Persone

Rossella Orlandi

Rossella Orlandi, nata il 17 novembre del 1956 ad Empoli, è stata direttore genarale dell'Agenzia delle Entrate da giugno 2014 a giugno 2017.

Precedentemente è stata direttore regionale dell'Agenzia delle entrate del Piemonte.

Orlandi si è laureata in Giurispriudenza presso l'Università degli Studi di Firenze nel 1980.

Entrata nel 1981 nell'ufficio imposte di Empoli, dopo anni trascorsi negli uffici di Firenze, nel 2000 ha assunto l'incarico di Capo ufficio controlli fiscali della direzione regionale della Toscana.

Nel 2006, l'allora direttore generale dell'Agenzie delle Entrate Massimo Romano, la chiama a Roma ad assumere le funzioni di Direttore centrale aggiunto dell'Accertamento.

In qualità di Direttore centrale aggiunto dell'Accertamento, Rossella Orlandi contribuisce alla realizzazione d'innovazioni tecniche di controllo in grado di assicurare la lotta dell'evasione fiscale, sottoponendo a controllo e monitoraggio, tra l'altro, le imprese di maggiori dimensioni.

Nel giugno del 2014 il Consiglio dei ministri ha avviato la procedura per la sua nomina sostituendola, il 19 giugno del 2014, al predecessore Attilio Befera.

Le è stata conferita l'onorificienza di Cavaliere Ordine al merito della Repubblica italiana (2 giugno 2009).

Rossella Orlandi è sposata ed ha una figlia, Giulia.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Rossella Orlandi | Toscana | Attilio Befera | Consiglio dei Ministri | Agenzia Entrate | Roma | Agenzie | Massimo Romano |

Ultime notizie su Rossella Orlandi

    Entrate, Rossella Orlandi verso la direzione regionale dell'Emilia Romagna

    Per Rossella Orlandi si profila un ritorno sul territorio. L'ex numero uno dell'agenzia delle Entrate - e attualmente vicedirettore con delega al Catasto - è pronta a prendere la guida della Direzione regionale dell'Emilia Romagna a partire da febbraio. Un ritorno alla guida di una Dre (così si

    – di Giovanni Parente

    Ruffini: norma transitoria sui dirigenti

    Sarebbe «opportuna una disciplina transitoria che regoli la sostituzione di posizioni dirigenziali con quelle non dirigenziali, una definizione dei poteri gestionali, organizzativi, di spesa, di acquisizione delle entrate e di firma connessi con le seconde e il coordinamento con le norme che già

    – di M.Mo. e G.Par.

    Il solito copione di un sistema che non c'è

    Il fisco esce piuttosto malconcio da questa lunga fase di proroghe e rinvii. E una stagione iniziata male rischia ora di finire persino peggio, con questa surreale "caccia al decreto".

    – di Salvatore Padula

    Rischio paralisi estiva per le Entrate: i quattro fronti aperti

    Nuovo direttore ancora senza poteri dopo che la Corte dei conti non ha registrato la nomina e ha chiesto maggiori chiarimenti. Reggenza senza regole chiare. Fusione con Equitalia su cui incombe la decisione del Consiglio di Stato entro fine luglio sulla legittimità dell'inserimento nell'agenzia

    – di Marco Mobili e Giovanni Parente

    Banche Venete, Padoan: intervento salvataggio su base volontaria

    «Confermo quanto ufficialmente affermato ieri riguardo allo stato positivo del negoziato (con la Ue, ndr) e all'assenza rischio bail in». Lo ha detto il ministrodell'Economia, Pier Carlo Padoan, parlando del salvataggio tramite ricapitalizzazione delle banche venete i (Popolare di Vicenza e Veneto

    Quella nostalgia delle «Finanze»

    «Quella dell'agenzia delle Entrate è stata una scelta obbligata. Anche perché il ministero delle Finanze (alla metà degli anni '90, ndr) era in uno stato comatoso, incapace di stare al passo dei tempi o di funzionare decentemente». L'ex ministro Vincenzo Visco così descriveva la grande rivoluzione

    – di Salvatore Padula

    La «superAgenzia» pronta al debutto

    Se ne parla dallo scorso autunno ma ora è cominciato il conto alla rovescia finale. Perché mancano meno di tre settimane all'addio di Equitalia e, di fatto, alla nascita di una «superAgenzia» delle Entrate, che gestirà tutta la filiera del Fisco: dai servizi ai contribuenti alla riscossione. Una

    – di Giovanni Parente

    Commercialisti, rispunta lo sciopero

    Si torna a parlare di sciopero dei commercialisti. A farlo, però, questa volta è Massimo Miani, presidente del Consiglio nazionale, durante l'assemblea generale dei vertici della categoria che si è svolta ieri a Roma, alla Nuvola di Fuksas. I presenti erano oltre 1.200.

    – di Maria Carla De Cesari e Federica Micardi

    Commercialisti, torna la protesta

    «Nessun argomento contrario può essere opposto ai colleghi che invitano a uno sciopero». E' il numero uno dei commercialisti, Massimo Miani, nel corso dell'assemblea di categoria, a parlare apertamente di astensione. «Un cambio di registro e un dialogo vero» chiede Miani all'agenzia delle Entrate,

1-10 di 293 risultati