Aziende

Saipem

Saipem è un’importante azienda italiana dell’industria petrolifera. È quotata alla borsa italiana e fa parte del settore blue chip, ossia dei titoli a maggiore capitalizzazione.

Saipem si occupa principalmente di attività aventi a oggetto gli idrocarburi, petrolio e gas, in particolare in aree remote e in acque profonde.

È un’azienda leader nella fornitura di servizi di ingegneria, di procurement, di project management e di costruzione. In particolare l’azienda si è specializzata in contratti complessi, ad alto contenuto tecnologico, sia offshore sia onshore. In questi complessi progetti Saipem si pone come general contractor, assumendosi quindi la responsabilità e l’organizzazione dell’intero progetto.

Come azienda a sé stante Saipem è nata negli anni Sessanta, essendo in precedenza una divisione di Eni. Negli anni Saipem ha sviluppato una importante esperienza nel settore della progettazione e costruzione onshore, ampliando poi l’attività anche offshore e all’estero (risale agli anni Settanta la prima commessa nel mare del Nord).

Oggi Saipem è un gruppo di caratura mondiale e collabora con le principali industrie petrolifere del mondo. Allo stesso tempo Saipem dà molta importanza al fattore locale nei suoi progetti, motivo per cui impiega molta manodopera locale anche nelle commesse all’estero.

Nel 2006 Saipem ha acquisito Snam Progetti, completando così la sua offerta e presentandosi come player completo a livello internazionale.

Il gruppo facente capo a Saipem S.p.A. comprende circa 90 società e consorzi, con sedi in tutto il mondo.

Presidente è dal 2015 Paolo Andrea Colombo, mentre amministratore delegato è Stefano Cao.

Ultimo aggiornamento 24 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Saipem | Azienda | Eni | Snam | Borsa Valori | Oggi |

Ultime notizie su Saipem

    Borse, 5 market mover da tenere d'occhio in settimana

    Tra le maggiori società per capitalizzazione in Europa si segnalano Sap (lunedì 21); Ubs, Galp e Novartis (martedì 22); Iberdrola e Kering (mercoledì 23); Basf, Daimler, Saipem e Stmicroelectronics (giovedì 24); Eni, Banco Santander, Anheuser-Busch InBev (venerdì 25).

    – di Andrea Franceschi

    Descalzi (Eni): «I rifiuti sono il petrolio del futuro»

    Per quanto riguarda la finanza, il flusso di cassa netto è aumentato del 123 per cento raggiungendo 6,5 miliardi, analogo a quello del 2006, in cui però l'Eni era ben diversa, potendo contare su Snam, Saipem e su una raffinazione che in quel periodo aveva un contesto favorevole.

    – di Fabio Tamburini

    Wall Street chiude in rialzo dell'1,1% sull'intesa Usa-Cina

    Nell'ottava acquisti in tutto il Vecchio Continente, Milano la migliore da inizio anno. Ottimismo sui listini azionari per l'avanzamento del negoziato Usa-Cina. Anche daBrexit si apre qualche spiraglio, con i mercati che sembrano credere in un accordo last minute, cosa che ha portato la valuta britannica al massimo in tre mesi. Petrolio in rally con tensioni in Iran

    – di Andrea Fontana e Stefania Arcudi

    Borse Ue in rosso con Brexit e timori dazi, a Piazza Affari flop Diasorin

    I listini continentali sono via via peggiorati dopo un avvio sulla parità, penalizzati anche dalla Borsa americana. Le trattative tra Washington e Pechino ripartiranno a giorni e l'esito è tutt'altro che scontato, mentre appare sempre più improbabile un accordo per l'uscita del Regno Unito dalla Ue. A Londra male il titolo Lse dopo il ritiro dell'offerta della Borsa di Hong Kong. Petrolio in calo, spread chiude in leggero rialzo a 154 punti

    – di P. Paronetto e S. Arcudi

    Gas, la Turchia sfida Cipro in casa di Eni e Total

    Ankara alza il livello della sfida nel Mediterraneo Orientale, spingendo la ricerca (pretestuosa) di gas in acque cipriote in un'area che Nicosia ha da poco affidato a italiani e francesi. E' la prima volta che la Turchia si spinge a violare un blocco coperto licenza esplorativa. Un altolà è arrivato anche dagli Usa

    – di Sissi Bellomo

    Europa rialza la testa e chiude positiva, venti di guerra favoriscono petrolio

    Dopo un avvio in salita, i mercati hanno trovato la strada dei rialzi nonostante lo scetticismo che sembra prevalere in attesa del nuovo round negoziale Usa-Cina in programma giovedì per cercare di risolvere le dispute commerciali e nonostante le notizie che giungono dal Medio Oriente dove la Turchia appare decisa a invadere il nord della Siria con il via libera della Casa Bianca.

    – di Andrea Fontana e Corrado Poggi

    Wto, rischio recessione e Brexit affondano le Borse. Spread balza a 153

    Gli istituti tedeschi tagliano le stime sulla crescita della Germania, dopo che ieri i dati sull'attività manifatturiera negli Stati Uniti scesi ai minimi da 10 anni hanno messo in allarme gli investitori. Male anche Wall Street. Occhi puntati sulla Gran Bretagna, con il premier Johnson ha presentato la sua ultima offerta per la Brexit. Spread sopra 150 punti, petrolio in forte calo dopo rialzo scorte Usa

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Borse, Europa chiude positiva, Piazza Affari cauta in attesa del Def

    Sale l'attesa per i prossimin incontri sul commercio fra Usa e Cina che si terranno a Washington il prossimo 10 e 11 ottobre. Milano ha guadagnato lo 0,3%, mostrando cautela in vista del Def che lunedi' sara' sul tavolo del Consiglio dei ministri. Intanto sono andate bene le aste dei Btp con il rendimento dei decennali su nuovi minimi. Spread in area 141 punti

    – di Eleonora Micheli

    Borse in altalena con Trump. Piazza Affari dimezza le perdite nel finale

    L'annuncio formale di una procedura di stato di accusa verso il presidente Usa mette sotto pressione i listini , poi lo stesso Trump annuncia un accordo prima del previsto con la Cina sui dazi e innesca il recupero dei mercati. Milano chiude a -0,5% grazie alle banche. Giù Juve e petroliferi

    – di Chiara Di Cristofaro e Cheo Condina

    Olanda, a rischio i vantaggi fiscali per le multinazionali. Da Fca a Google e Ikea, tremano i colossi

    Il piano silenzioso di rivoluzione-fiscale allo studio prevede la riscossione, ad oggi esentata, dell'imposta sugli interessi e le royalties indirizzati dalle grandi società verso Paesi a bassa tassazione. E' inoltre in fase di definizione il ritiro definitivo delle detrazioni sulle perdite connesse ad eventuali liquidazioni di società controllate o sussidiarie, che hanno consentito per anni a holding e multinazionali di non pagare alcuna imposta sui profitti

    – di Cesare Romano

1-10 di 1740 risultati