Persone

Rosa Russo Iervolino

Rosa Russo Iervolino è una politica italiana, che attualmente riveste il ruolo di Sindaco di Napoli tra le fila del Partito Democratico. Avvocato, in passato è stata più volte parlamentare e ministro ed è stata anche la prima donna a capo del Ministero dell'Interno.

Rosa Russo Iervolino si è laureata in Giurisprudenza e dal 1961 al 1968 ha lavorato nell'Ufficio Studi del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro. Dal 1969 al 1973 ha prestato servizio all'Ufficio Legislativo del Ministero del Bilancio e della Programmazione Economica con i Ministri Pieraccini e Giolitti. Per 15 anni è stata Vicepresidente Nazionale del Centro Italiano Femminile. Nel 1975 la Iervolino è stata eletta Consigliere di Amministrazione della Rai e successivamente Presidente della Commissione Parlamentare di Vigilanza. Iscritta alla Democrazia Cristiana, è stata responsabile nazionale del partito per le politiche a favore della famiglia. Come vicedelegata nazionale del Movimento Femminile, nel 1992 è stata eletta Presidente del Consiglio Nazionale della Dc. Nel 1994 le è stata affidata la reggenza del Partito Popolare Italiano. Senatore della Repubblica fin dal '79, la Iervolino è rimasta in Senato fino alla XI legislatura, per poi entrare alla Camera come Presidente della Commissione Affari Costituzionali. Primo Ministro agli Affari Sociali è stata anche Ministro per la Pubblica Istruzione, Ministro al Lavoro e alla Previdenza Sociale. Nel 1999 durante il primo governo D'Alema, è stata nominata Ministro dell'Interno. Nel 2001 è stata eletta Sindaco di Napoli, confermata poi nel 2006.
Rosa Russo Iervolino è vedova e ha tre figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Ministero del Bilancio | Inps | DC | Napoli | Ministero dell'Interno | Pd | Cnel | RAI | Presidente del Consiglio | PPI | Rosa Russo Iervolino | Ministro dell'Interno | Camera dei deputati | Senato |

Ultime notizie su Rosa Russo Iervolino

    Vitalizi, ecco chi sono i 5 senatori chiamati a decidere sul taglio

    L'unica donna del Consiglio di Garanzia ne è anche la componente più giovane: Valeria Valente (Napoli, classe 1976) è senatrice del Partito democratico che a trent'anni divenne assessore al Turismo nella giunta della sua città guidata dal sindaco Rosa Russo Iervolino.

    – di Riccardo Ferrazza

    Luciana Lamorgese, ministra dell'Interno

    Luciana Lamorgese (Potenza, 11 settembre 1953) è una dirigente pubblica italiana, già prefetto, dal 5 settembre 2019 ministra dell'interno del Governo Conte II. E' la terza donna nella storia a ricoprire l'incarico di Ministro dell'Interno dopo Rosa Russo Iervolino (nel Governo D'Alema I, tra il

    Interni / Luciana Lamorgese

    Agli Interni la decisione condivisa è stata quella di non nominare un politico, anche per stemperare il clima al Viminale dopo il ciclone Matteo Salvini. La scelta è andata alla fine sull'ex prefetto di Milano Luciana Lamorgese. Classe 1953, potentina, laureata in giurisprudenza e avvocato. Nel

    Quando ho scoperto chi era Aldo Moro

    Era il 1994: presto avrei avuto il motorino ma non ancora. Nell'attesa prendevo l'autobus, mi vestivo male e coloravo striscioni per le manifestazioni studentesche. Rosa Russo Iervolino era il ministro dell'Istruzione contro la quale urlavamo dalle strade della provincia, come se la nostra voce potesse arrivare fino a viale Trastevere, a Roma. In realtà non protestavamo per non-mi-ricordo-più-nemmeno-quale riforma dell'istruzione; il nostro problema era che non funzionavano i riscaldamenti nelle...

    – Francesca Milano

    Napoli pronta ad abbattere altre tre Vele di Scampia

    Viene denominato "Restart Scampia" il piano di riqualificazione che punta a fare del quartiere di "Gomorra" un'area cerniera al centro della città metropolitana. E vale 27 milioni finanziati dal Governo: la firma della convenzione da parte del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni -con al fianco

    – di Vera Viola

    Lo spettro dell'astensionismo sulle elezioni amministrative

    C'è uno spettro che si aggira sulle elezioni di domani: l'astensionismo. Quella fetta sempre più grande di italiani che negli ultimi anni ha progressivamente deciso di chiamarsi fuori dalla partecipazione al voto, vuoi per disincanto vuoi per protesta. Lo ha ricordato il Censis: nei sette

    – Manuela Perrone

1-10 di 103 risultati