Persone

Roberto Calderoli

Roberto Calderoli è un politico- E' stato ministro per la semplificazione normativa, senatore della Repubblica, nonché esponente di spicco della Lega Nord.

Calderoli arriva allincarico di ministro per la semplificazione normativa nel 2008, grazie alla vittoria alle elezioni tra le fila della Lega Nord a fianco del PdL. In precedenza, dal 2006 al 2008, Calderoli è stato anche vicepresidente del Senato. In uno dei precedenti governi Berlusconi, dal 2004 al 2006, Calderoli era stato ministro per le riforme.

In questo periodo è uno dei firmatari della legge elettorale attualmente in vigore. Dal 2002 è coordinatore delle segreterie nazionali della Lega Nord. La sua avventura in Parlamento comincia nel 1992 quando viene eletto alla Camera dei deputati; viene successivamente rieletto fino al 2001, quando si presenta al Senato. Contestualmente, ricopre incarichi di rilievo all'interno del suo partito. Nel 1993 diventa presidente della Lega Lombarda e, dal 1995 al 2002, ne è segretario nazionale.

I suoi primi passi in politica risalgono al 1990, quando viene eletto consigliere comunale a Bergamo, incarico che mantiene fino al 1995. Roberto Calderoli è medico con specializzazione in chirurgia maxillo-facciale.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Roberto Calderoli | Lega | PDL | Senato | Camera dei deputati |

Ultime notizie su Roberto Calderoli

    Sì della Cassazione al quesito leghista: mina referendum sulla legge elettorale

    Il quesito referendario presentato da otto regioni a guida centrodestra e messo a punto dal leghista Roberto Calderoli - che mira a cancellare la quota proporzionale del Rosatellum estendendo i collegi uninominali al 100% del territorio nazionale - ha ricevuto il via libera della Cassazione. Il passaggio decisivo sarà però quello di gennaio, quando la Corte costituzionale deciderà sull'ammissibilità del quesito

    – di Emilia Patta

    La spada di Damocle dei due referendum sulla legge elettorale

    Al momento della nascita del Conte 2 l'accordo M5s-Pd era per un proporzionale con soglia alta (5%). Ma nel corso delle settimane il segretario del Pd Nicola Zingaretti ha accarezzato l'idea di un sistema maggioritario a doppio turno nazionale tra le prime due coalizioni. Dopo il voto regionale in Umbria che ha visto la debacle dell'asse M5s-Pd il capo politico del Movimento Di Maio si è messo di traverso, più di quanto avesse già fatto in precedenza, spingendo per la soluzione proporzionalista

    – di Emilia Patta

    Caso Copasir, un virus minaccia l'attività del Parlamento

    Le Camere hanno gli anticorpi per sventare che siano sfigurate funzioni di garanzia come quella dei presidenti delle Commissioni. Anticorpi che si trovano nelle responsabilità dei rispettivi presidenti

    – di Montesquieu

    Crocifisso in aula, Fioramonti: «Sono per scuola laica». E divampa la polemica

    Si riaccende una querelle "storica", quella tra chi è favorevole e chi contrario al crocifisso nelle aule delle scuole italiane. Una controversia mai sopita tra cattolici e laici che partì quasi un ventennio fa con una crociata da parte di Adel Smith, presidente dell'Unione musulmani d'Italia e del giudice Luigi Tosti, promotori di una battaglia anti-crocifisso

    – di An.C.

    Referendum anti-proporzionale, la politica delega ancora ai giudici

    Il tema della legge elettorale, nell'incapacità delle forze politiche di trovare un accordo di sistema che regga per tutti alle contingenze politiche come avviene in altri Paesi europei, è affidato all'iniziativa referendaria leghista e di conseguenza alla decisione dei giudici costituzionali sull'ammissibilità del quesito

    – di Emilia Patta

    Dalla Lombardia al Friuli: il fronte del Nord per il referendum anti-proporzionale

    Sono già arrivati i sì di quattro consigli regionali (Piemonte, Lombardia e Friuli, oltre alla Sardegna)e sono attesi a stretto giro i sì di Piemonte e Liguria: il che consentirà di presentare entro lunedì in Cassazione la richiesta del referendum per eliminare dal Rosatellum la parte proporzionale

    – di Andrea Gagliardi

    Taglio parlamentari: l'abc della riforma che elimina 345 eletti

    Il disegno di legge costituzionale prevede 400 deputati e 200 senatori elettivi. Questo taglio decorre dalla data del primo scioglimento o della prima cessazione delle Camere successiva alla data di entrata in vigore della riforma

    – di Andrea Carli

    Senato, la Lega fa mancare numero legale: quali sono le commissioni a rischio

    In molte commissioni la maggioranza conta su numeri esigui. Nella Affari costituzionali al Senato, ad esempio, su 25 componenti i membri della maggioranza sono 14. E ci sono 11 presidenti leghisti tra Camera e Senato pronti a ostacolare l'attività parlamentare del nascente governo giallorosso

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 1619 risultati