Persone

Rocco Sabelli

Rocco Sabelli è un manager italiano.

E’ stato amministratore delegato di Alitalia. Questo incarico gli è stato conferito dalla Compagnia Aerea Italiana fondata da Roberto Colaninno, con il quale Sabelli ha già collaborato in Immsie in Piaggio.

Sabelli è stato uno degli artefici dell'operazione che ha portato all'acquisizione della fallita Alitalia da parte della newco Compagnia Aerea Italiana. Prima di giungere in Alitalia-CAI ha fondato e diretto Data Service. In precedenza ha lavorato come consigliere non esecutivo in Tiscali, carica ricoperta dal 2007, e prima ancora in Immsi, società quotata e diretta da Roberto Colaninno.

In seguito all'acquisizione di Piaggio da parte di Immsi, Sabelli è stato amministratore delegato di Piaggio e Aprilia dal 2003 al 2006. Proprio di Immsi, holding industriale e di servizi, Sabelli è stato amministratore delegato a partire dal 2003. Nel 2002 con lo stesso Colaninno aveva contribuito a fondare Omniainvest, la holding industriale del gruppo.

In precedenza aveva avuto ruoli di rilievo all'interno di Telecom Italiae di Tim. Inizialmente si era occupato di pianificazione e controllo, per poi passare a Tim nella posizione di direttore generale operativo. Con l'ingresso di Colaninno nella compagine societaria, continua ad avere incarichi di rilievo all'interno di Telecom. Prima di approdare in Telecom, Sabelli ha lavorato dal 1985 al 1992 in ENI, con incarichi dirigenziali di alto livello, fino a quello di amministratore delegato di New Ideni.

Gli esordi professionali di Sabelli risalgono al 1983, quando entra nella Gepi, occupandosi di fusioni e acquisizioni. Sabelli è laureato in ingegneria chimica.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Telecomunicazioni | Rocco Sabelli | Roberto Colaninno | Tiscali | Eni | Omniainvest | Club Alpino Italiano | Piaggio | TIM | Alitalia | New Ideni |

Ultime notizie su Rocco Sabelli

    Tim, F2i muove su Persidera ma guarda anche alle torri tlc

    In Telecom torna la tradizione di riunire il consiglio a Torino, dove si trova il laboratorio della compagnia telefonica e dove normalmente si discute di tecnologia: l'appuntamento è per lunedì 6 maggio. Oltre a trattare questioni di governance, il cda dovrebbe fare il punto sulle operazioni in

    – di Antonella Olivieri

    Tim-Open Fiber, la priorità è la rete unica

    Cdp non vuole mettere il carro davanti ai buoi. Su Telecom - per la Cassa che è anche azionista di Open Fiber - la priorità non è l'ingresso nel cda dell'incumbent, bensì la realizzazione della rete unica, progetto a seguito del quale la ridefinizione della governance potrebbe anche diventare il

    – di Antonella Olivieri

    Tim, Cda in corso. Si parte dal 3 a 2 per Gubitosi ad e direttore generale

    Il comitato nomine di Telecom Italia, che si è riunito stamattina, ha designato Luigi Gubitosi per la nomina a nuovo amministratore delegato e direttore generale, con la maggioranza dei tre componenti in quota Elliott (il presidente Alfredo Altavilla, Anna Bonomo e Rocco Sabelli) e l'opposizione

    – di Antonella Olivieri

    Tim, Gubitosi verso la carica di amministratore delegato. Attesa per il cda

    «Non abbiamo nessuna preferenza sui nomi, saremo laici, chiunque sarà scelto sarà l'amministratore delegato col quale interloquiremo». Così ha risposto alle agenzie di stampa il vice-premier e titolare del ministero dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, alla domanda se il Governo preferisca per

    – di Antonella Olivieri

    Tim, si spacca il fronte Elliott. Impasse tra Gubitosi e Altavilla

    Il comitato nomine di Telecom si spacca. Ma non con l'ormai consueta contrapposizione tra "francesi" e "americani". Bensì all'interno della stessa compagine espressa da Elliott. Al comitato, che si è riunito ieri in prima mattinata, è entrata una rosa di tre nomi, tutti in quota Elliott, per la

    – di Antonella Olivieri

    Tim, ribaltone ai vertici. Il Cda sfiducia l'ad Genish, domenica il successore

    Amos Genish non è più l'ad di Telecom Italia: sfiduciato con 10 voti a 5, nel corso in un cda straordinario di prima mattina. Le deleghe sono state assegnate ad interim al presidente Fulvio Conti fino alla scelta del nuovo ad, per la quale è stato convocato un nuovo cda il 18 novembre.

    Telecom, ripartono le manovre sull'ad: Sabelli si tira fuori

    Vivendi non si fida del presidente Telecom Fulvio Conti, Elliott non si fida dell'ad Amos Genish. In questo quadro conflittuale si sta consumando l'ennesimo tentativo di ridisegnare l'organigramma operativo della compagnia telefonica nazionale, all'indomani della discesa in campo del Governo - in

    – di Antonella Olivieri

1-10 di 186 risultati