Persone

Roberto Morassut

Roberto Morassut è nato il 16 novembre del 1963 a Roma ed è un deputato alla Camera esponente del Partito Democratico (PD), è uno dei candidati alle primarie del PD, per la scelta del candidato Sindaco di Roma, che si terranno il prossimo 6 marzo.

Ha iniziato la sua esperienza politica negli anni '80, quando ancora liceale si è iscritto alla Federazione Giovanile Comunista Italiana.

Membro della Segreteria cittadina di Roma del PCI e del PDS, nel 1989 aderisce al Partito Democratico della Sinistra.

Eletto segretario romano del PDS, entra a far parte della Direzione nazionale del partito.

Tra il 2008 ed il 2009 ricopre l'incarico di segretario regionale del PD del Lazio e nel 2013 entra a far parte della Commissione Nazionale del Congresso del Partito Democratico.

E' stato Consigliere comunale di Roma nel 1997 ed Assessore all'Urbanistica ed a Roma Capitale, sotto la guida di Walter Veltroni, nel 2001.

Nel 2008 è stato eletto deputato alla Camera nella Circoscrizione Lazio 1, incarico riconfermato alle politiche del 2013.

In qualità di deputato del PD alla Camera è componente della VIII Commissione (Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici) e membro della delegazione parlamentare presso l'assemblea parlamentare della Nato.

Il 1° febbraio del 2016 ha reso pubblica la sua candidatura alle Primarie del PD per ia scelta del candidato a Sindaco di Roma.

Roberto Morassut è sposato ed ha due figli.

Ultimo aggiornamento 03 marzo 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Roberto Morassut | Walter Veltroni | Deputato | Primarie | PDS | Roma | Autorità per la Vigilianza sui Lavori Pubblici | Federazione Giovanile Comunista Italiana | PCI | Commissione Nazionale | Nato | PD | Camera dei deputati |

Ultime notizie su Roberto Morassut

    Aspi, il Governo stringe: nuova proposta entro il weekend, o revoca della concessione

    Sul tema è intervenuto anche il sottosegretario Pd all'ambiente Roberto Morassut, che giovedì sera ha detto: «Dalla gestione di Autostrade per l'Italia sono emerse gravi inadempienze: il governo ha il diritto di valutare la possibilità di una revoca o di una radicale revisione delle concessioni per tutelare l'integrità del patrimonio pubblico, la sicurezza dei cittadini e la credibilità del regime concessorio nel rapporto tra pubblico e privato».

    Governo Conte bis, chi sono i 21 ministri e i 42 sottosegretari

    In quota M5S ci sono 21 sottosegretari M5s, 18 per il Pd, due sono espressione di LeU e uno del Maie. I pentastellati, primo partito in Parlamento, mantengono la maggioranza sia di sottosegretari che di viceministri: 6 contro i 4 del Partito democratico

    Conte bis, ecco la lista dei 42 sottosegretari e viceministri

    Decisivo il pressing sulla maggioranza del premier Giuseppe Conte, che nei giorni scorsi avevachiesto a M5S e Pd tempi rapidi «per essere attivi quanto prima», garantendo la piena efficienza del Governo giallo-rosso e togliere argomenti alla propaganda del leader della Lega Matteo Salvini

    – di Vittorio Nuti

    M5S in rivolta per il metodo di scelta dei sottosegretari. Di Maio: «Deciderò io»

    Doveva essere una scelta condivisa con i gruppi parlamentari. Ma la partita dei 22-23 sottosegretari che dovrebbero spettare al Movimento 5 Stelle, sui 42 complessivi che andranno a completare la squadra del Governo Conte 2, si è trasformata in un Vietnam. Con animi surriscaldati, toni accesi,

    – di Manuela Perrone

    M5S-Pd, Conte al lavoro sul programma. Oggi vertice con Di Maio e Zingaretti. Grillo: occasione unica

    Ieri mattina incontro tra il presidente della Repubblica e il premier incaricato, dopo che l'ultimatum di Di Maio aveva congelato la trattativa per la nascita di un esecutivo giallo rosso. Dopo il vertice a Palazzo Chigi la strada della trattativa sembra tornata in discesa. Delrio (Pd) e D'Uva (M5S): fatti passi avanti. Conte farà la sintesi. Oggi vertice premier incaricato-Zingaretti-Di Maio. Grillo benedice l'intesa: occasione unica

    Ilva, Alitalia e Tav: tutte le partite industriali che dividono M5S-Pd

    Per l'acciaieria di Taranto una soluzione andrà trovata entro il 6 settembre, quando in assenza di tutele legali ArcelorMittal potrebbe fermare l'attività. Entro il 15 il consorzio formato da Fs, Atlantia, Delta e Mef dovrà definire l'offerta vincolante e il piano industriale per la nuova compagnia aerea

    – di Andrea Carli

1-10 di 64 risultati