Persone

Saddam Hussein

Saddām Husayn Abd al-Majīd al-Tikrītī, conosciuto come Saddam Hussein, è stato un politico iracheno e ha rivestito il ruolo di Presidente dell’Iraq fino alla Guerra del Golfo. È stato riconosciuto colpevole per crimini contro l’umanità ed è stato condannato a morte per impiccagione. La sua esecuzione è avvenuta nel 2006.

Dopo gli studi in Giurisprudenza a Il Cairo, Saddam Hussein è tornato in Iraq dove è entrato in politica, arruolandosi nelle fila del partito socialista arabo Bath. Condannato a morte per un attentato al leader politico Qasim, nel 1959 è evaso e si è rifugiato in Siria e a Il Cairo. Nel 1968 si è laureato in giurisprudenza a Baghdad. Nello stesso anno è diventato vicepresidente del Consiglio del Comando Rivoluzionario, nel 1973 è stato promosso Generale dell'esercito e sei anni più tardi ha sostituito il Presidente della Repubblica Ahmad Hasan al-Bakr.

Durante la sua dittatura è esplosa la guerra contro l'Iran per il controllo del territorio. Dopo l’invasione del Kuwait promossa da Saddam per l’egemonia del petrolio, nel 1991 con l’intervento di un contingente alleato (composto da 30 Paesi, tra cui gli Usa) è iniziata la Guerra del Golfo. Accusato di non aver adempiuto gli obblighi imposti dalla comunità internazionale e di possedere armi nucleari, chimiche e biologiche, nel 2003 Saddam Hussein è stato catturato a Tikrit, sua città natale. È stato processato per la strage di Dujail del 1982, nella quale sono morti 148 sciiti ed è stata proclamata la sua condanna a morte per impiccagione.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Saddam Hussein | Guerra del golfo | Saddam Husayn Abd Al-Majid Al-Tikriti | Esecuzione | Partito Socialista | Ahmad Hasan Al | Tikrit | Bath | Il Cairo |

Ultime notizie su Saddam Hussein

    Dopo vent'anni gli Stati Uniti hanno perso la guerra al terrore

    Pubblico sul blog l'articolo dedicato all'11 Settembre, uscito sabato scorso sul Sole24Ore. Ugo Tramballi Nove giorni dopo, la determinazione aveva preso il posto dello smarrimento. "Dedicheremo ogni risorsa sotto il nostro comando", disse il 20 settembre George Bush alla sessione congiunta di Senato e Camera dei rappresentanti. "Ogni mezzo diplomatico, ogni dispositivo dell'intelligence, ogni strumento per l'applicazione delle leggi, ogni influenza finanziaria e ogni necessaria arma di guerra...

    – Ugo Tramballi

    In Iraq, l'altro Afghanistan, per il governo Draghi c'è una opportunità

    La lunga presenza della Nato in Afghanistan è terminata in una disfatta. Le notizie di questi giorni provenienti da Kabul lasciano temere il peggio sul futuro del paese a 20 anni dall'operazione alleata che ha tentato di modernizzarlo e avviarlo sulla strada della democrazia all'indomani degli attentati contro New York e Washington nel 2001. Mentre in Afghanistan la comunità occidentale scappa da Kabul come fece da Saigon nell'aprile del 1975, lo sguardo corre alla presenza della Nato in un altr...

    – Beda Romano

    Iraq, sale l'export di petrolio ma cala il Pil pro capite del 2020 a 4.660 dollari

    In Iraq aumenta l'export di petrolio ma cala nel 2020 rispetto al 2019 il Pil pro capite a 4.660 dollari. Come è possibile? Andiamo con ordine per capire questa apparente contraddizione in una delle aree più turbolenti del pianeta e dello stesso Medio Oriente. Le esportazioni di oro nero iracheno, a luglio, sono balzate dello 0,9 per cento, rispetto al mese precedente. Lo riporta l'agenzia irachena "Shafaq News", la quale riporta che, secondo un report della compagnia energetica Standard & Poor'...

    – Vittorio Da Rold

    La potenza senza amici

    Democrazia in mandarino si dice minzhu. Ma, spiega il sinologo Bruce Dikson in un saggio che offre una visione meno occidentalo-centrica della questione ("The Party and the People - Chinese Politics in the 21st Century", Princeton 2021), pochi usano quel sostantivo come sinonimo di elezioni o stato di diritto. "Molti lo usano come risultato, cioè governare nell'interesse del popolo". E' probabilmente stato un pio desiderio aiutare per un quarantennio la Cina a crescere, da Deng Xiaoping in poi,...

    – Ugo Tramballi

    Storia di una corona e di molti fratelli (Parte Seconda)

    "Non cambierò i governi come era costretto a fare mio padre: serve stabilità", aveva promesso Abdullah dopo aver giurato da re, all'inizio di febbraio del 1999. Nei suoi primi 22 anni di regno ne avrebbe cambiati 13: il premier ora in carica è il quattordicesimo. Il giovane Abdullah sapeva che non avrebbe mai potuto mantenere l'impegno perché stabilità in Giordania è una condizione complicata, spesso evanescente. In un certo senso anche quel continuo cambiare governi, cioè distribuire cariche, è...

    – Ugo Tramballi

    Storia di una corona e di molti fratelli (Parte Prima)

    Gli accordi di Oslo stavano naufragando nei dettagli. Oggi non farebbe effetto, quel processo di pace è in stato comatoso. Ma allora, nell'ottobre1998, il mondo era in allarme. Bill Clinton aveva convocato le parti a Wye Plantation, in Maryland. Ma nonostante la diplomazia americana fosse impegnata giorno e notte, Bibi Netanyahu e Yasser Arafat restavano fermi sulle loro inconciliabili posizioni. Poi, d'improvviso, a Wye Plantation apparve re Hussein di Giordania che dal 1992 era in pace con Is...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 743 risultati