Aziende

Saipem

Saipem è un’importante azienda italiana dell’industria petrolifera. È quotata alla borsa italiana e fa parte del settore blue chip, ossia dei titoli a maggiore capitalizzazione.

Saipem si occupa principalmente di attività aventi a oggetto gli idrocarburi, petrolio e gas, in particolare in aree remote e in acque profonde.

È un’azienda leader nella fornitura di servizi di ingegneria, di procurement, di project management e di costruzione. In particolare l’azienda si è specializzata in contratti complessi, ad alto contenuto tecnologico, sia offshore sia onshore. In questi complessi progetti Saipem si pone come general contractor, assumendosi quindi la responsabilità e l’organizzazione dell’intero progetto.

Come azienda a sé stante Saipem è nata negli anni Sessanta, essendo in precedenza una divisione di Eni. Negli anni Saipem ha sviluppato una importante esperienza nel settore della progettazione e costruzione onshore, ampliando poi l’attività anche offshore e all’estero (risale agli anni Settanta la prima commessa nel mare del Nord).

Oggi Saipem è un gruppo di caratura mondiale e collabora con le principali industrie petrolifere del mondo. Allo stesso tempo Saipem dà molta importanza al fattore locale nei suoi progetti, motivo per cui impiega molta manodopera locale anche nelle commesse all’estero.

Nel 2006 Saipem ha acquisito Snam Progetti, completando così la sua offerta e presentandosi come player completo a livello internazionale.

Il gruppo facente capo a Saipem S.p.A. comprende circa 90 società e consorzi, con sedi in tutto il mondo.

Presidente è dal 2015 Paolo Andrea Colombo, mentre amministratore delegato è Stefano Cao.

Ultimo aggiornamento 24 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Saipem | Azienda | Eni | Snam | Borsa Valori | Oggi |

Ultime notizie su Saipem

    Attacco a petrolio saudita frena Europa, a Piazza Affari ko Atlantia (-7,8%)

    Gli indici hanno limitato le perdite nel corso della giornata grazie al sostegno dei titoli legati al greggio, ma a pesare sono le tensioni in Medio Oriente e lo stallo sulla Brexit. In calo Wall Street, mentre a Milano seduta da dimenticare per la holding che fa capo ai Benetton in attesa di novità sui vertici

    – Andrea Fontana ed Enrico Miele

    Fincantieri, ecco la nave posacavi più grande del mondo costruita per Prysmian

    Anche la capogruppo, poi, vanta realizzazioni in questo campo anche se datate: le più significative sono la "Teliri", realizzata per Elettra nel 1996 e Micoperi 7000 (ora Saipem 7000 costruita a Monfalcone nel 1987), una piattaforma semisommergibile utilizzata a lungo anche come posacavi.

    – di Celestina Dominelli

    Testacoda Ferrari (-6%) pesa su Piazza Affari (-0,55%), spread a 159

    Gli indici europei hanno chiuso contrastati. Geopolitica sotto i riflettori: segnali positivi sul fronte del commercio, incertezza sulla Brexit. Occhi puntati sulle banche centrali. A New York, ancora debole il settore tech, male Ford dopo bocciatura di Moody's

    – di Flavia Carletti

    Russia alla riscossa nel gas liquefatto: via libera ad Arctic Lng-2

    Il campione russo del gas liquefatto, Novatek, ha dato via libera alla costruzione di Arctic Lng-2: un nuovo maxi-impianto dal costo di 21 miliardi di dollari e da quasi 20 milioni di tonnellate l'anno (mmtpa) di capacità che accelera la corsa di Mosca verso il traguardo di diventare un gigante

    – di Sissi Bellomo

    Ottimismo Usa-Cina ridà slancio all'Europa e Milano strappa un +1%. Spread a 150

    L'annuncio di nuovi colloqui sul tema dazi e un generale ritorno dell'appetito per il rischio hanno favorito i listini. In Italia ancora occhi puntati sul nuovo governo e sui riflessi sullo spread, sceso sotto 150 punti per poi chiudere esattamente su questa quota. Acquisti su St, banche e galassia Agnelli-Elkann. Petrolio in rialzo dopo le scorte Usa

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Piazza Affari chiude a -0,25%, Europa giù con Brexit. Spread a 161

    Focus sulle novità dal parlamento inglese sulla Brexit mentre prosegue il calo della sterlina, arrivata anche ai minimi da ottobre 2016. In rosso Cnh Industrial dopo la conferma dello spin off di Iveco. Minimo storico per il rendimento decennale allo 0,88%, differenziale BTp-Bund a livello più basso da maggio 2018

    – di Enrico Miele e Stefania Arcudi

    Piazza Affari chiude sulla parità in attesa Conte bis, tassi Btp ai minimi storici

    Mentre si attende l'esito delle consultazioni decisive al Quirinale, Milano in chiusura di seduta si porta sui livelli della vigilia, con lo spread in calo di circa dieci punti rispetto a ieri. Il rendimento del Btp decennale per la prima volta è andato sotto l'1%. Scivolone per la sterlina con i timori per un hard Brexit: Johnson ha chiesto e ottenuto dalla Regina la sospensione del Parlamento per un mese

    – di Chiara Di Cristofaro e Cheo Condina

1-10 di 1726 risultati