagliano le stime sulla crescita della Germania, dopo che ieri i dati sull'attività manifatturiera negli Stati Uniti scesi ai minimi da 10 anni hanno messo in allarme gli investitori. Male anche Wall Street. Occhi puntati sulla Gran Bretagna, con il premier Johnson ha presentato la sua ultima offerta per la Brexit. Spread sopra 150 punti, petrolio in forte calo dopo rialzo scorte Usa

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Timori su manifattura tedesca piegano Borse, a Piazza Affari giù Juve e banche

    Chiusura debole per le Borse europee, spinte in rosso dalle vendite sui settori banche, auto e materie prime. Il FTSE MIBha perso l'1,01% in linea con il Cac40 a Parigi (-1,05%) e il Dax30 a Francoforte. La Borsa di Londra ha limitato i danni, perdendo lo 0,26 per cento. Pesano sull'andamento dei

    – di Flavia Carletti

    Sprint banche lancia i listini Ue, Milano (+0,82%) sopra 22mila

    Gli indici europei hanno chiuso in rialzo, con Milano tra le migliori, dopo che la Fed ha tagliato ancora i tassi e la Bce ha lanciato la prima delle nuove aste del Tltro III. Acquisti sui bancari, che hanno registrato la performance migliore del Vecchio Continente. Spread stabile a 139 punti

    – di C. Di Cristofaro e S. Arcudi

    Ferragamo luxury with a Millennial flavour

    When Salvatore Ferragamo returned to Italy in 1927 after 12 years in the US, where he had made his reputation as the shoemaker to the stars of Hollywood, he decided to settle in Florence and open a shoe factory, attracted by the artisan tradition, the decorative arts and the modernity with which

    – di Silvia Pieraccini

    Attacco a petrolio saudita frena Europa, a Piazza Affari ko Atlantia (-7,8%)

    Gli indici hanno limitato le perdite nel corso della giornata grazie al sostegno dei titoli legati al greggio, ma a pesare sono le tensioni in Medio Oriente e lo stallo sulla Brexit. In calo Wall Street, mentre a Milano seduta da dimenticare per la holding che fa capo ai Benetton in attesa di novità sui vertici

    – Andrea Fontana ed Enrico Miele

1-10 di 671 risultati